LibertàEguale

Digita parola chiave

Francia: per la sinistra il duello è già iniziato

Dario Parrini martedì 26 aprile 2016
Condividi

A un anno dal voto del 23 aprile 2017, il risultato delle presidenziali francesi sembra già scritto: socialisti fuori al primo turno, ballottaggio tra la Le Pen e Juppé, comodo successo finale dell’ex primo ministro. Mentre non vi è nel Fronte Nazionale chi possa contendere la candidatura presidenziale a Marine Le Pen, il centrodestra sceglierà per la prima volta il proprio candidato all’Eliseo mediante primarie aperte in programma il 20 novembre, con eventuale ballottaggio il 27: nessuno al momento dubita che a vincerle sarà Alain Juppé. Il settantenne sindaco di Bordeaux, un centrista più moderato e meno divisivo di Sarkozy, pare avviato a staccare quest’ultimo di dieci punti nel primo turno e di venti nel secondo.

La sinistra, dal canto suo, è alle prese con più di un’incognita: i sondaggi sulle presidenziali registrano intenzioni di voto al 2% per ognuno dei due candidati dei movimenti oltranzisti Lotta Operaia e Nuovo Partito Anticapitalista, il 3% per la Verde Duflot, il 13% per Mélenchon del Fronte Pcf-Parti de Gauche, e solo il 15% per il Presidente Hollande, sempre più impopolare tra i suoi connazionali. La somma di tutti i candidati di sinistra fa 35 per cento, lo stesso punteggio che per il primo turno delle presidenziali viene attribuito a Juppé, mentre la Le Pen è data al 30%.  Sono evidenti i dilemmi dinanzi ai quali si trovano i socialisti: l’accesso al ballottaggio del 7 maggio del prossimo anno resterà un sogno se le tre forze della sinistra non antisistema correranno divise al primo turno. Ma un accordo tra loro ad oggi appare inimmaginabile, e inoltre comporterebbe, insieme a qualche indubbio vantaggio elettorale a breve termine, grossi costi politici a lungo termine. Come può in queste condizioni il Ps recuperare voti ed evitare un bis del trauma del 2002 quando il sorpasso di Jean-Marie Le Pen estromise dal ballottaggio il primo ministro in carica Jospin che era uno dei cinque candidati al primo turno dei partiti dell’allora “maggioranza plurale”? Spostandosi a sinistra come sembra aver deciso Hollande negli ultimi giorni? Oppure puntando sull’abbattimento degli steccati tra sinistra e centro, storicamente molto alti in Francia, all’insegna di una proposta modernizzante e social-liberale come quella del giovane e dinamico ministro dell’economia Macron? Può accadere di tutto. Il duello è già iniziato.

Sindaco di Vinci dal 2004/2013. Nel 2013/2018 deputato e dal marzo 2018 senatore. Dal febbraio 2014 al marzo 2018 segretario Pd Toscana.

Tags:

Riepilogo preferenze privacy

Preferenze

Questi cookie permettono ai nostri siti web di memorizzare informazioni che modificano il comportamento o l'aspetto dei siti stessi, come la lingua preferita o l'area geografica in cui ti trovi. Memorizzando l'area geografica, ad esempio, un sito web potrebbe essere in grado di offrirti previsioni meteo locali o notizie sul traffico locale. I cookie possono anche aiutarti a modificare le dimensioni del testo, il tipo di carattere e altre parti personalizzabili delle pagine web.

La perdita delle informazioni memorizzate in un cookie delle preferenze potrebbe rendere meno funzionale l'esperienza sul sito web ma non dovrebbe comprometterne il funzionamento.

NID

ad

Statistiche

Google Analytics è lo strumento di analisi di Google che aiuta i proprietari di siti web e app a capire come i visitatori interagiscono con i contenuti di loro proprietà. Questo servizio potrebbe utilizzare un insieme di cookie per raccogliere informazioni e generare statistiche sull'utilizzo dei siti web senza fornire informazioni personali sui singoli visitatori a Google.

__ga
__ga

other