Per essere socialdemocratici oggi… serve più Europa

Per essere socialdemocratici oggi… serve più Europa

di Antonio Preiti   Ultima arriva l’Austria. La sconfitta dei socialdemocratici si aggiunge al minimo storico dei socialdemocratici tedeschi, all’azzeramento dei socialisti francesi, al risultato populista della Brexit e all’elezione ugualmente populista di Trump. Insomma, anche a essere ciechi, si vede che in occidente qualcosa a sinistra non va. La domanda, allora, diventa: la sinistra (intesa in senso lato), con il suo apparato di idee, programmi, linguaggio, sensibilità, e con la sua concezione del mondo,…

Continua a leggere

Forza e debolezza dei nazionalismi europei

Forza e debolezza dei nazionalismi europei

di Sergio Fabbrini   I nazionalismi europei: ci sono quelli di sinistra e quelli di destra. Ma hanno un denominatore comune: sono contro l’Europa. In un recente editoriale per Il Sole 24 Ore, Sergio Fabbrini propone un’analisi efficace dei sovranismi. Con piacere annunciamo che l’autore parteciperà all’Assemblea di Libertà Eguale (Orvieto, 2-3 dicembre 2017)     Non c’è stata un’elezione recente che non abbia registrato uno slittamento anti-europeista dei sistemi politici nazionali coinvolti. Dopo la…

Continua a leggere

Rethinking Europe: solidarietà, sviluppo, pace

Rethinking Europe: solidarietà, sviluppo, pace

di Papa Francesco   Vi proponiamo il discordo del Papa Francesco I ai partecipanti alla Conferenza “(Re)thinking Europe”, organizzata dalla Commissione delle Conferenze Episcopali dell’Unione Europea (COMECE)     Sono lieto di prendere parte a questo momento conclusivo del Dialogo (Re)Thinking Europe. Un contributo cristiano al futuro del progetto europeo, promosso dalla Commissione degli Episcopati della Comunità Europea (COMECE). Saluto particolarmente il Presidente, Sua Eminenza il Cardinale Reinhard Marx, come pure l’On. Antonio Tajani, Presidente del…

Continua a leggere

Un pacto de Estado para Cataluña

Un pacto de Estado para Cataluña

di Miquel Iceta, Segretario del Partito Socialista Catalano   Pubblichiamo di seguito un intervento in lingua originale di Miquel Iceta sulla questione catalana. Miquel Iceta, nato nel 1960, è dal 2014  segretario del Partito Socialista Catalano (Psc, federato al Psoe) nonché capolista e candidato Presidente della Catalogna per le prossime elezioni del 21 dicembre. Parteciperà con un collegamento via Skype al Convegno di Orvieto di Libertà Eguale (2-3 dicembre 3017). Il suo sito è: https://miqueliceta.com/   Una grave…

Continua a leggere

Si può ancora fare politica contro le false idee sull’Europa

Si può ancora fare politica contro le false idee sull’Europa

di Jurgen Habermas   “L’Unione non è sinonimo di noia né di burocrazia Ma per salvarla va riformata”. Un appello che il grande filosofo tedesco rilancia, auspicando che anche negli altri stati europei si affermino leader di statura analoga a quella del francese Macron (La Repubblica, 28 ottobre 2017).      Per Walter Benjamin la capitale dell’Europa era Parigi; per l’ironico e ostinato Robert Menasse dovrà essere Bruxelles. In questo modo il vincitore del Deutscher…

Continua a leggere

Per un’Europa sovrana, unita e democratica

Per un’Europa sovrana, unita e democratica

di Emmanuel Macron       Sono venuto a parlarvi d’Europa. Ancora? Diranno alcuni. Dovranno abituarsi, perché continuerò: è la nostra storia, la nostra identità, il nostro orizzonte, ciò che ci protegge e ci assicura un futuro. Sembra che non sia mai il momento di parlare d’Europa, per alcuni è sempre troppo presto o troppo tardi. Ci siamo rassegnati alla tattica e abbiamo perso di vista l’obiettivo, perché è più comodo discutere di strumenti senza…

Continua a leggere

Macronismo, uno nuovo spettro si aggira per l’Europa

Macronismo, uno nuovo spettro si aggira per l’Europa

L’ascesa di Emmanuel Macron alla presidenza francese ha messo media e politici alla ricerca della formula segreta per replicarne il successo. Macron è un eclettico prodotto dell’élite intellettuale e amministrativa francese, economicamente liberale, socialmente progressista, marcatamente a favore dell’integrazione europea. Dopo oltre tre anni di attentati terroristici nelle strade di Francia, la scelta di un candidato che orgogliosamente rivendica il valore dell’apertura al mondo era tutt’altro che scontata.  Non sorprendono quindi l’entusiasmo e il desiderio…

Continua a leggere

Più Europa, più sociale

Più Europa, più sociale

“Permane la disuguaglianza. L’Europa non è sufficientemente sociale. Dobbiamo cambiarla.” Potrebbero sembrare parole da “sinistra radicale”, se non fosse noto che sono, invece, quelle pronunciate il 14 settembre scorso dinanzi al Parlamento europeo da Jean-Claude Juncker, presidente della Commissione.  Juncker ha ragione. Per raccogliere l’accorato appello sarebbe, dunque, utile pensare ad uno strumento che contribuisca a costruire un’Europa più “politica” e a costo possibilmente zero. In realtà, un’idea c’è. L’ha lanciata poco prima dell’estate il…

Continua a leggere

Ue: mancanza di memoria storica nemica della democrazia

Ue: mancanza di memoria storica nemica della democrazia

“La democrazia, scriveva Norberto Bobbio, alimenta aspettative che non è in grado di soddisfare”. Ampliando i margini di libertà e alimentando il “mito” dell’uguaglianza, la democrazia dilata le aspettative degli individui di poter realizzare i propri progetti, di esplorare l’ignoto travolgendo ogni limite, di proiettarsi continuamente nel futuro non accontentandosi mai di quello che si ha. Se a ciò si aggiunge la travolgente velocità con cui la tecnologia sta cambiando la nostra vita, ecco spiegata…

Continua a leggere

Il vento del populismo soffia sulla Ue

Il vento del populismo soffia sulla Ue

Alcune ragionate riflessioni di Giorgio Napolitano sulla inopportunità del ricorso al referendum popolare per decidere la permanenza o l’uscita del Regno Unito dalla Ue hanno fornito al “popolo del web” l’occasione per l’ennesimo bombardamento a suon di insulti e improperi a danno dello stesso Presidente emerito. Con la calma e l’attenzione che l’argomento merita, proviamo svolgere alcune considerazioni sul tema. A decidere se rimanere o andarsene dalla Ue è stato chiamato il popolo. Quale popolo?…

Continua a leggere
1 2 3