LibertàEguale

Digita parola chiave

Condividi

di Umberto Minopoli

 

Nella Cgil è in atto uno scontro tra due ipotesi di segretario. Tutto qui? Il più grande sindacato italiano si divide. Ma ai cittadini non è dato sapere il perché, se vi sono differenze di visione, di analisi della realtà, di obiettivi sindacali.

 

Centralismo e opacità

La Cgil sembra l’ultimo partito politico comunista: i congressi sono solo occasioni auto celebrative, con una finta unità di cartapesta, senza vero confronto politico, con un centralismo esasperato, reticente, che rimuove ogni differenza e riserva la lotta politica di merito, le differenze di strategia e tattica, allo scontro segreto, alle faide di corridoio.

Che poi, improvvisamente, si palesano con la guerra tra i leader per la successione al capo. Che avviene nella cupezza e non nella trasparenza di diversità di linee: cosa distingue i candidati alla successione Landini e Colla? Non si sa. Faida appunto, non confronto politico.

La Cgil avrebbe, da anni, dovuto celebrare un congresso trasparente, coraggioso, spietato, autocritico di cambiamento. E’ dal 1990 – trent’anni – che in Italia i partiti sono cambiati, hanno rivisto tutto, sono nate nuove formazioni: Pci, Dc, Psi e tutti gli altri sono solo ricordi storici. La Cgil, sindacato “politico” più di tutti – coevo a quell’Italia della Prima repubblic che è trapassata – non ha mai trovato il coraggio di un ripensamento e di un aggiornamento della propria identità.

Dopo la stagione “nobile” e straordinaria di Lama, Trentin e della grande Cgil riformista e nazionale di quei leader, la Cgil è piombata nella mediocrità faziosa, massimalista, antiriformista, retrograda e conservatrice di tutti i capi seguiti a Lama e Trentin.

 

Salari e distribuzione del reddito

Eppure i motivi di una svolta innovativa e riformista ci sarebbero. Che chiamano in causa l’efficacia, il senso, la natura dell’azione sindacale. Pensiamo solo ad uno che è la sostanza stessa della identità di un sindacato: la distribuzione del reddito. Da, credo, più di un decennio i salari sono fermi, stagnanti, in regresso. Questo incide sulla bassa crescita italiana, la debole domanda interna e la produttività stagnante del paese. La lotta per il salario non può più essere condotta, ovviamente, con i metodi rivendicativi degli anni 60/70: quelli del salario come variabile indipendente. Porterebbe solo alla rovina delle imprese e alla disfatta del sindacato.

Occorrerebbe un cambio di strategia: un patto tra imprese e lavoratori per migliorare la produttività delle imprese, accrescere la loro ricchezza e distribuire tale ricchezza tra salari e investimenti. Facendo crescere per tale via, finalmente, anche i salari. Questa via implica la decentralizzazione e contratti sempre più centrati sull’azienda e non sul contratto nazionale.

Lo si dice da tempo ma solo la Cisl, con limiti e lentezze, ha dato una risposta a questo problema. La Cgil è ferma sui suoi totem del passato. E in Italia i salari ristagnano e si deprimono.

 

Come cambia il mercato del lavoro

Stessa cosa per un altro totem Cgil: la natura del lavoro. Tutto è cambiato in questo campo. Creando la drammatica frattura che caratterizza la nostra economia in particolare: quella tra i giovani che non hanno vie d’accesso al lavoro e il recinto (in restringimento) della vecchia occupazione stabile.

Il mercato del lavoro andrebbe rivoluzionato per creare canali di ingresso ai giovani. La flessibilità è la chiave per rimuovere questa tragedia della disoccupazione giovanile. Eppure il pachiderma Cgil si è distinto per essere il soggetto di retroguardia impegnato, attivamente, nella guerra ad ogni innovazione riformista del mercato del lavoro: difesa dell’articolo 18, contrasto del jobs act, lotta ai voucher in ogni forma, ai contratti a termine, ad ogni forma di flessibilità di orari e tempi di lavoro.

E’ anche grazie a questa rigidità, ortodossia granitica, conservatorismo, ideologismo (il lavoro, per la Cgil resta solo quello stabile e continuativo) che siamo il paese che ha insieme: i salari più fermi, la produttività più bassa, la disoccupazione giovanile più alta, il rapporto tra giovani e lavoro più drammatico.

 

La simpatia per il populismo

Si è discusso di queste cose al congresso Cgil? Non lo sappiamo. E non pare così. Tranne un’innaturale simpatia della Cgil per il populismo e l’estremismo grillino e un’innaturale avversione e ostilità per i governi del pd e le loro realizzazioni e per i riformisti del Pd altro non si percepisce di ciò che agita e anima la Cgil. Tutto molto triste. A guardare da fuori la Cgil l’immagine è stagnazione, immobilismo, vecchiezza e declino. Come vorremmo che ci fosse qualcosa che smentisse questa sensazione.

 

 

Tags:

Lascia un commento

L'indirizzo mail non verrà reso pubblico. I campi richiesti sono segnati con *

Privacy Preference Center

Preferenze

Questi cookie permettono ai nostri siti web di memorizzare informazioni che modificano il comportamento o l'aspetto dei siti stessi, come la lingua preferita o l'area geografica in cui ti trovi. Memorizzando l'area geografica, ad esempio, un sito web potrebbe essere in grado di offrirti previsioni meteo locali o notizie sul traffico locale. I cookie possono anche aiutarti a modificare le dimensioni del testo, il tipo di carattere e altre parti personalizzabili delle pagine web.

La perdita delle informazioni memorizzate in un cookie delle preferenze potrebbe rendere meno funzionale l'esperienza sul sito web ma non dovrebbe comprometterne il funzionamento.

NID

ad

Statistiche

Google Analytics è lo strumento di analisi di Google che aiuta i proprietari di siti web e app a capire come i visitatori interagiscono con i contenuti di loro proprietà. Questo servizio potrebbe utilizzare un insieme di cookie per raccogliere informazioni e generare statistiche sull'utilizzo dei siti web senza fornire informazioni personali sui singoli visitatori a Google.

__ga
__ga

other