LibertàEguale

Digita parola chiave

Il grande torto che la scuola fa ai più poveri

Pietro Ichino giovedì 9 Giugno 2022
Condividi

di Pietro Ichino*

 

Il degrado diffuso della lingua italiana conseguente al degrado del suo insegnamento agli adolescenti produce un allargamento delle disuguaglianze economiche e sociali

 

Non è un lapsus sfuggito nel corpo dell’articolo: compare – martedì 24 maggio – ben evidenziato nella fascia giallo-blu con cui si aprono le pagine interne di Repubblica in onore alla resistenza del popolo ucraino. Tema: il sussidio che l’Agenzia per il Lavoro tedesca erogherà ai profughi ucraini disoccupati.

Il beneficio è condizionato all’ottenimento del permesso di soggiorno, ma il concetto viene espresso così: “Prerogativa sarà avere un permesso di soggiorno”. Il redattore cui è affidata una delle pagine centrali di uno dei nostri due quotidiani italiani maggiori, dunque, non conosce il significato della parola “prerogativa” che confonde con “presupposto”, o “requisito”. E nessun altro in redazione se ne accorge.

Al basso grado di conoscenza della lingua italiana delle nuove leve di giornalisti (anche della Rai) ormai ci stiamo abituando: oggi è normale incontrare sui nostri giornali il verbo “paventare” usato al posto di “prevedere”, il participio “inerente” come voce di un verbo transitivo, o l’aggettivo “reticente” per significare “riluttante”.

È il risultato di una scuola media – inferiore e superiore – che ha abdicato alla propria funzione: i ragazzi privi di genitori che conoscano l’italiano restano ignari della differenza tra “prerogativa” e “requisito”. Restano, conseguentemente, menomati nella capacità non solo di esprimersi, ma anche di leggere e capire.

E questo – don Lorenzo Milani insegna – è il torto peggiore che una società può fare alla parte più povera e debole dei propri cittadini. Un torto cui le forze politiche che hanno a cuore la giustizia sociale dovrebbero reagire esigendo controlli rigorosi sull’efficienza e l’efficacia della scuola pubblica, ponendo il diritto dei ragazzi all’apprendimento al primo posto.

Sinistra e sindacato, invece, pongono al primo posto l’inamovibilità dei professori, la loro protezione contro lo stress del controllo sull’efficacia del loro insegnamento. Così nelle nostre scuole è normale che un’intera classe sia privata dell’italiano solo perché l’insegnante non sa insegnarlo, o egli stesso lo conosce male.

 

*Editoriale telegrafico per la Nwsl n. 567, 30 maggio 2022 – In argomento v. anche il mio editoriale telegrafico del 6 dicembre 2021, Se la nostra lingua a scuola non si insegna più

Tags:

Lascia un commento

L'indirizzo mail non verrà reso pubblico. I campi richiesti sono segnati con *

Privacy Preference Center

Preferenze

Questi cookie permettono ai nostri siti web di memorizzare informazioni che modificano il comportamento o l'aspetto dei siti stessi, come la lingua preferita o l'area geografica in cui ti trovi. Memorizzando l'area geografica, ad esempio, un sito web potrebbe essere in grado di offrirti previsioni meteo locali o notizie sul traffico locale. I cookie possono anche aiutarti a modificare le dimensioni del testo, il tipo di carattere e altre parti personalizzabili delle pagine web.

La perdita delle informazioni memorizzate in un cookie delle preferenze potrebbe rendere meno funzionale l'esperienza sul sito web ma non dovrebbe comprometterne il funzionamento.

NID

ad

Statistiche

Google Analytics è lo strumento di analisi di Google che aiuta i proprietari di siti web e app a capire come i visitatori interagiscono con i contenuti di loro proprietà. Questo servizio potrebbe utilizzare un insieme di cookie per raccogliere informazioni e generare statistiche sull'utilizzo dei siti web senza fornire informazioni personali sui singoli visitatori a Google.

__ga
__ga

other