LibertàEguale

Digita parola chiave

L’Europa del futuro. Da costruire insieme, ora

Alberto Colombelli domenica 22 Maggio 2022
Condividi

di Alberto Colombelli

 

Ci sono momenti nel corso di ciascuna esistenza nei quali ci si incrocia con la Storia.

E per le nostre ultime generazioni questo è esattamente uno di quelli.

In questa sua ultima legislatura lUnione europea ha saputo rispondere a drammatiche crisi senza precedenti con soluzioni di grande innovazione, con risposte che con visione gestiscono rilevanti transizioni quali quella ecologica e digitale associandole a sicurezza sanitaria, giustizia sociale e coesione territoriale.

Lo ha fatto partendo dai risultati di quella che nel 2019 è stata di fatto storicamente la prima elezione europea di grande contenuto politico, in cui si è dovuto respingere un vero pericoloso assalto sovranista e populista alle istituzioni europee, e con strumenti quali Next Generation EU”, ormai un modello di riferimento che ha cambiato ogni prospettiva con cui affrontare le questioni del nostro tempo: un sistema di pagamenti scadenzati, legati e condizionati a verifiche puntuali nel raggiungimento degli obiettivi, che offre un meccanismo virtuoso di controllo della qualità della spesa, accrescendo la responsabilità di ogni singolo stato membro nella contestuale realizzazione di riforme condivise, da realizzare in tempi predefiniti e capaci di rimuovere debolezze strutturali che da tempo dovevano essere risolte.

Un modello che in questa sua natura esprime una visione strategica capace di andare ben oltre lemergenza, partendo dal fondamentale presupposto che il buon governo non è limitarsi a rispondere alle crisi del momento, ma è muoversi quanto prima per anticipare quelle che verranno.

Coraggio, passione e visione che producono credibilità e da lì ispirazione e convergenza su obiettivi condivisi, facendo del perseguimento del bene comune finalmente lobiettivo congiunto di tutti.

Riuscendo così ad aprire una prospettiva di lungo periodo capace di rendere lo stesso ambizioso nome del programma coerente con una visione allaltezza della missione che si intende perseguire: Next Generation EU” letteralmente è da intendersi quale piena assunzione di responsabilità verso le generazioni future, come – per usare un eufemismo – non sempre si è realizzato in passato mentre proprio quello dovrebbe essere sempre lessenza ultima e più profonda di ogni impegno politico, ossia lasciare un mondo migliore a chi viene dopo di noi.

Prospettive e anche già risultati rilevanti, prodottisi pur nella vigenza di trattati per i quali oggi si aprono concretamente prospettive di revisione, sullo slancio anche di quanto proposto direttamente dai cittadini dalla Conferenza sul futuro dellEuropa”, un esempio virtuoso di democrazia partecipativa, anche questo senza precedenti, chiusosi il 9 maggio scorso con 49 raccomandazioni di grande innovazione, da quelle che proiettano verso unUe più politica e democratica (dalla drastica riduzione dei voti allunanimità nelle sedi intergovernative allintroduzione di liste transnazionali sin dalle prossime elezioni europee, prerequisito per aprire finalmente ad un’occasione di confronto tra partiti politici europei su tematiche europee e non ad una semplice ulteriore occasione di conta interna nazionale sterile e fine a se stessa) fino a quelle che introducono maggiori tutele sociali (come il salario minimo): un lavoro serio a cui un Parlamento europeo sempre più incisivo ed influente con altrettanta serietà ha dichiarato di voler dare seguito.

LEuropa è sempre più la nostra casa e il nostro futuro, a tutti noi la responsabilità – ciascuno nel proprio ambito – di viverla come nostra prioritaria missione collettiva del nostro tempo e delle nostre generazioni.

Dobbiamo ora farlo senza più esitazioni, cercando ciascuno nel proprio ambito di contribuire a favorire il progressivo sviluppo di una sempre più determinata convergenza nellimpegno congiunto in questa direzione di tutti i progressisti, europeisti e riformisti dellUnione europea.

Affinché si adoperino finalmente davvero insieme, questa volta anche fino alla revisione dei Trattati, per liberare lUnione europea dai limiti impostigli da una sua governance divenuta progressivamente sempre più condizionata da dinamiche intergovernative ed offrirle invece una sempre maggiore sovranità per fronteggiare le sfide globali anche e soprattutto nellinteresse dei singoli stati membri.

Affinché si possano garantire concreti progressi verso unEuropa che affermi sempre più compiutamente quellinsieme di ideali e valori che, associati a prosperità economica, hanno sin dallorigine e oggi ancor di più, senza precedenti nella Storia, liberamente attratto progressivamente paesi in uscita da drammatici passati politici e antidemocratici.

È giunto il momento di dare completa e definitiva affermazione a questi nostri valori, mettendoli in piena sicurezza con riforme che proiettino definitivamente lUnione europea in una nuova dimensione geopolitica capace di ridurre alcune sue dipendenze strutturali non più sostenibili: quella energetica dalla Russia, quella commerciale dalla Cina ma anche quella della sicurezza dagli Stati Uniti dAmerica.

Perché questo è il momento in cui si è raggiunta maggiore consapevolezza di quanto sia necessaria una maggiore autonomia strategica europea.

Perché lUnione europea è la più preziosa eredità che in questo nostro tempo la Storia ci offre.

Perché lo è con tre parole che già da sole esprimono pienamente quanto ha già cambiato e continua a cambiare positivamente le nostre vite: libertà (lEuropa che ci permette una società aperta e con spazi diversamente inimmaginabili), protezione (lEuropa che ci tutela con il rispetto del nostro ambiente, la qualità del nostro cibo, la difesa di un corretto sistema di concorrenza), progresso (lEuropa che persegue uno sviluppo sostenibile e che con politiche di coesione riduce le disuguaglianze territoriali).

Continuiamo a tenere accesa, insieme, la speranza nel nostro futuro.

Facciamolo insieme, con la responsabilità da figli ricostruttori dei Padri fondatori dellEuropa.

Per noi italiani con almeno due motivi in più.

Il primo, storico, è che questa nostra Europa trae origine dal visionario manifesto scritto a Ventotene da nostri illuminati connazionali.

Il secondo, attuale, è che quale principale Paese destinatario delle ingenti risorse riservate al Next Generation EU”, dalla nostra capacità di realizzazione e di rispetto degli impegni presi deriva il successo dellintero programma dalla cui credibilità dipende il futuro di questa nuova Europa sempre più tenacemente proiettata verso la sua più piena realizzazione.

————————

Versione estesa dellintervento allincontro Me & Eu. L’Europa del futuro”. Bergamo, 20 maggio 2022, con la partecipazione di Irene Tinagli (Presidente della Commissione problemi economici e monetari del Parlamento europeo, Vice Segretaria nazionale del Partito democratico), Giorgio Gori (Sindaco di Bergamo), Elena Carnevali (Deputata Pd), Jacopo Scandella (Consigliere regionale Pd), Davide Casati (Segretario provinciale Pd Bergamo), Federico Pedersoli (Direzione provinciale Pd Bergamo), Gianluca Briguglia (Professore associato di Storia delle dottrine politiche presso il Dipartimento di Filosofia e Beni Culturali dell’Università Ca’ Foscari)

Tags:

Lascia un commento

L'indirizzo mail non verrà reso pubblico. I campi richiesti sono segnati con *

Privacy Preference Center

Preferenze

Questi cookie permettono ai nostri siti web di memorizzare informazioni che modificano il comportamento o l'aspetto dei siti stessi, come la lingua preferita o l'area geografica in cui ti trovi. Memorizzando l'area geografica, ad esempio, un sito web potrebbe essere in grado di offrirti previsioni meteo locali o notizie sul traffico locale. I cookie possono anche aiutarti a modificare le dimensioni del testo, il tipo di carattere e altre parti personalizzabili delle pagine web.

La perdita delle informazioni memorizzate in un cookie delle preferenze potrebbe rendere meno funzionale l'esperienza sul sito web ma non dovrebbe comprometterne il funzionamento.

NID

ad

Statistiche

Google Analytics è lo strumento di analisi di Google che aiuta i proprietari di siti web e app a capire come i visitatori interagiscono con i contenuti di loro proprietà. Questo servizio potrebbe utilizzare un insieme di cookie per raccogliere informazioni e generare statistiche sull'utilizzo dei siti web senza fornire informazioni personali sui singoli visitatori a Google.

__ga
__ga

other