LibertàEguale

Digita parola chiave

Condividi

di Umberto Minopoli

 

Per la verità: la legge 194 non è una legge a favore dell’aborto ma a tutela della donna. Il principio esplicito della legge è dettare “norme per la tutela sociale della maternità e sull’interruzione volontaria della gravidanza”. Così detta la legge: norme.

 

La 194 tutela la donna (non l’aborto)

Che significa? Che la 194, a differenza di altre legislazioni, non concepisce l’aborto fornito liberamente a chi lo chiede, ma lo considera lecito in alcuni casi e considera l’aborto non come un diritto privato e personale, come credono alcuni, ma come questione sociale, subordinata al vero principio della 194. Che non è libertà assoluta di aborto, ma la “rilevanza sociale della maternità”.

La legge, in sostanza, configura situazioni di ammissibilità (tra cui la salute e la tranquillità psicologica della donna) di un atto considerato, in linea di principio, negativamente. Insomma: chi è in linea di principio “a favore della vita” può (per me laico dovrebbe) essere a favore della 194. E, in quanto legge, non impedirne la sua applicazione.

Questa è la 194. Ve ne siete dimenticati dirigenti del Pd? Si dissenta pure da Carla Padovani. Ma senza barare. Non è l’aborto un valore del Pd, come dice qualche dirigente in modo idiota. Lo è il rispetto di una legge, la 194, che non è “per l’aborto”, come si dice, ma per la sua “decriminalizzazione” e sottomissione a “norme”.

 

La commissione di garanzia per Padovani sarebbe stalinismo

La 194 fu scritta per poter essere tollerata e rispettata anche da credenti e dalla Chiesa. Ve ne siete scordati? Io ho l’età e la storia (ero militante del Pci all’epoca) per ricordarlo. La posizione di quel partito, che ispirò la 194, non era uguale a quella del partito radicale. Si può dissentire dalla capogruppo del PD a Verona, che ha sostenuto una mozione ispirata dai nemici della 194, ma non sostenere il falso: che l’aborto sia un “valore”.

E, tantomeno, invocare, come fa Orlando, la commissione di garanzia per Padovani (leggi qui per sapere che cosa è successo a Verona). Sarebbe intollerabile: non si invoca la commissione per Emiliano, uno che calpesta, rompe, umilia, violenta ogni giorno il partito che lo ha eletto e si richiedono provvedimenti per una persona che, sbagliando, ha espresso un voto di coscienza. Questo è stalinismo. Sono le porcate e le pugnalate alle spalle di Emiliano e soci che dovreste punire. Non il voto della Padovani. Due pesi e due misure? Molto vigliacco, per quanto mi riguarda.

 

 

 

Tags:

Lascia un commento

L'indirizzo mail non verrà reso pubblico. I campi richiesti sono segnati con *

Privacy Preference Center

Preferenze

Questi cookie permettono ai nostri siti web di memorizzare informazioni che modificano il comportamento o l'aspetto dei siti stessi, come la lingua preferita o l'area geografica in cui ti trovi. Memorizzando l'area geografica, ad esempio, un sito web potrebbe essere in grado di offrirti previsioni meteo locali o notizie sul traffico locale. I cookie possono anche aiutarti a modificare le dimensioni del testo, il tipo di carattere e altre parti personalizzabili delle pagine web.

La perdita delle informazioni memorizzate in un cookie delle preferenze potrebbe rendere meno funzionale l'esperienza sul sito web ma non dovrebbe comprometterne il funzionamento.

NID

ad

Statistiche

Google Analytics è lo strumento di analisi di Google che aiuta i proprietari di siti web e app a capire come i visitatori interagiscono con i contenuti di loro proprietà. Questo servizio potrebbe utilizzare un insieme di cookie per raccogliere informazioni e generare statistiche sull'utilizzo dei siti web senza fornire informazioni personali sui singoli visitatori a Google.

__ga
__ga

other