Le banche del territorio per lo sviluppo dell’economia reale

Le banche del territorio per lo sviluppo dell’economia reale

“In Italia non ci sono troppe banche”. Finalmente si inizia a ragionare e a mettere da parte il furore ideologico che ha costruito, nel corso di oltre un ventennio, uno tra i più radicati luoghi comuni. Quello secondo il quale nel nostro Paese ci sarebbero troppe banche e che molte di queste risulterebbero troppo inefficienti nel mercato attuale. Le cose non stanno così e lo abbiamo più volte sottolineato. Ora, ad affermarlo è anche Camillo…

Continua a leggere

Bankitalia: cresce il risparmio delle famiglie

Bankitalia: cresce il risparmio delle famiglie

Malgrado tutto, le famiglie italiane riprendono a risparmiare. I dati forniti dalla Banca d’Italia, nella sua relazione annuale, attestano che la propensione al risparmio delle famiglie, calcolata al netto della variazione delle riserve dei fondi pensione, è lievemente aumentata passando dall’8 per cento del 2015, all’8,3 nel 2016. Certo, resta su valori bassi sia se si fa riferimento agli storici sia se paragonata a quella dell’area euro che si attesta attorno ad un più sostanzioso…

Continua a leggere

Economia dei territori e sviluppo sostenibile

Economia dei territori e sviluppo sostenibile

Anche se la crisi economica sembra ormai avere attenuato i suoi effetti sul sistema bancario, con quest’ultimo che inizia ad evidenziare segnali di ripresa degli impieghi alla clientela, continuano ad essere numerose ed impegnative le sfide che si profilano all’orizzonte per le banche non solo italiane ma anche europee. In primo luogo, le operazioni di ristrutturazione che nel nostro Paese sono già in atto da diverso tempo sono destinate a proseguire con l’obiettivo di raggiungere…

Continua a leggere

Impresa globale ed economia di scala: un modello finito

Impresa globale ed economia di scala: un modello finito

“The Vanishing American Corporation”. La scomparsa dei grandi gruppi americani è il titolo di un libro di successo di Gerald F. Davis, docente di sociologia all’Università del Michigan, ma è anche il tema di una discussione che, da quasi dieci anni, quelli della grande crisi economica, sta investendo gli Stati Uniti. In Europa, e soprattutto in Italia, l’eco di questo dibattito giunge molto debole e, come spesso accade, con gran ritardo. Che il mondo stia…

Continua a leggere

Le banche popolari si basano sul principio della solidarietà

Le banche popolari si basano sul principio della solidarietà

E’ un frate cappuccino, Ludovic de Basse, che nel 1878, ad Angers nella Loira, fonda quella che viene considerata la prima banca popolare francese, la Banque des Travailleurs Chrétiens. A questa ne seguiranno tante altre, diciassette delle quali ad opera dello stesso de Basse in tutto il territorio francese. Il frate, successivamente, a Parigi, fonderà anche il Crédit Mutuel ed Populaire con una propria pubblicazione periodica, il Bulletin du Centre Fédératif du Crèdit Populair.  Dopo…

Continua a leggere

Banche: la necessità di responsabilità sociale e biodiversità

Banche: la necessità di responsabilità sociale e biodiversità

Un euro ogni quattro, guadagnato dalle prime 20 banche d’affari europee nel 2015, finisce in un paese a tassazione privilegiata o a zero tasse, i cosiddetti paradisi fiscali. E così utili per 25 miliardi di euro non sono tassati. Il guadagno dichiarato nei paesi con una tassazione privilegiata si aggira attorno al 26% dell’utile totale delle filiali di queste grandi venti banche che hanno dichiarato, sempre nel 2015, quasi cinque milioni di utili in Lussemburgo,…

Continua a leggere

LA RIPRESA ECONOMICA ATTARAVERSO IL MICROCREDITO

LA RIPRESA ECONOMICA ATTARAVERSO IL MICROCREDITO

Si torna in questi giorni a parlare della necessità di riavviare il circuito del credito. Le ricette messe in atto dalle diverse autorità economiche, finanziarie e monetarie per uscire dalla crisi non stanno dando gli effetti sperati. Soprattutto in Italia, ma in maniera diversa anche nel resto d’Europa, l’impatto di queste misure continua ad essere molto modesto. Ecco allora che i riflettori vengono, finalmente, puntati sull’economia reale e sulla necessità di far ripartire il credito….

Continua a leggere

EDUCAZIONE FINANZIARIA: ASSOPOPOLARI PRONTA

EDUCAZIONE FINANZIARIA: ASSOPOPOLARI PRONTA

Nell’iter di discussione per la conversione in legge del decreto “salva-risparmio” sembra essere pronto un importante e, finalmente, concreto emendamento sull’educazione finanziaria. Di educazione finanziaria, soprattutto negli ultimi due anni e soprattutto in concomitanza di eventi critici di singoli istituti bancari, molto si è parlato e molto si parla, ma ancora troppo poco è stato fatto. Dall’esito di un censimento di Bankitalia sulle iniziative di educazione finanziaria in Italia emerge che non sono affatto mancati…

Continua a leggere

Stop a Basilea 4: una buona notizia

Stop a Basilea 4: una buona notizia

Il 2017 si è aperto con una buona notizia per il sistema bancario. Il Comitato sulla Supervisione Bancaria di Basilea ha rinviato, con la quanto mai generica formula “al prossimo futuro”, la definizione dell’insieme di regole che avrebbero dovuto rivedere l’attuale normativa di Basilea 3. Il pericolo di Basilea 4 è, almeno per ora, scampato. La stampa italiana, concentrata sulla lunga e complessa situazione di MPS, si è occupata forse troppo poco e troppo rapidamente…

Continua a leggere

Federico Caffè e la solitudine del riformista

Federico Caffè e la solitudine del riformista

“Federico capì la situazione prima di noi e ha trascorso gli anni che ci separano da lui tornando alla sua amata musica classica e al silenzio.” E poi un dettaglio: “Una volta lo interruppi in questo ascolto con una canzone di Lucio Dalla, Come è profondo il mare. Ascoltò in silenzio, accennò un grazie con la mano, e riprese l’ascolto di una sinfonia di Mahler”. Poche righe del bellissimo libro di Bruno Amoroso, Memorie di…

Continua a leggere
1 2 3 5