LibertàEguale

Digita parola chiave

Energia, la strategia europea del mix elettrico

Umberto Minopoli martedì 13 Settembre 2022
Condividi

di Umberto Minopoli

 

Ora puntare sull’elettricità non prodotta con il gas. E’ questa, insieme al prezzo del gas, la strategia europea per compensare le forniture russe e calmierare i prezzi dell’energia.

Significa spingere al massimo la produzione elettrica che proviene da cinque fonti principali: idroelettrico, solare, eolico, nucleare, carbone.

Tolto quest’ultimo, cui si ricorre per l’emergenza, le quattro fonti elettriche “no carbon” sono la soluzione non solo all’emergenza, ma indicano il futuro del mix elettrico europeo. E’ lì che bisogna andare.

L’elettricità – e le fonti da cui proviene – deve essere gestita come un bene strategico europeo. Non basta mettere tetti ai prezzi di queste fonti. Non basta coordinarne l’uso efficiente attraverso i risparmi e le misure di austerità. Queste misure sono solo difensive.

Occorrerà anche sviluppare al massimo, in una chiave europea, l’offerta di volumi di energia elettrica prodotta dalle quattro fonti suddette. E renderla disponibile, per tutti i paesi europei, attraverso le interconnessioni (elettrodotti) da potenziare. L’elettricità, insomma, come bene comune.

Il mix elettrico – idroelettrico, solare, eolico, nucleare (con anche geotermia e biomasse) – deve diventare il modello di sistema di generazione elettrica che vale per tutto il continente. La diversificazione con quelle fonti, significa prefigurare il modello di stabilità e sicurezza degli approvvigionamenti energetici nel medio-lungo periodo: il punto d’approdo della “transizione energetica” di cui, a causa dell’emergenza dei prezzi, sembra non si parli più.

il nuovo Parlamento dovrà, e prioritariamente, discutere un piano energetico nazionale che indichi il posto e il ruolo di ciascuna di quelle “fonti elettriche” nel mix energetico italiano. Che dovrà conformarsi a quello che sta prendendo corpo in Europa.

Tags:

Lascia un commento

L'indirizzo mail non verrà reso pubblico. I campi richiesti sono segnati con *

Privacy Preference Center

Preferenze

Questi cookie permettono ai nostri siti web di memorizzare informazioni che modificano il comportamento o l'aspetto dei siti stessi, come la lingua preferita o l'area geografica in cui ti trovi. Memorizzando l'area geografica, ad esempio, un sito web potrebbe essere in grado di offrirti previsioni meteo locali o notizie sul traffico locale. I cookie possono anche aiutarti a modificare le dimensioni del testo, il tipo di carattere e altre parti personalizzabili delle pagine web.

La perdita delle informazioni memorizzate in un cookie delle preferenze potrebbe rendere meno funzionale l'esperienza sul sito web ma non dovrebbe comprometterne il funzionamento.

NID

ad

Statistiche

Google Analytics è lo strumento di analisi di Google che aiuta i proprietari di siti web e app a capire come i visitatori interagiscono con i contenuti di loro proprietà. Questo servizio potrebbe utilizzare un insieme di cookie per raccogliere informazioni e generare statistiche sull'utilizzo dei siti web senza fornire informazioni personali sui singoli visitatori a Google.

__ga
__ga

other