Il debito, il pd e la critica di Fraccaro

Il debito, il pd e la critica di Fraccaro

di Giorgio Tonini   Riccardo Fraccaro, autorevole esponente del Movimento Cinquestelle, è un deputato che stimo e al quale auguro sinceramente, nell’interesse del Trentino, di essere chiamato alla guida di un importante ministero. Proprio per questo, ritengo che non possa essere lasciata passare senza una risposta la critica che l’on. Fraccaro ha espresso, nel suo intervento sull’Adige di martedì scorso, nei riguardi della politica economica dei governi a guida Pd della passata legislatura. Non si tratta di difendere retrospettivamente…

Continua a leggere

Riconciliarsi. Il Pd e il caso Camogli

Riconciliarsi. Il Pd e il caso Camogli

di Marilù Tamborino   In questi giorni, sono stata partecipe di un piccolo evento: la presentazione di una lista civica di candidati della sinistra alle elezioni comunali di quella meraviglia che è Camogli; una mia cara amica, una compagna del liceo, si è candidata. Le è stato chiesto e lei non si è sottratta, partendo con lei ed altri una operazione di ricomposizione di varie anime del mondo della sinistra che alla sfida di una…

Continua a leggere

Le tesi di Orlando: preludio di una scissione?

Le tesi di Orlando: preludio di una scissione?

di Umberto Minopoli*   E’ andata in scena la scissione del Pd. La minoranza ha reso esplicito il motivo che dividerà il Pd. Rendendo impossibile la convivenza. Lo ha fatto Orlando con un intervento irritante, schematico, pressapochista e dilettantesco. Per Orlando sta nascendo il governo più reazionario della storia repubblicana. Ed è vero. Ma per lui questo non è il risultato del voto, né della convergente natura populista di Lega e Cinque Stelle ( comprovata…

Continua a leggere

Assemblea Pd: riflessioni sparse (ma puntuali) di un riformista

Assemblea Pd: riflessioni sparse (ma puntuali) di un riformista

di Marco Campione   Ma è andata così male come dicono? Si. Martina fa un buon discorso nella parte di analisi e pessimo in quella di sintesi e prende gli applausi solo sulle parti che strizzano l’occhio alla minoranza, che con una standing ovation ne decreta la morte come reggente. Peccato. Per lui, ma soprattutto per il Pd. Orlando si attesta sulla linea della mozione Mussi-Salvi del 2007. Auguri. Se Martina si lascia schiacciare su…

Continua a leggere

Ma i 5s hanno posizioni inconciliabili su Europa e principi liberali

Ma i 5s hanno posizioni inconciliabili su Europa e principi liberali

di Stefano Ceccanti   Con riguardo al dibattito ospitato su questo sito in questi giorni, mi permetto di rilevare due tipi di problemi per i quali, secondo me, regge benissimo la linea proposta da Petruccioli e per cui invece il testo di Tonini ha una seria contraddizione interna. Il primo riguarda tutti coloro che hanno proposto un confronto col M5S. In politica esistono i rapporti di forza e non bisogna mai essere mossi da un…

Continua a leggere

Pd-M5S: bisognava confrontarsi. Ora il Pd è irrilevante

Pd-M5S: bisognava confrontarsi. Ora il Pd è irrilevante

In vista dell’Assemblea nazionale del Pd, Claudio Petruccioli ha scritto su Twitter che “Il contratto dimostra come la convergenza fra M5S e Lega sia ampia e fondata. È in questo senso una cosa seria e dimostra che dal voto del 4 marzo non poteva nascere governo diverso. Spero che il Pd cominci a discutere da questo dato di fatto”.   Il dibattito Petruccioli-Ricciardi A Petruccioli ha risposto, sempre su Twitter, il nuovo direttore del Mulino,…

Continua a leggere

L’accordo Lega-M5S è fondato. Il Pd ne tragga le conseguenze

L’accordo Lega-M5S è fondato. Il Pd ne tragga le conseguenze

di Claudio Petruccioli Il 17 maggio ho scritto questo tw: “Il contratto dimostra come la convergenza fra i cinquestelle e la Lega di Salvini sia ampia e fondata. E’, in questo senso, una cosa seria e dimostra che dal voto del 4 marzo non poteva nascere governo diverso. Spero che il PD cominci a discutere partendo da questo dato di fatto”.   Pd-5s: un dibattito su… Twitter Poco dopo è arrivato un tw da parte…

Continua a leggere

La scoperta dell’ovvio: il contratto giallo-verde

La scoperta dell’ovvio: il contratto giallo-verde

di Giorgio Armillei   Le anticipazioni sul contratto di governo versione 1.0 hanno fatto barcollare molti fiancheggiatori e compagni di strada della maggioranza giallo-verde. Eppure non ci sono sconvolgenti novità per chi stia seguendo con attenzione la nuova stagione proporzionalistica della Repubblica italiana.   Il ritorno della Repubblica dei partiti Ci si straccia le vesti per il comitato di conciliazione ma nel quadro del parlamentarismo assoluto, voluto con forza dai no del referendum del 4…

Continua a leggere

Il grande gioco: il governo, il pd e la nuova cultura politica da inventare

Il grande gioco: il governo, il pd e la nuova cultura politica da inventare

di Giovanni Maria Cominelli   Il grande gioco. Il governo, il PD e la nuova cultura politica, tutta da inventare     Al momento in cui scrivo… Mai è stata così opportuna la premessa! Perché l’itinerario della formazione del governo è tuttora pieno di salite, di curve cieche, di buche e di sassi. Tuttavia, poiché si tratta di una strada a senso unico, più Di Maio e Salvini avanzano più sarà difficile fare inversioni a…

Continua a leggere

La via del rilancio del Pd

La via del rilancio del Pd

  di Lia Quartapelle, Filippo Barberis, Mario Rodriguez     La grave perdita di consenso elettorale del PD alle elezioni del 2018 può essere compresa solo considerandola nel contesto più ampio delle vicende economiche e sociali del continente europeo e della sinistra europea.   Il peso della crisi economica Come era prevedibile la crisi economica che passerà alla storia come la “grande recessione” non poteva non avere ripercussioni pesanti sul rapporto tra cittadini e istituzioni…

Continua a leggere
1 2 3 8