LibertàEguale

Digita parola chiave

Condividi

di Elisabetta Gualmini

 

La propensione a navigare a vista, ad acconciare la linea politica a seconda dell’ultimo accadimento disponibile, senza una chiara visione di lungo periodo (e quindi senza una identità) è ormai la cifra dominante delle forze politiche, nell’ambito di una sempre maggiore fragilità degli assetti democratici e di una crescente volatilità degli elettorati. I partiti politici oscillano tra proposte diverse e last minute, offrono menu estemporanei per agguantare gli ultimi brandelli di consenso rimasti sulla piazza e ingoiano leader uno dopo l’altro, aumentando la confusione generale. Il Movimento 5 Stelle è stato l’interprete migliore di questa trasversalità usa-e-getta; dire tutto e il contrario di tutto ha pagato per raggranellare voti da destra a sinistra e per rendere più forte e rumorosa la protesta anti-sistema.

 

Serve una visione politica chiara

Si sono visti però i risultati nel passaggio dal vaffa alla responsabilità di governo. Una straordinaria incapacità di reggere il timone, con giravolte continue sulla linea politica e salti carpiati per salvare la faccia (e un elettorato, va da sé, sempre più striminzito).

C’è da chiedersi se il Pd, di fronte all’occasione di poter recuperare i consensi in uscita di un M5S in rarefazione, sia in grado di proporre una visione politica chiara e identificabile, una strategia appassionata e coraggiosa, che vada oltre gli accomodamenti tra correnti e capibastone, per tenere in piedi, a tutti i costi, un governo che francamente non appassiona.

L’entusiasmo seguito alla vittoria del Pd in Emilia-Romagna e il dibattito sulla esportabilità urbi et orbi del “modello Bonaccini” (di cui mi onoro di aver fatto parte) confermano l’inclinazione a sterzare sulla base dell’ultimo evento di cronaca (politica). E’ il caso allora di evitare alcuni errori.

 

La destra in Emilia Romagna è sempre più forte. E anche nel Paese

Primo. Nonostante la straordinaria performance di Stefano Bonaccini, la destra in Emilia-Romagna è sempre più forte. La coalizione di centro-destra è arrivata al 44%; la regione non solo non è più contendibile (da 20 anni), ma è intrisa di domande di sicurezza a cui non siamo stati in grado di rispondere. Queste richieste di protezione (da una sanità ancora più di prossimità a servizi di assistenza domiciliare ancora più presenti per una popolazione sempre più vecchia, a proposte di lavoro di qualità per i giovani) sono ancora inevase. L’abbiamo sfangata perché avevamo un candidato credibile e autorevole, forte dei risultati da lui stesso ottenuti in regione. Nelle altre regioni non è stato così, non sarà così. La destra è fortissima nel paese. Il fatto di “tenere” non è sufficiente.

 

Aprire al ‘civismo’ e spostarsi a sinistra? Non ha senso

Da qui il secondo macroscopico errore. Rispondere alla radicalizzazione imposta dalla destra di Salvini con lo spostamento (a tutto gas) a sinistra. Più prevale il cattivismo, più si rincara la dose col buonismo. Senza parole nuove. E così sui migranti invece di spiegare, in maniera diversa, che il vero problema sono le maree di giovani che escono dal nostro paese, si cristallizza il dibattito su porti chiusi e porti aperti (che non sarà mai vincente). Sulla partecipazione si pensa di “aprire al civismo” incorporando magari come ennesima corrente i ragazzi delle Sardine. Ma cosa vuol dire su base nazionale aprire al civismo? Lasciamo le manifestazioni spontanee di piazza spingere e pungolare la politica, trasformandone l’agenda. Sarebbe già tanto. E chi vorrà entrare nella competizione politica, lo farà. Sulla paura di perdere il lavoro o il “proprio” welfare con una misura passiva e assistenziale come l’attuale reddito di cittadinanza, senza un’enorme opera di educazione sulle innovazioni tecnologiche e digitali che stanno trasformando il pianeta, con il coraggio di dire che ci saranno effetti anche positivi. Ci manca poi che diventiamo iper-giustizialisti e la radicalizzazione è servita.

 

Il Pd è una casa grande e plurale, non un partito minoritario

Terzo errore. Pensare che il Pd sia o quello di Leu e di Articolo 1 oppure quello dei cd. “riformisti”. Bisogna farsene una ragione, il Pd è tutte e due le cose; la sua anima è quella. Tener dentro alla stessa casa, grande e plurale, sia un’ala radicale che spinga su diritti e uguaglianza, sia un’area progressista. L’idea di rifugiarsi in un sistema proporzionale che faccia del Pd un partito minoritario di volta in volta alleato con micro-partitini in alleanze-monstre ci renderà ancora di più ostaggio del breve periodo e dei micro-posizionamenti dei vecchi capi-bastone. Se, come pare, ci sarà un Congresso, la scelta è molto chiara. Partito largo e plurale contro un partitino tascabile e, quindi, ricattabile; accelerazione su redistribuzione sociale legata a potenti innovazioni tecnologiche, contro il solito racconto di una partecipazione larga e dal basso, di un volemose bene senza contenuti, con ammiccamenti a una sinistra settaria e fortemente ideologica, sebbene imbellettata qua e là da qualche sardina.

 

(Pubblicato su Huffington Post il 3 febbraio 2020)

Tags:

Lascia un commento

L'indirizzo mail non verrà reso pubblico. I campi richiesti sono segnati con *

Privacy Preference Center

Preferenze

Questi cookie permettono ai nostri siti web di memorizzare informazioni che modificano il comportamento o l'aspetto dei siti stessi, come la lingua preferita o l'area geografica in cui ti trovi. Memorizzando l'area geografica, ad esempio, un sito web potrebbe essere in grado di offrirti previsioni meteo locali o notizie sul traffico locale. I cookie possono anche aiutarti a modificare le dimensioni del testo, il tipo di carattere e altre parti personalizzabili delle pagine web.

La perdita delle informazioni memorizzate in un cookie delle preferenze potrebbe rendere meno funzionale l'esperienza sul sito web ma non dovrebbe comprometterne il funzionamento.

NID

ad

Statistiche

Google Analytics è lo strumento di analisi di Google che aiuta i proprietari di siti web e app a capire come i visitatori interagiscono con i contenuti di loro proprietà. Questo servizio potrebbe utilizzare un insieme di cookie per raccogliere informazioni e generare statistiche sull'utilizzo dei siti web senza fornire informazioni personali sui singoli visitatori a Google.

__ga
__ga

other