LibertàEguale

Digita parola chiave

Lezioni americane: come difendersi dalla post-verità

Josep Maria Carbonell giovedì 28 Gennaio 2021
Condividi

di Josep Maria Carbonell

Sono stati scritti molti articoli sui drammatici eventi dell’assalto al Campidoglio degli Stati Uniti. Abbiamo potuto seguire in diretta l’attacco sollecitato da Donald Trump, vedere stupiti la passività delle forze di sicurezza, vedere la debolezza delle istituzioni democratiche americane e condividere l’emozione di un enorme numero di americani e cittadini del mondo di fronte all’aggressione al simbolo (sacro, per molti americani) simbolo della loro democrazia.

Leggendo la moltitudine di articoli vediamo che emergono diverse ragioni che tentano di spiegare lo shock subìto: l’incitamento permanente di Trump ai suoi seguaci sostenendo che fossero state rubate le elezioni, l’invenzione delle teorie del complotto di ogni tipo, dal sequestro del voto americano, il permanente all’insulto permanente e all’incitamento all’odio contro i Democratici e Joe Biden. Tutto questo è vero, ma va ricordato che Trump sosteneva da più di un anno che le elezioni sarebbero state una frode, e così anche il voto per corrispondenza, che i Democratici erano sottomessi ai regimi comunisti di Venezuela e Cina, e molte altre cose che andavano contro ogni principio comunicativo onesto ed etico. E tutto questo con il silenzio di tanti.

Mentire, mentire, mentire finché quella menzogna ripetuta tante e tante volte diventa vera per larghi strati della popolazione. Mentire, mentire, mentire per manipolare l’opinione pubblica e convincerla, senza scrupoli, senza integrità, senza limiti. Mentire come hanno fatto e fanno i regimi autoritari o totalitari. Ma la domanda che dobbiamo porci è: è possibile mentire così in una democrazia liberale, nella democrazia più antica e forse più solida del mondo?

Stavamo per seguire in diretta un colpo di stato incitato dallo stesso Presidente con l’intenzione di cambiare i risultati di un’elezione. La democrazia americana – imperfetta come tutte, ma la più antica – ha saputo resistere – almeno per ora – alle tentazioni autoritarie di Trump. La democrazia americana si basa, prima di tutto, su pesi e contrappesi, cioè sull’indipendenza di ciascuno dei tre poteri – legislativo, esecutivo e giudiziario – ma, allo stesso tempo, sulla vigilanza e l’interrelazione tra i tre.

In secondo luogo, si basa sulle libertà di tutti i tipi – religiose, associative, di espressione e informazione – garantite dal Primo Emendamento alla Costituzione americana. La stampa e i media sono attualmente soggetti a una regolamentazione minima e rimangono solo poche regole per impedire la concentrazione dei media. Negli Stati Uniti, per quanto riguarda la libertà religiosa, associativa, politica e di informazione, il Primo Emendamento proibisce qualsiasi legge che possa limitarne l’esercizio.

I pesi e i contrappesi hanno funzionato – con grande difficoltà – ma sono riusciti a far sì che la rule of law – lo stato di diritto – abbia resistito al tentativo di colpo di stato di Trump. E i media e le reti di comunicazione?

Timothy Snyder, professore alla Yale University, ha scritto un articolo di riferimento sul New York Times il 9 gennaio, intitolato “The American Abyss”. È un testo indispensabile per comprendere la profonda crisi americana, e in un paragrafo dice questo: “La post-verità è pre-fascismo, e Trump è stato il nostro presidente della post-verità. Quando rinunciamo alla verità, concediamo il potere a coloro che hanno ricchezza e carisma di creare spettacolo intorno a loro. Senza l’accordo su alcuni fatti di base, i cittadini non possono far parte della società civile e lasciarsi difendere (…). La post-verità erode lo stato di diritto e invita a un regime di miti “.

Sebbene il Primo Emendamento abbia severamente limitato la legislazione sui media, dal 1949 al 1987, negli Stati Uniti, la FCC, la Federal Communications Commission, ha costretto gli operatori dei media che utilizzano le frequenze radio (prima radio e poi televisione) a rispettare una serie di regole per garantire che l’informazione politica fosse onesta, equa ed equilibrata.

Era la dottrina dell’imparzialità (Fairness doctrine) e i media privati erano obbligati a garantire un’informazione professionale, onesta ed equilibrata, senza assumere posizioni politiche o senza premiare alcune parti a scapito di altre. Ronald Reagan è stato colui che ha posto fine a questa legge che fino a quel momento aveva garantito un certo controllo sui grandi media. Da quel momento è iniziata la “partigianeria” di diversi media.

Prima sono state le radio che hanno dato voce a posizioni molto estreme di natura religiosa, fondamentalista e di estrema destra, e dieci anni dopo avremmo trovato Fox News, diretto da Roger Aliens, che sarebbe diventata la grande macchina del consenso e dell’indottrinamento del mondo conservatore e repubblicano negli Stati Uniti.

Successivamente è arrivata l’esplosione delle reti di comunicazione elettronica e dei social network. In parte, i “mediatori” – i media – sono scomparsi nella catena del processo e del fenomeno comunicativo.

Molti teorici della comunicazione pensavano che si stesse aprendo una nuova era di libertà e che i cittadini convertiti alla cyber-religione sarebbero stati i nuovi ‘protagonisti’ di un mondo più libero. E in parte avevano ragione: grazie a internet e ai social network si sono create le condizioni, impensabili solo vent’anni fa, per la comunicazione di massa e libera o, come diceva l’attuale spagnolo ministro delle Università, Manuel Castells, per l’auto-comunicazione di massa.

Senza dubbio il panorama della comunicazione e la sfera pubblica del mondo erano notevolmente cambiati, ma questi esperti non intuivano che paradossalmente i nuovi media sarebbero potuti diventare delle vere e proprie trappole, una sorta di cavallo di Troia, contro la democrazia e della libertà. La rete è diventata un nuovo tipo di sfera pubblica senza alcun sigillo di qualità, attraverso la quale circolano tutti i tipi di contenuti, dove certe storie e racconti, che avrebbero potuto essere chiusi in gruppi molto piccoli, raggiungono il grande pubblico. È stato allora che questi gruppi minoritari hanno trovato le nuove finestre per inviare i loro messaggi. Negli Stati Uniti la somma di Fox News più l’agitazione trumpiana di Twitter e le bugie cospirative di alcuni gruppi di estrema destra sono state la base del suo movimento populista, antiliberale e autoritario.

La rete, in un certo senso, è stata dirottata da narrazioni molto estremiste, senza alcun contrasto o verifica, compito che era stato svolto dai media tradizionali. Trump ha usato Twitter in modo che i suoi messaggi non passassero attraverso alcun controllo di qualità delle informazioni. Ha praticamente annullato le conferenze stampa e ha attaccato i media. L’assalto al Campidoglio ci lascia, tra le tante immagini, con l’incendio delle telecamere da parte dei suoi seguaci, che ricordano gli atti del regime nazista.

Trump ha utilizzato il primo emendamento alla Costituzione americana, che garantisce la totale libertà di espressione e informazione, per mentire sistematicamente e per andare contro i media. La domanda che mi pongo è se le democrazie liberali debbano permettere, in nome della libertà di espressione, di mentire sistematicamente ingannando e manipolando i cittadini. Mi chiedo se le democrazie liberali saranno in grado di sopravvivere al deterioramento di una sfera pubblica irritata e marcita dalle bugie che si celano dietro la post-verità.

Alla fine del suo articolo, Snyder dice: “Gli Stati Uniti non sopravviveranno alla grande menzogna solo perché un bugiardo è escluso dal potere. Avranno bisogno di un nuovo pluralismo mediatico e di un impegno per i fatti come bene pubblico “.
Non dovremmo prendere determinate decisioni per impedire il sequestro della sfera pubblica da parte di predicatori di odio? Da politici che fanno delle bugie la loro tabella di marcia? Da parte dei media che, cercando il massimo di pubblico, si arrendono all’“altissimo potere e denaro”?

Tags:

Lascia un commento

L'indirizzo mail non verrà reso pubblico. I campi richiesti sono segnati con *

Privacy Preference Center

Preferenze

Questi cookie permettono ai nostri siti web di memorizzare informazioni che modificano il comportamento o l'aspetto dei siti stessi, come la lingua preferita o l'area geografica in cui ti trovi. Memorizzando l'area geografica, ad esempio, un sito web potrebbe essere in grado di offrirti previsioni meteo locali o notizie sul traffico locale. I cookie possono anche aiutarti a modificare le dimensioni del testo, il tipo di carattere e altre parti personalizzabili delle pagine web.

La perdita delle informazioni memorizzate in un cookie delle preferenze potrebbe rendere meno funzionale l'esperienza sul sito web ma non dovrebbe comprometterne il funzionamento.

NID

ad

Statistiche

Google Analytics è lo strumento di analisi di Google che aiuta i proprietari di siti web e app a capire come i visitatori interagiscono con i contenuti di loro proprietà. Questo servizio potrebbe utilizzare un insieme di cookie per raccogliere informazioni e generare statistiche sull'utilizzo dei siti web senza fornire informazioni personali sui singoli visitatori a Google.

__ga
__ga

other