LibertàEguale

Digita parola chiave

Il nonno d’Italia per strappare voti alla Lega

Laura Landolfi giovedì 24 Gennaio 2019
Condividi

Non c’è da stupirsi. E infatti nessuno si è stupito, ma forse indignato sì. La nomina di Lino Banfi nella commissione italiana dell’Unesco rispecchia quello che Hegel chiamarebbe “zeigeist” ovvero lo spirito dei tempi. Tempi in cui non solo non conta la competenza ma neanche il buongusto.

Subito sui social è partita l’ironia, se Banfi è all’Unesco, allora Bombolo redivivo presidente del Consiglio. Se Banfi è all’Unesco, Barbara Bouchet alla Nato e via dicendo con diverse declinazioni che comprendono Edwige Fenech e Jerry Calà.

Dice bene Lia Quartapelle su queste pagine, siamo nell’era della diplomazia dei comici. In effetti quell’era era iniziata con Beppe Grillo sceso in politica che però di diplomatico non aveva niente, ma qualcosa da dire sì: basta i soliti noti, largo ai giovani,  chiunque essi siano (un po’ meno).

Banfi tra M5s e Lega

Allora non stupisce l’improvvisazione continua ma invece le dichiarazioni di Di Maio ospite alla trasmissione L’Aria che tira sulla7 sì.

A una perplessa Myrta Merlino che lo interrogava su capolavori del calibro di “L’allenatore nel pallone” e “Occhio, malocchio, prezzemolo e finocchio”, rispondeva che Banfi ora si è fatto una reputazione da nonno d’Italia. Et voilà lo sdoganamento del nazionalpopolare con frasi come “dobbiamo tanto ai nonni”; sappiamo bene che la società italiana si appoggia ormai completamente sulle loro spalle e sulle loro pensioni ma cosa c’entra l’Unesco?

Allora forse il voto social dei giovani non basta più al M5s e lo scopo, in vista delle elezioni, è conquistare i voti che finora sono andati in altre direzioni, soprattutto in quella della Lega con la sua quota 100

Cultura questa sconosciuta

Insomma Banfi rischia di essere l’ennesima prova della maretta tra i due strani alleati di governo e la riprova della scarsissima attenzione che il paese riversa nel suo principale patrimonio: la cultura.

Attenzione, viene da dire, che se continuiamo a chiudere gli enti culturali (vedi l’Ente teatrale italiano che ha chiuso i battenti nell’ormai lontano 2010), che se continuiamo a tagliare fondi al cinema, e all’arte, se gli intellettuali di casa nostra continuano a tacere, se passiamo il messaggio che con la cultura non si mangia, cosa peraltro ormai tristemente vera, ci ritroveremo con Pippo Franco al Quirinale.

Tags:

Lascia un commento

L'indirizzo mail non verrà reso pubblico. I campi richiesti sono segnati con *

Privacy Preference Center

Preferenze

Questi cookie permettono ai nostri siti web di memorizzare informazioni che modificano il comportamento o l'aspetto dei siti stessi, come la lingua preferita o l'area geografica in cui ti trovi. Memorizzando l'area geografica, ad esempio, un sito web potrebbe essere in grado di offrirti previsioni meteo locali o notizie sul traffico locale. I cookie possono anche aiutarti a modificare le dimensioni del testo, il tipo di carattere e altre parti personalizzabili delle pagine web.

La perdita delle informazioni memorizzate in un cookie delle preferenze potrebbe rendere meno funzionale l'esperienza sul sito web ma non dovrebbe comprometterne il funzionamento.

NID

ad

Statistiche

Google Analytics è lo strumento di analisi di Google che aiuta i proprietari di siti web e app a capire come i visitatori interagiscono con i contenuti di loro proprietà. Questo servizio potrebbe utilizzare un insieme di cookie per raccogliere informazioni e generare statistiche sull'utilizzo dei siti web senza fornire informazioni personali sui singoli visitatori a Google.

__ga
__ga

other