LibertàEguale

Digita parola chiave

Le tre punte (italiane) e il “semaforo” (tedesco)

Danilo Di Matteo martedì 4 Ottobre 2022
Condividi

di Danilo Di Matteo

 

Concordo appieno con Giorgio Tonini. Il centrosinistra, per lasciar intravedere una prospettiva di governo, dovrebbe rifondarsi a iniziare da un dialogo fecondo, promosso da un Pd profondamente rinnovato, fra le sue tre punte: i dem, appunto, i 5s, espressione soprattutto del disagio e dei bisogni del Mezzogiorno, delle sue fragilità, i cosiddetti neocentristi di Calenda e Renzi, che danno voce principalmente a ceti e forze dinamiche del Nord, volte a far valere i propri meriti e le proprie capacità, anche sul mercato del lavoro.

E provo a dare ulteriore forza a ciò che Tonini dichiara con qualche nota a margine, a mo’ di contrappunto. Un Pd rinato potrebbe ad esempio ispirarsi ancor più radicalmente alla lezione del grande Amartya Sen: il mondo (del lavoro, e non solo) è popolato da agenti morali, in grado di dire e di dare, con un notevole peso contrattuale, e da pazienti morali, a rischio costante di esclusione e, dunque, da tutelare. Non solo: lo stesso individuo, nel corso della propria vita, può oscillare tra le due condizioni (i celebri “rovesci di fortuna”, sempre dietro l’angolo, e non di rado corresponsabili delle patologie psichiatriche che osservo quotidianamente). La vocazione dei dem dovrebbe esser quella di coniugare e armonizzare i due volti della nostra comune umanità: forza e debolezza, vulnerabilità e ambizione. Promuovendo davvero l’alleanza dei meriti e dei bisogni.

Poi, però, per la riuscita dell’impresa, molto dipenderebbe dalle altre due punte. In Germania l’alleanza tra Verdi, Socialdemocratici e Liberali – il celeberrimo “semaforo”, sul quale da noi si è fatta tanta ironia – funziona egregiamente anche perché, ad esempio, le due “ali”, pur su un piano di piena dignità e pur contribuendo in maniera decisiva alla linea e all’organigramma dell’esecutivo, sostengono lealmente il Cancelliere espresso dalla Spd. Da noi, e non vorrei cadere nella volgarità politica, anche i bambini conoscono le aspirazioni verso Palazzo Chigi addirittura di tre leader di due delle tre punte: di Giuseppe Conte e Matteo Renzi (entrambi già premier) e di Carlo Calenda. È evidente come, persistendo ciò, il migliore dei Pd possibili fallirebbe nel suo compito. Altro che armonizzazione.

Dovremmo dunque diventare tutti tedeschi? No, e neppure sarebbe possibile. Potremmo però guardare con più umiltà al “semaforo” e unire alla ricerca di una visione comune della società italiana, invocata da Tonini, atteggiamenti e modi di porci più ragionevoli e dimessi.

Tags:

Lascia un commento

L'indirizzo mail non verrà reso pubblico. I campi richiesti sono segnati con *

Privacy Preference Center

Preferenze

Questi cookie permettono ai nostri siti web di memorizzare informazioni che modificano il comportamento o l'aspetto dei siti stessi, come la lingua preferita o l'area geografica in cui ti trovi. Memorizzando l'area geografica, ad esempio, un sito web potrebbe essere in grado di offrirti previsioni meteo locali o notizie sul traffico locale. I cookie possono anche aiutarti a modificare le dimensioni del testo, il tipo di carattere e altre parti personalizzabili delle pagine web.

La perdita delle informazioni memorizzate in un cookie delle preferenze potrebbe rendere meno funzionale l'esperienza sul sito web ma non dovrebbe comprometterne il funzionamento.

NID

ad

Statistiche

Google Analytics è lo strumento di analisi di Google che aiuta i proprietari di siti web e app a capire come i visitatori interagiscono con i contenuti di loro proprietà. Questo servizio potrebbe utilizzare un insieme di cookie per raccogliere informazioni e generare statistiche sull'utilizzo dei siti web senza fornire informazioni personali sui singoli visitatori a Google.

__ga
__ga

other