LibertàEguale

Digita parola chiave

Nannicini: “Facciamo capire la nostra visione del mondo”

Tommaso Nannicini venerdì 12 ottobre 2018
Condividi

di Tommaso Nannicini

 

– La distinzione ormai non è più fra Lega e Cinque stelle ma, trasversalmente, fra chi crede davvero alle fantasie che raccontano e chi ci fa soltanto. Il punto è se chi ci crede si sveglia prima che chi ci fa ci porti fuori dall’euro per tornare alla lira.

– Non c’è dubbio che nel Pd ci sia un tema di organizzazione: siamo rimasti un partito novecentesco, con riti e liturgie che ci hanno fatto perdere rapporto con gli elettori. Di fronte allo shock del 4 marzo questi riti rallentano la costruzione di un’alternativa. Ma sono tutte cose che per essere cambiate hanno bisogno di tempo. La Lega è passata dal 3 al 17 per cento non in un anno ma in dieci, i Cinque stelle sono passati da 0 a 25 in cinque anni e in dieci sono arrivati al 30.

– Né Lega né Cinque stelle sono partiti dal tema della leadership, ma da quello delle parole. Sono le parole che danno un senso e ti fanno riconnettere con i tuoi elettori, che definiscono la tua identità come partito e fanno capire da che parte stai, per cosa ti batti. Le parole illuminano i fatti perché fanno capire qual è la tua visione del mondo. Senza questo sembri un ragioniere. Ecco, questo lavoro a un certo punto l’abbiamo smarrito, assorbiti come eravamo dal mito della responsabilità di governo e del fare le cose giuste, convinti che avere una classe dirigente competente può salvare il paese. Abbiamo fatto molte riforme per gli italiani, poche con gli italiani.

– Mi piacerebbe impegnarmi per far emergere un’altra generazione e altre idee, che dobbiamo attirare, selezionare e valorizzare. Noi in fondo abbiamo già dato e lo abbiamo fatto in anni intensi, al governo in piena crisi. Il mio candidato ideale? Uno che abbia guardato “Il mio grosso grasso matrimonio greco” dove si dice: «Non lasciare che il passato decida chi sei, ma lascia che sia parte di chi diventerai». E questo vale tanto per il passato remoto quanto per quello recente. Ecco, il mio Pd me lo immagino così.

 

 

Estratto dall’intervista rilasciata da Tommaso Nannicini a Il Foglio. Qui trovate la versione completa.

 

 

Senatore PD, eletto a Milano. E’ stato consigliere economico del Presidente del Consiglio Renzi e, quindi, sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri nel 2016.
Professore ordinario di Economia Politica all’Università Bocconi. Research Fellow a CEPR, IZA, Baffi Carefin e IGIER. Dal 30 maggio 2017 componente della Segreteria Nazionale del Partito Democratico.
Presidente del comitato di indirizzo strategico del Fondo per il contrasto alla povertà educativa minorile.

Tags:

Lascia un commento

L'indirizzo mail non verrà reso pubblico. I campi richiesti sono segnati con *

Riepilogo preferenze privacy

Preferenze

Questi cookie permettono ai nostri siti web di memorizzare informazioni che modificano il comportamento o l'aspetto dei siti stessi, come la lingua preferita o l'area geografica in cui ti trovi. Memorizzando l'area geografica, ad esempio, un sito web potrebbe essere in grado di offrirti previsioni meteo locali o notizie sul traffico locale. I cookie possono anche aiutarti a modificare le dimensioni del testo, il tipo di carattere e altre parti personalizzabili delle pagine web.

La perdita delle informazioni memorizzate in un cookie delle preferenze potrebbe rendere meno funzionale l'esperienza sul sito web ma non dovrebbe comprometterne il funzionamento.

NID

ad

Statistiche

Google Analytics è lo strumento di analisi di Google che aiuta i proprietari di siti web e app a capire come i visitatori interagiscono con i contenuti di loro proprietà. Questo servizio potrebbe utilizzare un insieme di cookie per raccogliere informazioni e generare statistiche sull'utilizzo dei siti web senza fornire informazioni personali sui singoli visitatori a Google.

__ga
__ga

other