LibertàEguale

Digita parola chiave

Limite ai mandati dei sindaci, Meloni fa marcia indietro

Carlo Fusaro venerdì 26 Gennaio 2024
Condividi

di Carlo Fusaro

 

Gli occhi rivolti all’indietro. Il governo Meloni riduce il limite dei mandati nei comuni

Nel 1993 quando si introdusse l’elezione diretta dei sindaci (senza della quale non so neppure immaginare come sarebbero oggi i nostri comuni) si previde, insieme all’investitura del vertice del governo comunale, opportunamente il limite dei due mandati. Credo che non ci sia bisogno di spiegare perché.

Dopo 30 anni si fa marcia indietro.

Resta per fortuna per i comuni maggiori (da 15.000 abitanti in su). Sale a tre mandati nei comuni da 5.000 abitanti a 15.000. E viene abolito (qualsiasi limite) sotto i 5.000.

Sembra una cosa ragionevole. Dice: si fa sempre più fatica a trovare persone disposte a fare il sindaco… E poi, che vuoi che sia i microcomuni…

Beh, a parte che numeri alla mano si tratta della stragrande maggioranza dei comuni italiani, non si riflette abbastanza (e non si studia) su cosa accade nei comuni minori.

Perché in un comune medio o grande l’attenzione dei media e del pubblico è grande: non è che il sindaco di Firenze o anche di Bagno a Ripoli può mettersi a favorire (pensate all’urbamistica e all’edilizia!) questo o quello, magari un lontano parente. Non durerebbe una settimana.

Ma nei comuni piccoli sì che gli interessi si intrecciano e la trasparenza sparisce. Ci siamo domandati perché all’Elba (è il primo esempio che mi viene) sopravvivono sette comuni per 32.000 abitanti in tutto e perché al referendum dell’anno scorso si sono pronunciati contro il comune unico (il minimo sindacale per una razionalizzazione dei costi e il miglioramento dei servizi)?

Per questo la scelta dei sindaci a vita per i comuni sotto i 5.000 è l’ennesima scelleratezza reazionaria.

Tags:

Lascia un commento

L'indirizzo mail non verrà reso pubblico. I campi richiesti sono segnati con *

Privacy Preference Center

Preferenze

Questi cookie permettono ai nostri siti web di memorizzare informazioni che modificano il comportamento o l'aspetto dei siti stessi, come la lingua preferita o l'area geografica in cui ti trovi. Memorizzando l'area geografica, ad esempio, un sito web potrebbe essere in grado di offrirti previsioni meteo locali o notizie sul traffico locale. I cookie possono anche aiutarti a modificare le dimensioni del testo, il tipo di carattere e altre parti personalizzabili delle pagine web.

La perdita delle informazioni memorizzate in un cookie delle preferenze potrebbe rendere meno funzionale l'esperienza sul sito web ma non dovrebbe comprometterne il funzionamento.

NID

ad

Statistiche

Google Analytics è lo strumento di analisi di Google che aiuta i proprietari di siti web e app a capire come i visitatori interagiscono con i contenuti di loro proprietà. Questo servizio potrebbe utilizzare un insieme di cookie per raccogliere informazioni e generare statistiche sull'utilizzo dei siti web senza fornire informazioni personali sui singoli visitatori a Google.

__ga
__ga

other