LibertàEguale

Digita parola chiave

La cuoca di Lenin e il governo del cambiamento

Luigi Covatta sabato 26 maggio 2018
Condividi

di Luigi Covatta

 

 

Nel 1982 dovevamo scegliere uno slogan per la Conferenza programmatica del Psi che si sarebbe tenuta a Rimini.

Io, forse anche per arruffianarmi Craxi con la sua passione per le vecchie barbe del riformismo milanese, avevo proposto il turatiano “Rifare l’Italia”. Lui lo bocciò, e scelse “Governare il cambiamento”: perchè, mi spiegò, il cambiamento ormai procedeva autonomamente, e la politica poteva solo sperare di governarlo.

La stessa cosa, da un’altra cattedra, ci spiegò Bobbio tre anni dopo, revocando in dubbio l’identificazione fra riformismo e progresso che pure aveva avuto un fondamento nei primi decenni del Novecento.

Adesso leggo che si sta formando il “Governo del Cambiamento” e mi trovo un po’ spiazzato. L’impressione, nella migliore delle ipotesi, è che si tratti del cambiamento del governo. Altrimenti c’è da temere che i 5 stelle pensino davvero che la politica possa ancora determinare il cambiamento, come a cavallo fra Ottocento e Novecento.

Strano destino, per una forza nata all’insegna dell’antipolitica. Destino pericoloso per noi, però, se un secolo dopo la rivoluzione d’ottobre saremo ancora cavie di esperimenti di ingegneria sociale. E pazienza se Lenin diceva che anche una cuoca avrebbe potuto governare lo Stato comunista: al Cremlino, di fatto, le cuoche non uscirono mai dalle cucine.

Direttore di Mondoperaio, è vicepresidente di Libertàeguale. Dal 1979 al 1994 è stato parlamentare per il partito socialista, del quale nel 1992 è stato vicepresidente della “Commissione parlamentare per le riforme istituzionali”. Dal 1986 al 1989 è stato sottosegretario alla Pubblica istruzione, nei governi Craxi, Goria e De Mita. Dal 1989 al 1992 è stato sottosegretario ai beni culturali in due governi Andreotti.

Tags:

Lascia un commento

L'indirizzo mail non verrà reso pubblico. I campi richiesti sono segnati con *

Riepilogo preferenze privacy

Preferenze

Questi cookie permettono ai nostri siti web di memorizzare informazioni che modificano il comportamento o l'aspetto dei siti stessi, come la lingua preferita o l'area geografica in cui ti trovi. Memorizzando l'area geografica, ad esempio, un sito web potrebbe essere in grado di offrirti previsioni meteo locali o notizie sul traffico locale. I cookie possono anche aiutarti a modificare le dimensioni del testo, il tipo di carattere e altre parti personalizzabili delle pagine web.

La perdita delle informazioni memorizzate in un cookie delle preferenze potrebbe rendere meno funzionale l'esperienza sul sito web ma non dovrebbe comprometterne il funzionamento.

NID

ad

Statistiche

Google Analytics è lo strumento di analisi di Google che aiuta i proprietari di siti web e app a capire come i visitatori interagiscono con i contenuti di loro proprietà. Questo servizio potrebbe utilizzare un insieme di cookie per raccogliere informazioni e generare statistiche sull'utilizzo dei siti web senza fornire informazioni personali sui singoli visitatori a Google.

__ga
__ga

other