I Cinquestelle non sono affidabili

I Cinquestelle non sono affidabili

di Dario Parrini   Non cessano le pressioni sul Pd affinché sostenga un governo con il M5S. Non si tiene però conto di un dato fondamentale: che l’interlocutore con il quale il Pd dovrebbe accordarsi non ha dato fin qui segno di essere minimamente affidabile. E se il tuo interlocutore non è affidabile, come puoi seriamente trattarci? Come puoi andare a vedere le carte di qualcuno che probabilmente sta barando? Questi sono interrogativi ineludibili in primo…

Continua a leggere

Banche/ Luzzatti S.p.A., Popolari insieme per il mercato

Banche/ Luzzatti S.p.A., Popolari insieme per il mercato

POPOLARI INSIEME PER GESTIRE LE SFIDE DEL MERCATO Al lavoro la Luigi Luzzatti S.p.A.   di Giuseppe De Lucia Lumeno *     Unire le forze per gestire le nuove sfide dei mercati. Quello dei non performing loan (npl) è stato uno di quegli ambiti in cui la compagine non ha perso tempo, facendo subito gruppo e promuovendo un’operazione comune da proporre al mercato, così da ridurre costi, aumentare sinergie e utilizzare anche la garanzia…

Continua a leggere

Il ruolo e il futuro della sinistra riformista in Italia e in Europa

Il ruolo e il futuro della sinistra riformista in Italia e in Europa

  di Enrico Morando   Secondo alcuni lo scontro politico – ma anche culturale, sociale e civile – non sarebbe più organizzato lungo l’asse destra-sinistra, ma lungo l’asse apertura-chiusura. Sul piano economico: liberalizzazione della circolazione di merci, persone e capitali contro chiusura protezionistica. Sul terreno dell’identità: mondialismo contro nazionalismo. Sul piano culturale: multiculturalismo contro identità tradizionali. Infine, sul futuro della Unione Europea: più integrazione versus rinazionalizzazione (compreso il recupero di sovranità monetaria).   Destra-sinistra o…

Continua a leggere

L’eredità di Ruffilli: il cittadino come arbitro

L’eredità di Ruffilli: il cittadino come arbitro

di Stefano Ceccanti   In un saggio del 1987 Ruffilli descriveva la situazione italiana come un’anomalia negativa. Da quel testo provengono alcune delle idee poi riprese nella legge del 1993   Gli anni Ottanta furono quelli della rimozione di un grande tabù, quello della proporzionale, rimasta intangibile dopo il fallimento della legge a premio di maggioranza del 1953, e dell’idea che il sistema dovesse aiutare il cittadino a scegliere direttamente il Governo perché le intese…

Continua a leggere

Trent’anni dall’assassinio di Roberto Ruffilli

Trent’anni dall’assassinio di Roberto Ruffilli

di Carlo Fusaro*   Oggi Roberto Ruffilli avrebbe appena ottant’anni! Sarebbe certamente fra noi a rilanciare la strategia delle riforme istituzionali di cui fu protagonista e che indusse le Brigate Rosse a pronunciarne ed eseguirne la condanna a morte, dieci anni dopo Moro.    Fu assassinato a Forlì sulla porta di casa, del tutto inerme. Cose così sono successe in Italia con impressionante frequenza per quasi 15 anni e non ce lo dovremmo dimenticare mai:…

Continua a leggere

Quartapelle: “Ecco come può rinascere il riformismo”

Quartapelle: “Ecco come può rinascere il riformismo”

Intervista di Francesco Cancellato a Lia Quartapelle (fonte: Linkiesta)   «Dovremmo prendere esempio da Jeremy Corbyn». Suona strana, una riflessione del genere, se esce dalla bocca di una come Lia Quartapelle, giovane deputata del Partito Democratico – una dei tre in grado di vincere un collegio uninominale nel nord Italia dominato dal centrodestra -, distillato puro di riformismo di rito ambrosiano. Eppure. «Io sono molto distante dalle idee del leader del leader laburista inglese –…

Continua a leggere

Roberto Ruffilli, ovvero la necessità delle riforme, 30 anni dopo

Roberto Ruffilli, ovvero la necessità delle riforme, 30 anni dopo

Il 16 aprile 1988 Roberto Ruffilli venne ucciso dalle Brigate Rosse. A 25 anni dall’assassinio dell’illustre giurista ripubblichiamo per i lettori di Libertà Eguale il testo di Augusto Barbera, giudice della Corte Costituzionale, apparso per la prima volta sulla rivista Il Mulino, il 12 aprile 2013, con il seguente titolo: “A 25 anni dall’assassinio di Roberto Ruffilli”.   ***   di Augusto Barbera*   La agghiacciante notizia dell’assassinio di Roberto Ruffilli ad opera del vile gruppo di…

Continua a leggere

Ceccanti a Fico: “Lo Statuto del M5S viola la Costituzione”

Ceccanti a Fico: “Lo Statuto del M5S viola la Costituzione”

Per l’Illustre Presidente Roberto Fico Camera dei deputati Sede Illustre Presidente, la lettera inviataLe in data 9 dal collega Magi pone un problema specifico di violazione dell’articolo 67 da parte dello Statuto del Gruppo parlamentare del Movimento 5 Stelle in relazione all’articolo 21 comma 5. La lettura del testo dello Statuto pone però ulteriori problemi di violazione di tale disposizione costituzionale e del Regolamento della Camera in cui lo Statuto si inserisce. Non a caso…

Continua a leggere

Il Partito Democratico ha un futuro?

Il Partito Democratico ha un futuro?

Intervista di Pierluigi Mele a Giorgio Tonini*   Giorgio Tonini, dopo quattro legislature lei non si è ricandidato e adesso è un ex-senatore, ma rimane un esponente politico del PD, autorevole perché di grande esperienza (nella precedente legislatura è stato, tra l’altro, Presidente della Commissione Bilancio del Senato). Proviamo, per quanto è possibile, a fare un ragionamento sulla crisi del suo partito. Non si può non prendere le mosse dalle cause della sconfitta. Come è…

Continua a leggere

l’Italia che ha voglia di futuro

l’Italia che ha voglia di futuro

di Tommaso Nannicini     A poche ore dalle elezioni, c’è ancora chi si chiede se valga la pena votare. Eppure con il voto di domenica c’è molto in gioco. Raramente la scelta è stata più chiara di così: siamo chiamati a decidere se vogliamo avere una voce credibile in Europa e partecipare a una stagione di cambiamento che porti l’Unione Europea a trovare soluzioni all’altezza dei suoi ideali oppure se vogliamo chiamarci fuori dalla…

Continua a leggere
1 2 3 24