Pd-M5S: bisognava confrontarsi. Ora il Pd è irrilevante

Pd-M5S: bisognava confrontarsi. Ora il Pd è irrilevante

In vista dell’Assemblea nazionale del Pd, Claudio Petruccioli ha scritto su Twitter che “Il contratto dimostra come la convergenza fra M5S e Lega sia ampia e fondata. È in questo senso una cosa seria e dimostra che dal voto del 4 marzo non poteva nascere governo diverso. Spero che il Pd cominci a discutere da questo dato di fatto”.   Il dibattito Petruccioli-Ricciardi A Petruccioli ha risposto, sempre su Twitter, il nuovo direttore del Mulino,…

Continua a leggere

I 3 punti della svolta a destra europea e i puntini da connettere del Pd

I 3 punti della svolta a destra europea e i puntini da connettere del Pd

di Alessandro Maran   Ora che anche Viktor Orban, teorico della «democrazia illiberale» e modello per tutti i populisti d’Europa, ha stravinto le elezioni politiche in Ungheria, non sarebbe male tornare, con un respiro più ampio, sulle tendenze di fondo emerse nelle elezioni italiane. Sarà anche tutta colpa di Renzi, sarà che la sinistra deve «tornare tra la gente», ma a ben guardare, più di ogni altra cosa, le elezioni del 4 marzo scorso che…

Continua a leggere

Evitare la tragedia di un governo Lega-M5S

Evitare la tragedia di un governo Lega-M5S

di Giorgio Tonini   “L’avvenire non è più, in parte, nelle nostre mani”, ebbe a dire Aldo Moro dopo la sconfitta della Dc alle regionali del 1975. La severità della sconfitta politica del 4 marzo lascia nelle mani del Pd molte meno carte ancora. E tuttavia, il nostro ruolo è tutt’altro che irrilevante e grande è quindi la nostra responsabilità. Penso che non dovremmo lasciare nulla di intentato per evitare all’Italia la tragedia di un…

Continua a leggere

La Nuova Frontiera: un’alleanza per il progresso e per l’Europa

La Nuova Frontiera: un’alleanza per il progresso e per l’Europa

di Alberto Colombelli     “Ma io credo che i tempi richiedano fantasia e coraggio e perseveranza. Sto chiedendo a ciascuno di voi di essere pioniere di questa Nuova Frontiera. Il mio invito è ai giovani di cuore, senza limiti di età.” (John F. Kennedy)     È questa una nuova stagione delle scelte.   Partendo dalla piena convinzione che la visione sia la più importante qualità in assoluto, in questa fase storica appare più…

Continua a leggere

Dialogo con i Cinquestelle? Solo se l’Europa è al centro

Dialogo con i Cinquestelle? Solo se l’Europa è al centro

di Giorgio Tonini   È urgente che l’Italia affianchi Macron nella pressione negoziale sui tedeschi e i nordici, in vista della riforma dell’Eurozona. Se questo fosse il livello di ambizione messo in campo, varrebbe la pena di correre il rischio di dar vita ad un governo, perfino con i grillini   *** C’è qualcosa che manca, in questa lunga e confusa fase post-elettorale: non si vede la più pallida traccia di reale confronto su cosa…

Continua a leggere

l’Italia che ha voglia di futuro

l’Italia che ha voglia di futuro

di Tommaso Nannicini     A poche ore dalle elezioni, c’è ancora chi si chiede se valga la pena votare. Eppure con il voto di domenica c’è molto in gioco. Raramente la scelta è stata più chiara di così: siamo chiamati a decidere se vogliamo avere una voce credibile in Europa e partecipare a una stagione di cambiamento che porti l’Unione Europea a trovare soluzioni all’altezza dei suoi ideali oppure se vogliamo chiamarci fuori dalla…

Continua a leggere

Ceccanti: “È il ruolo dell’Italia in Europa la vera posta in palio delle elezioni”

Ceccanti: “È il ruolo dell’Italia in Europa la vera posta in palio delle elezioni”

Intervista del magazine Formiche a Stefano Ceccanti, vicepresidente di Libertà Eguale e candidato PD alla Camera a Pisa   ***   Prima di tutto l’Europa, a proposito della quale la strada tracciata dal Partito Democratico e dall’intero centrosinistra è l’unica che miri davvero a creare un’Unione “più democratica ed efficiente” in linea con gli sforzi di Francia e Germania. Il costituzionalista e candidato Pd alle politiche Stefano Ceccanti non ha dubbi: le elezioni di domenica prossima saranno fondamentali soprattutto in chiave europea, per…

Continua a leggere

Salvare l’Europa (e l’Italia) dal populismo è la sfida del 2018

Salvare l’Europa (e l’Italia) dal populismo è la sfida del 2018

Perché cresce l’appeal delle idee populiste nelle democrazie occidentali? E, in particolare, nelle regioni dell’Europa mediterranea? Come si spiegala forza propulsiva dei Cinque stelle, nonostante le cattive prove di governo nelle città da loro amministrate e nonostante le gaffe quasi quotidiane dei suoi portavoce? Si tratta di un fenomeno temporaneo o ci accompagnerà a lungo nei prossimi anni? Nel voto della Brexit e nell’elezione di Donald Trump, nel crollo di consensi nei confronti dei partiti…

Continua a leggere

Caro PD, parliamo di Europa, non di alleanze

Caro PD, parliamo di Europa, non di alleanze

di Stefano Ceccanti     Il dibattito politico sui quotidiani è bloccato o sui confusi lavori (e annesse strumentalità) della commissione sulle banche o sui micro-spostamenti di ceto politico, che hanno indubbiamente un qualche valore (sempre meglio qualche alleato in più che in meno), ma i cui riflessi significativi sul voto degli elettori sono tutti da dimostrare. Invece il dibattito politico nelle sedi che contano è tutto diverso e riguarda il futuro dell’Unione Europea a…

Continua a leggere

Dopo Orvieto/ Morando: “con Macron, per l’Europa e le riforme”

Dopo Orvieto/ Morando: “con Macron, per l’Europa e le riforme”

di Enrico Morando     Perché abbiamo deciso di tenere ora la nostra Assemblea Nazionale?   Perché pensiamo che sia aperto il problema del posizionamento di fondo del partito dei riformisti italiani di centro-sinistra – del Partito Democratico – per la imminente campagna elettorale; Perché pensiamo che – come hanno detto in molti (dalla relazione di Tonini all’intervento di Fabbrini), sia questa la fase nella quale si decide se l’Italia vuole e può giocare un…

Continua a leggere
1 2 3