LibertàEguale

Digita parola chiave

Dal catastrofismo al pragmatismo: ecco il successo della Cop26

Umberto Minopoli mercoledì 17 Novembre 2021
Condividi

di Umberto Minopoli

 

Forse il massimalismo è uscito, per sempre, dalla politica per il clima.

Rispetto alle precedenti e alla stessa Cop di Parigi del 2015, Glasgow (che segue il G20) contiene novità significative. Tutte vanno nella direzione del pragmatismo, del realismo e della multilateralità. E del rispetto dei problemi di chi sta più indietro e del tema chiave della decarbonizzazione: realizzarla senza bloccare la crescita e lo sviluppo.

È scomparsa la data imperativa del 2050 per la Net zero. Ma, nel contempo, tutti i grandi emettitori si sono impegnati a presentare piani per realizzarla “entro la metà del secolo”. È un passo avanti. Come lo è quello di destinare risorse crescenti all’adattamento (opere e infrastrutture dove ci sono minacce del meteo estremo) e non più solo alla mitigazione (emissioni).

Le intese bilaterali (decisiva quella Usa-Cina) hanno sostituito quella degli unanimismi declaratori. Più che la data finale del net zero conta il percorso verso di essa: cosa fare concretamente nei prossimi dieci anni, per ridurre le emissioni.

Messa così, l’opera appare meno proibitiva di quel che sembra: chiusura del carbone, riforestazioni, uso del nucleare che “evita” tanta CO2, risorse ai più svantaggiati per trasformare il loro mix energetico, ma anche per adattarsi ai cambi climatici, uso delle tecnologie per catturare la CO2, darsi una finanza comune per aiutare a transitare a una energia con minori emissioni.

Dal catastrofismo al pragmatismo. Se Dio vuole questo può essere il successo della Cop26. Con buona pace delle lamentazioni nichiliste sul fallimento dei potenti e la marcia dell’Apocalisse.

Tags:

Lascia un commento

L'indirizzo mail non verrà reso pubblico. I campi richiesti sono segnati con *

Privacy Preference Center

Preferenze

Questi cookie permettono ai nostri siti web di memorizzare informazioni che modificano il comportamento o l'aspetto dei siti stessi, come la lingua preferita o l'area geografica in cui ti trovi. Memorizzando l'area geografica, ad esempio, un sito web potrebbe essere in grado di offrirti previsioni meteo locali o notizie sul traffico locale. I cookie possono anche aiutarti a modificare le dimensioni del testo, il tipo di carattere e altre parti personalizzabili delle pagine web.

La perdita delle informazioni memorizzate in un cookie delle preferenze potrebbe rendere meno funzionale l'esperienza sul sito web ma non dovrebbe comprometterne il funzionamento.

NID

ad

Statistiche

Google Analytics è lo strumento di analisi di Google che aiuta i proprietari di siti web e app a capire come i visitatori interagiscono con i contenuti di loro proprietà. Questo servizio potrebbe utilizzare un insieme di cookie per raccogliere informazioni e generare statistiche sull'utilizzo dei siti web senza fornire informazioni personali sui singoli visitatori a Google.

__ga
__ga

other