LibertàEguale

Digita parola chiave

Condividi

di Massimiliano Santini

Candidato Pd nel Nord-Est

 

Siamo cittadini di un grande paese e di una grande regione. Per tanto tempo, l’Emilia-Romagna, il Veneto, il Trentino-Alto Adige e il Friuli-Venezia Giulia hanno guidato lo sviluppo economico e sociale italiano.

Tuttavia, durante gli ultimi 25 anni, lo sviluppo si è inceppato, in particolare dopo la grande recessione del 2007-11. Il tenore di vita è diminuito e le diseguaglianze sono aumentate. Questo ha generato insicurezza.

Oggi molti si rendono conto che il contratto sociale si è spezzato, e che i nostri figli non vivranno una vita migliore di quella dei loro genitori.

Questo senso di ansia e questa mancanza di fiducia stanno frantumando le fondamenta della nostra società. Per mantenere le promesse di pace e sviluppo, l’Europa deve aiutarci a trovare risposte concrete a questi problemi.

Per mantenere le promesse di pace e sviluppo, l’Europa deve aiutarci a trovare risposte concrete a questi problemi.

Nel Parlamento Europeo mi batterò per la sicurezza sociale, economica e personale di cui tutti abbiamo bisogno.

 

Sicurezza Sociale

Abbiamo bisogno di uno stato sociale che investa nelle persone, per tutelarci contro i momenti difficili prima che accadano, e aiutarci ad affrontarli quando accadono. Uno stato sociale che prima di tutto aiuta un lavoratore a mantenersi occupato, ma che dà sostegno economico se quel lavoro viene a mancare.

Mi batterò per gli investimenti nell’assistenza all’infanzia e nel congedo parentale, affinché i genitori possano dedicare tempo ai propri figli, e poi tornare al lavoro sapendo che i figli imparano e crescono sereni. Dovremmo guardare agli esempi di Francia e Svezia, dove gli asili nido sono gratuiti a partire dai 2 anni.

Mi batterò per gli investimenti nell’istruzione, specialmente nei primi anni, in modo che i ragazzi possano affrontare il futuro con fiducia. Dovremmo guardare agli esempi di Finlandia e Singapore, le cui scuole pubbliche sono le migliori al mondo.

Mi batterò per una riforma dello stato sociale fondata su dignità, rispetto ed equità sia per chi sia agli inizi della propria carriera, sia per chi abbia una vita di contributi. Dovremmo guardare in questo caso alla Danimarca o all’Austria, dove le agenzie di pubblico impiego aiutano a prepararsi per il lavoro e a trovare nuovi posti di lavoro.

 

Sicurezza Economica

Le nostre regioni hanno guidato il mondo nello sviluppo dell’industria e del commercio.

Adesso quello sviluppo si è inceppato. Non ci sono abbastanza opportunità per persone che vogliono un lavoro o per imprese che vogliono creare lavoro.

Mi batterò per un clima imprenditoriale trasparente. Abbiamo bisogno di regole semplici che tutti possano capire, un settore imprenditoriale che operi con queste regole, paghi le tasse e prosperi.

Mi batterò per l’energia pulita che alimenta l’industria del futuro. Il nostro pianeta non ci permette più di vivere a base di petrolio e gas. Sviluppiamo invece le nostre risorse naturali nazionali: usiamo il nostro vento, il nostro sole e le nostre risorse geotermiche. E creiamo allo stesso tempo nuovi posti di lavoro.

Mi batterò per sistemi di trasporto puliti che ci collegano ai nostri partner europei. Costruiamo le migliori moto e auto sportive del mondo: perché non possiamo anche costruire le migliori auto elettriche del mondo?

Abbiamo bisogno di un’Europa che funga da mediatore onesto, per aiutare le imprese a competere in modo equo e a creare posti di lavoro.

 

Sicurezza Personale

Garantire la sicurezza personale è la funzione più essenziale di qualsiasi stato degno di questo nome. Mi batterò per migliorare la vita di quartieri. Vogliamo un paese in cui i nostri figli possano andare a piedi a scuola, dove possiamo dormire tranquilli la notte.

Mi batterò per una condivisione responsabile dei dati tra le forze di polizia europee, in modo che i dati possano attraversare i confini ma la criminalità no.

Mi batterò infine per un sistema di migrazione che rispetti la dignità umana, sia leale verso i migranti e verso le comunità che li ricevono, e che condivida equamente l’onere tra quelle comunità. Vogliamo un paese che accolga i migranti senza paura.
L’Europa ci ha dato molte cose. Prosperità, per molto tempo. Libertà, ancora adesso. Per molte persone come me, la possibilità di studiare e lavorare dove sognavamo.

Ma ora vediamo l’Italia e l’Europa in crisi, e non in grado di fornire la sicurezza di cui abbiamo bisogno. Abbiamo bisogno di un’Europa che ci renda più sicuri.

Combatterò per voi, e combatterò per quella sicurezza!

Massimiliano Santini. Policy Leaders Fellow, European University Institute. Economista (in aspettativa) alla Banca Mondiale. Email: massimiliano.santini@eui.eu LinkedIn: www.linkedin.com/in/massisantini Twitter: @massisantini

Tags:

Lascia un commento

L'indirizzo mail non verrà reso pubblico. I campi richiesti sono segnati con *