L’accordo Lega-M5S è fondato. Il Pd ne tragga le conseguenze

L’accordo Lega-M5S è fondato. Il Pd ne tragga le conseguenze

di Claudio Petruccioli Il 17 maggio ho scritto questo tw: “Il contratto dimostra come la convergenza fra i cinquestelle e la Lega di Salvini sia ampia e fondata. E’, in questo senso, una cosa seria e dimostra che dal voto del 4 marzo non poteva nascere governo diverso. Spero che il PD cominci a discutere partendo da questo dato di fatto”.   Pd-5s: un dibattito su… Twitter Poco dopo è arrivato un tw da parte…

Continua a leggere

Il governo populista e la crisi delle élite

Il governo populista e la crisi delle élite

di Alessandro Maran   È andata come doveva andare. Il governo populista, questo «premier gouvernement ‘antisystème’», come scrive Le Monde, è, in fondo, l’esito necessario del voto del 4 marzo. E non soltanto per mere considerazioni aritmetiche.   L’inganno dell’opinione pubblica Dietro la scelta compiuta dalla maggioranza degli italiani si nascondono molti ingredienti. Ci sono certamente la lotta contro l’immigrazione e la moralizzazione della vita pubblica, ma anche «l’inganno consapevole delle opinioni pubbliche» di cui…

Continua a leggere

Il grande gioco: il governo, il pd e la nuova cultura politica da inventare

Il grande gioco: il governo, il pd e la nuova cultura politica da inventare

di Giovanni Maria Cominelli   Il grande gioco. Il governo, il PD e la nuova cultura politica, tutta da inventare     Al momento in cui scrivo… Mai è stata così opportuna la premessa! Perché l’itinerario della formazione del governo è tuttora pieno di salite, di curve cieche, di buche e di sassi. Tuttavia, poiché si tratta di una strada a senso unico, più Di Maio e Salvini avanzano più sarà difficile fare inversioni a…

Continua a leggere

Lega-M5S: i perché della svolta (già scritta)

Lega-M5S: i perché della svolta (già scritta)

Salvo clamorosi colpi di scena (non sarebbe strano vista la storia di Berlusconi e M5S), l’accordo tra la Lega e i Cinquestelle sembra ormai cosa fatta.   Dal 4 dicembre al 4 marzo L’esito di queste ore – come abbiamo già scritto altre volte – trova la sua origine nel risultato del 4 dicembre 2016 prima ancora che nel risultato del 4 marzo 2018. In quella occasione, gli italiani hanno respinto il tentativo di riforma…

Continua a leggere

Nuovo governo: “è necessario che gli scandali avvengano”

Nuovo governo: “è necessario che gli scandali avvengano”

di Stefano Ceccanti     Nuovo governo: è necessario che gli scandali avvengano (Matteo 18,7). Il nuovo Governo, che somma due populismi sovranisti, è un male per l’Italia, quindi per noi tutti, Pd compreso. Tuttavia citare quella frase evangelica ha un senso. C’è infatti una graduatoria dei mali. Un male che si presenti in modo chiaro può essere necessario perché consente, almeno potenzialmente di fargli fronte in modo altrettanto chiaro. Viceversa un male confuso aggiungerebbe alla…

Continua a leggere

Accordo PD-M5S: l’ipotesi impossibile

Accordo PD-M5S: l’ipotesi impossibile

di Vittorio Ferla   L’ipotesi di un accordo politico tra PD e M5S è definitivamente sfumata dopo l’intervista di Matteo Renzi da Fazio. In molti, oggi, tirano un respiro di sollievo. Ma in tanti ci avevano sperato. In ogni caso, l’ipotesi ha scatenato un dibattito molto acceso all’interno del Partito Democratico (e, probabilmente, anche all’interno del M5S, ma per gli usi di quel partito non è permesso a noi cittadini di venirne a conoscenza). Nonostante…

Continua a leggere

Evitare la tragedia di un governo Lega-M5S

Evitare la tragedia di un governo Lega-M5S

di Giorgio Tonini   “L’avvenire non è più, in parte, nelle nostre mani”, ebbe a dire Aldo Moro dopo la sconfitta della Dc alle regionali del 1975. La severità della sconfitta politica del 4 marzo lascia nelle mani del Pd molte meno carte ancora. E tuttavia, il nostro ruolo è tutt’altro che irrilevante e grande è quindi la nostra responsabilità. Penso che non dovremmo lasciare nulla di intentato per evitare all’Italia la tragedia di un…

Continua a leggere

Ceccanti: “Renzi come Franceschini, serve una tregua per fare le riforme”

Ceccanti: “Renzi come Franceschini, serve una tregua per fare le riforme”

di Elisabetta Graziani, LaPresse   Stefano Ceccanti, costituzionalista e deputato Pd, commenta la proposta avanzata da Matteo Renzi di un governo per scrivere insieme una legge elettorale e le riforme costituzionali. Idea diversa da quella di Maurizio Martina che indica tre punti da cui partire basati su povertà, lavoro e tasse. Ceccanti è uno dei due parlamentari ad aver depositato una proposta di legge per riformare la Costituzione in senso presidenziale (l’altro è il senatore…

Continua a leggere

Friuli Venezia Giulia: la sconfitta dei Cinquestelle

Friuli Venezia Giulia: la sconfitta dei Cinquestelle

di Marco Campione     Dico la mia sul voto di ieri in Friuli Venezia Giulia.   1) Ovviamente non ha senso ricavare dal voto di una regione (manco fosse la più grande, e non è questo il caso) un senso politico nazionale. Ha invece senso interpretare politicamente anche un voto come questo. In sintesi: il dato politico c’è, ma renderlo assoluto non ha senso.   2) Gli unici dati comparabili sono quelli del voto…

Continua a leggere

Salvati su PD-5S: “il percorso riformista non deve interrompersi”

Salvati su PD-5S: “il percorso riformista non deve interrompersi”

di Michele Salvati*   Fonte: Corriere della Sera   Le consultazioni sono finite e si attende ora la decisione della direzione Pd. Se dovesse essere negativa, com’è probabile, al Presidente della Repubblica rimarrebbero aperte tre opzioni. Indurre Centrodestra e 5Stelle a riconsiderare una «alleanza dei vincitori»; un governo di emergenza da lui stesso promosso; nuove elezioni. Tutte presentano aspetti negativi: soprattutto un governo affidato a due forze populiste e antieuropee e, forse peggio, una prova…

Continua a leggere
1 2