LibertàEguale

Digita parola chiave

La scelta della Grecia per l’Ue nel 2015. Lezioni per l’Italia

Pietro Ichino mercoledì 3 Giugno 2020
Condividi

di Pietro Ichino

 

Dobbiamo chiederci quali e quanto più gravi sarebbero stati i disastri conseguenti per i greci dalla scelta di uscire dalla UE. Loro lo capirono appena misero il naso oltre il ciglio del burrone; e cambiarono strada appena in tempo

 

Il 27 maggio scorso a Stasera Italia, su Rete 4, ho detto che nel luglio 2015 fu la Grecia a scegliere, democraticamente e a ragion veduta, di rimanere nella UE; e che fece la scelta giusta. Ne è seguita una valanga di invettive sui social media, con l’accusa di falsificare i fatti. Vediamo dunque i fatti.

5 luglio 2015 – In Grecia un referendum (necessariamente consultivo) boccia il piano proposto da UE e FMI per il salvataggio dello Stato dalla bancarotta.

7-10 luglio 2015 – Il Governo Tsipras avvia una rinegoziazione del piano con la UE, che porta a qualche modifica di modesta entità.

15 luglio 2015 – Il Parlamento greco vota a favore del nuovo piano. Il ministro dell’Economia Varoufakis si dimette. Nello stesso Parlamento si forma una nuova maggioranza a sostegno del Governo Tsipras sulla nuova linea.

In questa vicenda tutti hanno commesso degli errori, anche gravi. A cominciare dalla Grecia (con la falsificazione dei propri bilanci); poi ne ha commessi, certo, anche la UE, con alcune misure punitive.

Resta il fatto, però, che ciononostante la Grecia ha scelto di rimanere nella UE e nel sistema dell’Euro, perché si è resa conto della catastrofe molto peggiore che sarebbe derivata dall’uscirne.

E non è affatto antidemocratico che una scelta complessa come questa, in materia di rapporti internazionali e di politica fiscale, sia affidata al Parlamento, non vincolato da un referendum consultivo (in Italia un referendum su questa materia sarebbe addirittura vietato dalla Costituzione).

L’unico modo democratico di compiere quella scelta o la scelta opposta, anche in Grecia, era un voto del Parlamento.

I detrattori di questa scelta parlano solo dei sacrifici che la Grecia ha dovuto accettare per rimanere nella UE. Nessuno di loro si chiede quali e quanto più gravi sarebbero stati i disastri economici e sociali conseguenti alla scelta opposta.

Né si chiede quali sarebbero la situazione e le prospettive attuali della Grecia, se essa ora fosse isolata dalla UE e dal sistema dell’euro.

 

(Tratto da www.pietroichino.it)

Tags:

Lascia un commento

L'indirizzo mail non verrà reso pubblico. I campi richiesti sono segnati con *

Privacy Preference Center

Preferenze

Questi cookie permettono ai nostri siti web di memorizzare informazioni che modificano il comportamento o l'aspetto dei siti stessi, come la lingua preferita o l'area geografica in cui ti trovi. Memorizzando l'area geografica, ad esempio, un sito web potrebbe essere in grado di offrirti previsioni meteo locali o notizie sul traffico locale. I cookie possono anche aiutarti a modificare le dimensioni del testo, il tipo di carattere e altre parti personalizzabili delle pagine web.

La perdita delle informazioni memorizzate in un cookie delle preferenze potrebbe rendere meno funzionale l'esperienza sul sito web ma non dovrebbe comprometterne il funzionamento.

NID

ad

Statistiche

Google Analytics è lo strumento di analisi di Google che aiuta i proprietari di siti web e app a capire come i visitatori interagiscono con i contenuti di loro proprietà. Questo servizio potrebbe utilizzare un insieme di cookie per raccogliere informazioni e generare statistiche sull'utilizzo dei siti web senza fornire informazioni personali sui singoli visitatori a Google.

__ga
__ga

other