LibertàEguale

Digita parola chiave

Sfatare il mito dell’unità delle sinistre

Alessandro Maran domenica 23 Febbraio 2020
Condividi

di Alessandro Maran

 

Come sentiamo dire a Poe nell’ultimo episodio di Star Wars, «Non siamo soli. La brava gente combatterà se la guidiamo». Ma per battere Salvini bisogna:

1- Cambiare paradigma. Il consenso per il populismo sovranista nel paese è inversamente proporzionale a quello per l’idealismo della sinistra italiana (sia quella politica che quella degli intellettuali e dei media). Il problema non sta nella capacità di mobilitazione di Salvini, ma nell’incapacità della sinistra di superare definitivamente un rapporto tormentato e conflittuale con la realtà e la modernità. Il «marxismo evangelico» che si strugge nella giustizia del passato prossimo (l’idea, insomma, che il mondo di ieri, prima che il computer, lo smartphone e mille altre diavolerie lo snaturassero, fosse, quello sì, un mondo a misura d’uomo) non è un’alternativa credibile al populismo.

2- Cambiare l’interprete, mantenendo il copione. Come ha scritto Blair indicando le caratteristiche della culture of winning, «i progressisti vincono dal centro. Possiamo deciderlo ora o perdere altre quattro elezioni prima di deciderci». Il modello strategico potenzialmente in grado di attrarre consensi maggioritari in un’orbita non populista, né sovranista, è stato sperimentato con Matteo Renzi, che era riuscito a sottrarre fedeli ed ossigeno al populismo per traghettarli verso quella big tent che poteva stabilizzare il sistema. I suoi errori e la resistenza opposta dalle élite ne hanno impedito la compiuta attuazione, ma per sconfiggere le destre si passa da lì. Il riformismo, l’impianto della sinistra liberale, e perfino l’ottimismo, devono tornare ad essere rispettabili; e se Renzi non può più esserne l’interprete, allora dovrà esserlo qualcun altro.

3- Fare chiarezza sul piano politico e culturale (anche perché «il centro non significa lo status quo»). Per aprire le porte ai ceti dinamici e popolari che, ogni giorno, si rapportano con la realtà sociale e lavorativa di un paese moderno, occorre sfatare il mito dell’unità delle sinistre e fare chiarezza con i grillini. Vogliamo Minniti o Bartolo? Costa o Bonafede? Lo sviluppo economico o la decrescita infelice? L’abbraccio con i movimenti antagonisti (sardine, Elly Schlein, Fratoianni, ecc.), visti da molti, anche nel Pd, come ancore salvifiche dalla perdizione capitalista, non rappresenta un importante contributo alla causa dell’unità a sinistra, bensì un contributo importante all’egemonia culturale della destra.

 

(Pubblicato su Il Foglio, 3 febbraio 2020)

Tags:

Lascia un commento

L'indirizzo mail non verrà reso pubblico. I campi richiesti sono segnati con *

Privacy Preference Center

Preferenze

Questi cookie permettono ai nostri siti web di memorizzare informazioni che modificano il comportamento o l'aspetto dei siti stessi, come la lingua preferita o l'area geografica in cui ti trovi. Memorizzando l'area geografica, ad esempio, un sito web potrebbe essere in grado di offrirti previsioni meteo locali o notizie sul traffico locale. I cookie possono anche aiutarti a modificare le dimensioni del testo, il tipo di carattere e altre parti personalizzabili delle pagine web.

La perdita delle informazioni memorizzate in un cookie delle preferenze potrebbe rendere meno funzionale l'esperienza sul sito web ma non dovrebbe comprometterne il funzionamento.

NID

ad

Statistiche

Google Analytics è lo strumento di analisi di Google che aiuta i proprietari di siti web e app a capire come i visitatori interagiscono con i contenuti di loro proprietà. Questo servizio potrebbe utilizzare un insieme di cookie per raccogliere informazioni e generare statistiche sull'utilizzo dei siti web senza fornire informazioni personali sui singoli visitatori a Google.

__ga
__ga

other