LibertàEguale

Digita parola chiave

Condividi

di Marco Leonardi

 

Sono stato in Turchia un mese fa, pochi giorni dopo la vittoria di Erdogan. Ho visitato Smirne, la città che ha conteso Expo a Milano.

Una bella metropoli di 5 milioni di abitanti sul golfo. A tratti molto più florida di quanto mi aspettassi (per esempio con un waterfront e bike sharing che Roma/Ostia se li sognano), e con molti cantieri aperti sulle colline per la costruzione di nuovi quartieri residenziali.

 

La regia del governo centrale

I miei colleghi turchi mi hanno spiegato che la regia dello sviluppo urbano è 100% del governo centrale. Erdogan decide dove come, e anche chi, costruisce al fine di aumentare il suo consenso elettorale e governare l’immigrazione dalle campagne di una popolazione tradizionalista che in prevalenza vota per il partito islamico.

Per comprarsi il consenso, Erdogan ha ecceduto in spesa pubblica e ha mantenuto artificialmente bassi (attraverso la “sua” banca centrale) i tassi di interesse che sono centrali per le operazioni immobiliari.
Questa sua politica, sommata ad altri elementi internazionali, ha fatto esplodere l’inflazione e la crisi di fiducia dei mercati che condizioneranno la Turchia nelle generazioni a venire.

 

La lezione che possiamo ricavare

La Turchia ci impone due riflessioni, una più contingente e una più generale.

La prima, c’è una profonda differenza tra un approccio fortemente centralizzato di sviluppo urbano, tipico dei regimi totalitari come quello turco, e il Piano periferie in Italia (oggi molto attuale), che finanzia progetti elaborati dai sindaci e dalle città metropolitane per la riqualificazione urbanistica e sociale. Un modello top-down vs un modello bottom-up. Purtroppo il Governo pentaleghista vorrebbe cancellare il modello bottom-up per redistribuire risorse a pioggia a tutti i Comuni, anche quelli che non hanno progetti da realizzare.

La seconda riflessione più generale: meno male che c’è l’Europa che impedisce ai sovranisti di casa nostra, di eccedere in spesa pubblica o di manovrare i tassi di interesse per comprare il consenso elettorale di breve periodo e contemporaneamente ammazzare il futuro delle prossime generazioni.

Professore di Economia all’Università Statale di Milano. E’ stato consigliere economico della Presidenza del Consiglio. È responsabile del Dipartimento Economia del Partito Democratico. Fa parte della Presidenza Nazionale di Libertà Eguale.

Tags:

Lascia un commento

L'indirizzo mail non verrà reso pubblico. I campi richiesti sono segnati con *