LibertàEguale

Digita parola chiave

Alleanza Pd-M5s? Dico no, senza giochi di parole

Dario Parrini domenica 16 dicembre 2018
Condividi

di Dario Parrini

 

SULL’IDEA DELL’ALLEANZA PD-M5S NON GIOCHI DI PAROLE MA SCHIETTEZZA

In un convegno di Italianieuropei, Gianni Cuperlo, un amico di cui ho sempre riconosciuto l’intelligenza e lo spessore, anche quando non ne ho condiviso le valutazioni, ha riproposto una lettura a mio avviso profondamente errata della natura del M5S e di come verso il M5S dovrebbe atteggiarsi il Pd.

Secondo Cuperlo, Lega e M5S non sono la stessa cosa, e il Pd dovrebbe prefiggersi di  “disarticolare” l’attuale maggioranza di governo.
Con la stima di cui dicevo poc’anzi, vorrei invitare Gianni a non nascondersi dietro a dei giri di parole su una questione fondamentale.

Si privilegi la schiettezza.
Andando al sodo, Cuperlo ci sta dicendo che il Pd ha sbagliato a non allearsi con il M5S dopo le elezioni del 4 marzo. E che deve sentirsi in colpa per il fatto che Di Maio e Salvini governano insieme. E infine che il Pd dovrebbe prepararsi a governare con i grillini dopo averli staccati dai leghisti.

Personalmente, NON CONDIVIDO questa analisi.

PENSO che il Pd debba, con buone proposte e comportamenti adeguati, puntare a sottrarre elettori al M5S, non a stringerci accordi.

PENSO che M5S e Lega siano, per quanto diversi, ugualmente dannosi.

E PENSO che invece di domandarsi come mai questa maggioranza è nata, ci si dovrebbe domandare come si possa il più velocemente possibile far comprendere a una grossa fetta di italiani che essa è pericolosa e che non merita alcuna fiducia.

Sindaco di Vinci dal 2004/2013. Nel 2013/2018 deputato e dal marzo 2018 senatore. Dal febbraio 2014 al marzo 2018 segretario Pd Toscana.

Tags:

Lascia un commento

L'indirizzo mail non verrà reso pubblico. I campi richiesti sono segnati con *

Riepilogo preferenze privacy

Preferenze

Questi cookie permettono ai nostri siti web di memorizzare informazioni che modificano il comportamento o l'aspetto dei siti stessi, come la lingua preferita o l'area geografica in cui ti trovi. Memorizzando l'area geografica, ad esempio, un sito web potrebbe essere in grado di offrirti previsioni meteo locali o notizie sul traffico locale. I cookie possono anche aiutarti a modificare le dimensioni del testo, il tipo di carattere e altre parti personalizzabili delle pagine web.

La perdita delle informazioni memorizzate in un cookie delle preferenze potrebbe rendere meno funzionale l'esperienza sul sito web ma non dovrebbe comprometterne il funzionamento.

NID

ad

Statistiche

Google Analytics è lo strumento di analisi di Google che aiuta i proprietari di siti web e app a capire come i visitatori interagiscono con i contenuti di loro proprietà. Questo servizio potrebbe utilizzare un insieme di cookie per raccogliere informazioni e generare statistiche sull'utilizzo dei siti web senza fornire informazioni personali sui singoli visitatori a Google.

__ga
__ga

other