LibertàEguale

Digita parola chiave

Armare l’Ucraina vale il risultato

Umberto Minopoli domenica 11 Settembre 2022
Condividi

di Umberto Minopoli

 

“Non potranno mai vincere. Armandoli prolungate solo una guerra persa”.

Invece gli ucraini sfondano e i russi si ritirano dai territori occupati. In oltre sei mesi di guerra la Russia non ha vinto sul campo. Anzi, per la seconda volta in 6 mesi, è costretta ad ammettere ( la prima volta fu il ritiro da Kiev) che, finora, l”operazione speciale” è stata inutile e che loro si ritirano per ricominciare daccapo.

Insomma armare l’Ucraina è valso il risultato: ad oggi Mosca non vince.

I leader dell’Occidente avevano ragione: non è vero che la Russia non può perdere la guerra. E, parliamoci chiaro, hanno pagato pure le sanzioni. Dopo sei mesi di non vittoria, la Russia non può fare, facilmente, quello che ha sempre minacciato: trasformare l’operazione speciale in una “guerra totale”.

Non perché alligni in quei guerrafondai qualche barlume di umanità, ma perché non sono in condizioni di farlo facilmente: la loro economia langue, la minaccia del gas, ormai, la stanno esaurendo (ci stiamo liberando del loro gas e metteremo un prezzo al gas per liberarci dai loro ricatti e dipendenza), il loro esercito è a pezzi (mancando, perfino, dei pezzi di ricambio per i loro mezzi) e il popolo russo (anche nella morsa della propaganda e del dispotismo) comincia a chiedersi se il gioco vale la candela: i ragazzi russi che muoiono in una guerra di cui solo gli oligarchi del Cremlino conoscono il senso, gli scopi e la durata.

Ora viene la parte più difficile: i russi non vincono e la guerra rischia di endemizzarsi. Può durare per anni. Noi troveremo, se restiamo uniti all’Occidente, le strade per attenuare i costi delle sanzioni su di noi. Stia certo, Salvini! E’ l’orso Putin che ha fallito i suoi obiettivi militari e non sa come uscirne.

Oggi, mentre i russi mostrano le spalle a Zelenskij, sarebbe bello vedere le facce (scomparse per la vergogna) di quegli intellettuali, giornalisti, politici che hanno tuonato contro le sanzioni, che hanno ripetuto, con i russi, che l’Ucraina non poteva vincere, che hanno sperato che i costi delle sanzioni sulla nostra way of life, sul nostro benessere e sui nostri interessi ci avrebbero spinti all’egoismo, ad abbandonare un popolo fratello e aggredito.

Non è successo: gli ucraini grazie anche alle nostre armi contrattaccano, sono in piedi e Putin mangia la polvere. Gloria all’Ucraina.

Tags:

Lascia un commento

L'indirizzo mail non verrà reso pubblico. I campi richiesti sono segnati con *

Privacy Preference Center

Preferenze

Questi cookie permettono ai nostri siti web di memorizzare informazioni che modificano il comportamento o l'aspetto dei siti stessi, come la lingua preferita o l'area geografica in cui ti trovi. Memorizzando l'area geografica, ad esempio, un sito web potrebbe essere in grado di offrirti previsioni meteo locali o notizie sul traffico locale. I cookie possono anche aiutarti a modificare le dimensioni del testo, il tipo di carattere e altre parti personalizzabili delle pagine web.

La perdita delle informazioni memorizzate in un cookie delle preferenze potrebbe rendere meno funzionale l'esperienza sul sito web ma non dovrebbe comprometterne il funzionamento.

NID

ad

Statistiche

Google Analytics è lo strumento di analisi di Google che aiuta i proprietari di siti web e app a capire come i visitatori interagiscono con i contenuti di loro proprietà. Questo servizio potrebbe utilizzare un insieme di cookie per raccogliere informazioni e generare statistiche sull'utilizzo dei siti web senza fornire informazioni personali sui singoli visitatori a Google.

__ga
__ga

other