L’eredità di Ruffilli: il cittadino come arbitro

L’eredità di Ruffilli: il cittadino come arbitro

di Stefano Ceccanti   In un saggio del 1987 Ruffilli descriveva la situazione italiana come un’anomalia negativa. Da quel testo provengono alcune delle idee poi riprese nella legge del 1993   Gli anni Ottanta furono quelli della rimozione di un grande tabù, quello della proporzionale, rimasta intangibile dopo il fallimento della legge a premio di maggioranza del 1953, e dell’idea che il sistema dovesse aiutare il cittadino a scegliere direttamente il Governo perché le intese…

Continua a leggere

Trent’anni dall’assassinio di Roberto Ruffilli

Trent’anni dall’assassinio di Roberto Ruffilli

di Carlo Fusaro*   Oggi Roberto Ruffilli avrebbe appena ottant’anni! Sarebbe certamente fra noi a rilanciare la strategia delle riforme istituzionali di cui fu protagonista e che indusse le Brigate Rosse a pronunciarne ed eseguirne la condanna a morte, dieci anni dopo Moro.    Fu assassinato a Forlì sulla porta di casa, del tutto inerme. Cose così sono successe in Italia con impressionante frequenza per quasi 15 anni e non ce lo dovremmo dimenticare mai:…

Continua a leggere

Roberto Ruffilli, ovvero la necessità delle riforme, 30 anni dopo

Roberto Ruffilli, ovvero la necessità delle riforme, 30 anni dopo

Il 16 aprile 1988 Roberto Ruffilli venne ucciso dalle Brigate Rosse. A 25 anni dall’assassinio dell’illustre giurista ripubblichiamo per i lettori di Libertà Eguale il testo di Augusto Barbera, giudice della Corte Costituzionale, apparso per la prima volta sulla rivista Il Mulino, il 12 aprile 2013, con il seguente titolo: “A 25 anni dall’assassinio di Roberto Ruffilli”.   ***   di Augusto Barbera*   La agghiacciante notizia dell’assassinio di Roberto Ruffilli ad opera del vile gruppo di…

Continua a leggere

L a discussione meditata sul termine ‘razza’ all’Assemblea Costituente

L a discussione meditata sul termine ‘razza’ all’Assemblea Costituente

Gli atti dell’assemblea Costituente sono una miniera. Sul termine “razza” ci fu una discussione nella seduta del 24 marzo 1947 perché Cingolani per la Dc avrebbe voluto sostituirla con la parola “stirpe”, considerata più neutra. Cingolani però ritirò l’emendamento dopo aver ascoltato le argomentazioni di Laconi e del Presidente della Commissione dei 75 Meuccio Ruini che qui riporto e che vanno in direzione opposta a quelle del candidato leghista Fontana. Laconi: “Noi non possiamo accettare questa…

Continua a leggere

La Costituzione e gli (inconsapevoli) etologi

La Costituzione e gli (inconsapevoli) etologi

di Ranieri Bizzarri   Settant’anni fa, esattamente il 22 Dicembre del 1947, veniva approvata la Costituzione italiana. Il 1° Gennaio del 1948 entrava in vigore. Le belle storie politiche mi sono sempre piaciute, e questa ne è un esempio.   L’ambiguità del concetto di lavoro L’art.1 della Costituzione ha sempre avuto un rilievo speciale. E’ nota la discussione su quella formulazione “Repubblica democratica fondata sul lavoro” che fu approvata, in seguito all’emendamento Fanfani, con pochi…

Continua a leggere

18 anni di Libertà Eguale/4 I cattolici democratici e lo spirito del riformismo

18 anni di Libertà Eguale/4 I cattolici democratici e lo spirito del riformismo

di Stefano Ceccanti     L’originalità dell’esperienza di Libertà Eguale (e forse anche la ragione della sua durata, che è molto ampia nel quadro dell’associazionismo politico della cosiddetta seconda Repubblica) consiste nel fatto che in essa si sono ritrovate persone che venivano dalle diverse culture politiche riformiste della fase precedente, precorrendo la nascita del Pd. Ovviamente la tenuta dipende in prospettiva dal fatto che vi si riconoscano persone che per motivi generazionali non hanno conosciuto…

Continua a leggere

18 anni di Libertà Eguale/3 Dopo la ‘svolta’: la Quercia, l’Ulivo e il nuovo pilastro riformista

18 anni di Libertà Eguale/3 Dopo la ‘svolta’: la Quercia, l’Ulivo e il nuovo pilastro riformista

L’origine più lontana di “Libertàeguale” va ricercata – io credo – negli anni della “svolta” che concluse la storia del Pci. A voler essere pignoli, si potrebbe risalire ancora più indietro; ma, in questo caso, si finirebbe quasi inevitabilmente col ripercorrere biografie personali, forse non prive di significato, ma certo non tali da poter essere assunte come riferimento esauriente. Non mi riferisco tanto al momento iniziale della “svolta”, quando si scelse fra il SI e…

Continua a leggere

18 anni di Libertà Eguale/2 “I Democratici”, la rivista che preparò il cambiamento

18 anni di Libertà Eguale/2 “I Democratici”, la rivista che preparò il cambiamento

di Giovanni Cominelli   Correva l’anno 1994. Il 26 gennaio Berlusconi era “disceso in campo” con una video-cassetta mandata a TV e giornali. Due mesi dopo, il 27/28 marzo, il suo Polo delle libertà/Polo del Buon Governo aveva già vinto le elezioni anticipate, con il 42,84% dei voti (16.585.516 assoluti), mentre I Progressisti di Achille Occhetto conquistavano il 34,34% (13.308.244 assoluti) e Patto per l’Italia di Mario Segni il 15,75% (6.098.986 assoluti).   La proposta…

Continua a leggere

18 anni di Libertà Eguale/1 Meriti e bisogni, i socialisti per le riforme

18 anni di Libertà Eguale/1 Meriti e bisogni, i socialisti per le riforme

di Luigi Covatta     Quando Luciano Cafagna partecipò alla fondazione di Libertà eguale eravamo entrambi reduci da una delusione: il fallimento di quella che per Luciano avrebbe dovuto essere una “Cosa grande” per cui valeva la pena impegnarsi, e che invece D’Alema, con burocratica serialità, aveva classificato soltanto come una “Cosa due”: un percorso politico che dopo le elezioni del 1996 era stato avviato da D’Alema ed Amato e che aveva suscitato non poche…

Continua a leggere

Riformisti, spieghiamo la scienza!

Riformisti, spieghiamo la scienza!

di Ranieri Bizzarri     Sin dalle sue origini, la sinistra politica e i partiti “progressisti” si sono proposti come i depositari ideali della rivoluzione scientifica e del metodo di interpretare la realtà che con essa si è affermato.   La sinistra ha sempre associato conoscenza scientifica e progresso sociale I filosofi della Rivoluzione Francese, oltre ad essere in molti casi scienziati essi stessi, interpretavano la scienza come una forza di liberazione e di civilizzazione…

Continua a leggere
1 2