SI, tutto ciò che la sinistra non deve essere

SI, tutto ciò che la sinistra non deve essere

Nasce SI. E nasce male. Ma dobbiamo ringraziare questo tentativo perché ci spiega molte cose. Ecco, pertanto, alcuni buoni motivi che fanno della Cosa Rossa l’ennesimo progetto fallimentare della sinistra italiana. La mancanza di una leadership In qualsiasi democrazia moderna che si rispetti, il leader è quella figura capace di incarnare il progetto di governo della maggioranza che vince le elezioni, di assumere la responsabilità individuale della realizzazione di questo progetto, di rendicontare ai cittadini…

Continua a leggere

Caro Mineo, la mutazione genetica del Pd è necessaria

Caro Mineo, la mutazione genetica del Pd è necessaria

L’uscita del senatore Corradino Mineo dal Gruppo Pd al Senato era minacciata da tempo. Già noto alla cronaca per essersi rifiutato di versare la sua quota al partito, giustificandosi con la diminuzione di introiti subita nel passaggio dalla Rai al Senato – oh, indigenza! -, Corradino Mineo è nipote di Mario, storico esponente dell’intellettualità e della politica palermitana, che ha attraversato il Pci, il Psi, la sinistra extraparlamentare e che, alla fine, ha fondato un…

Continua a leggere

Stabilità: puntare sulla cultura per far crescere il paese

Stabilità: puntare sulla cultura per far crescere il paese

Troppo spesso il patrimonio artistico nel nostro paese è stato vissuto come un fardello capace solo di succhiare soldi, una visione cui se ne contrappone un’altra non meno preoccupante: quella  denominata da Pier Luigi Sacco in un suo articolo sul Domenicale del Sole24ore come “petrolifera”, tesa cioè a sfruttare lo sfruttabile senza una strategia di sistema  a lungo termine. Insomma  se non siamo al livello di affermazioni come “con la cultura non si mangia” di…

Continua a leggere

Unioni civili: le mezze misure sono un’illusione

Unioni civili: le mezze misure sono un’illusione

Le legge sulle unioni civili segue faticosamente il suo iter in Parlamento mentre il mondo occidentale è attraversato da una sorta di movimento tellurico, paragonabile per la sua intensità e i suoi effetti soltanto al processo che nella prima metà del Novecento portò alla piena cittadinanza femminile. Oggi il tema è il riconoscimento pubblico del diritto degli e delle omosessuali a vivere la loro sessualità e la loro relazione di coppia in piena libertà, ma…

Continua a leggere

Marino, profeta narcisista?

Marino, profeta narcisista?

“Se c’è qualcuno in questa assemblea, qualcuno dei cari amici di Cesare, a lui io dico che l’amore di Bruto per Cesare non era minore del suo. Se, poi, quell’amico chiedesse perché Bruto insorse contro Cesare, questa è la mia risposta. Non è che amo Cesare di meno, ma è che amo Roma di più.” E alla fine, grazie al discorso di Bruto nel Giulio Cesare di Shakespeare, lo slogan di Marino “Non è politica,…

Continua a leggere

Il bicameralismo che cambia

Il bicameralismo che cambia

Con 179 sì, 16 no e 7 astenuti il Senato dà il via libera alla Riforma Costituzionale. Di seguito l’intervento di Stefano Ceccanti al Convegno: “L’ÉTAT PRÉSENT DU BICAMÉRISME EN EUROPE” « J’aime tellement l’Allemagne que je préfère qu’il y en ait deux » François Mauriac 1- Premessa: l’analogia tra le due Germanie e il bicameralismo ripetitivo Questo Convegno, pur programmato da mesi, si svolge con un eccezionale tempismo, almeno con riferimento all’Italia. Il Senato italiano ha…

Continua a leggere

La questione meridionale è questione italiana

La questione meridionale è questione italiana

Pubblichiamo l’intervento di Leonardo Impegno alla XVI Assemblea annuale di Libertàeguale   Voglio cominciare questo mio intervento evocando quanto detto da Matteo Renzi, allorché, nominato Presidente del Consiglio, approcciò il tema del Mezzogiorno. “Ciò che serve all’Italia serve al Mezzogiorno”, disse. E’ così, certo. Ma la frase, se possibile, va modificata: “ciò che serve all’Italia serve ancor di più al Mezzogiorno”! E la questione meridionale è la questione italiana. Questo è il dato di partenza,…

Continua a leggere

Una coalizione di “Riformisti clandestini”

Una coalizione di “Riformisti clandestini”

Pubblichiamo l’intervento di Luigi Covatta alla XVI Assemblea annuale di Libertàeguale In un articolo sul Corriere più volte citato nel dibattito Michele Salvati si chiedeva perché Renzi, oltre a vincere, non riesce a convincere. Prima però bisognerebbe chiedersi perché Renzi riesce a vincere: e la risposta è perché opera nel vuoto della politica. Perché ha per avversari principali un blog e un algoritmo (a meno che non vogliamo prendere sul serio le opposizioni interne che minacciano…

Continua a leggere

Fantasia vs omologazione

Fantasia vs omologazione

Pubblichiamo l’intervento di Mario Rodriguez alla XVI Assemblea annuale di Libertàeguale La relazione di Claudio Petruccioli ha messo in evidenza che il partito democratico, soprattutto in questa fase caratterizzata dall’affermazione di Matteo Renzi, ha assunto (o ribadito) alcune caratteristiche che possiamo considerare acquisizioni condivise all’interno della nostra associazione: lo schema maggioritario e bipolare delle regole del gioco, la vocazione maggioritaria, il ruolo indispensabile della leadership, la contendibilità della leadership stessa, l’apertura agli elettori (la più…

Continua a leggere

Un partito per le riforme “con” il leader

Un partito per le riforme “con” il leader

Pubblichiamo l’intervento di Magda Negri alla XVI Assemblea annuale di Libertàeguale La destrutturazione perdurante di un centro destra potenzialmente di governo e l’immobilismo del M5S, i nostri principali competitori, non paragonabile al sistema politico di nessun sistema europeo e quindi alla situazione di nessun partito socialista europeo, ci consegna un campo aperto per la strutturazione del Pd e una situazione di grande vantaggio per la nostra proposta politica. Petruccioli ha ripercorso il travagliato processo di…

Continua a leggere
1 10 11 12 13 14 15