LibertàEguale

Digita parola chiave

Tony Blair: il Labour deve cambiare, adesso!

Redazione giovedì 19 dicembre 2019
Condividi

di Tony Blair

 

Pubblichiamo il discorso pronunciato da Tony Blair, premier del Regno Unito dal 1997 al 2007 (18 dicembre 2019). Il testo è stato tradotto dalla redazione de Linkiesta che ringraziamo per averne consentito la diffusione.

 

Queste elezioni non sono state una sconfitta normale per i laburisti. Hanno segnato un momento nella storia. La scelta per il Labour ora è quella di rinnovarsi come un concorrente serio, progressista, non conservatore per la guida politica del Regno Unito; oppure ritirarsi da questa ambizione, e in questo caso essere sostituito con il passare del tempo.

Sono molto addolorato per quei buoni candidati laburisti che hanno perso il seggio per colpe non loro, così come per le migliaia di lavoratori e volontari che rappresentano la spina dorsale del Partito.

Certo, la Brexit è stato un problema. È stata un’elezione generale sulla Brexit, ed è stato un errore centrale che il Labour abbia accettato che fosse così. Ma una situazione già difficile è stata resa impossibile dall’incapacità di prendere una posizione chiara e di seguirla fino in fondo.

Affronto molto seriamente l’argomento secondo cui abbiamo “abbandonato” o “mancato di rispetto” ai nostri elettori della classe operaia ridiscutendo il risultato del referendum. Ma il problema di questa posizione è che non c’era modo di unire il paese sulla Brexit. Il Regno Unito è profondamente diviso su questo tema. Ora che la Brexit si realizzerà, dobbiamo trarne il meglio e il Paese deve unirsi.

Ma fino a quando le elezioni non hanno risolto il dibattito sulla Brexit una volta per tutte, come sfortunatamente hanno fatto, se il Labour avesse optato per il Leave avrebbe semplicemente alienato la metà della nazione che si opponeva alla Brexit; così come la grande parte dei membri del nostro Partito.

Il sondaggio post-elettorale mostra che tra il 2017 e il 2019 abbiamo perso solo un piccolo numero di elettori che erano per il Leave e nel frattempo abbiamo guadagnato più del doppio del numero di elettori favorevoli al Remain. La più grande riduzione percentuale degli elettori laburisti tra il 2017 e il 2019 è stata tra i giovani, probabilmente sconcertata dall’ambiguità nei confronti della Brexit che detestano.
Dopo il giugno del 2016 avremmo dovuto accettare il risultato, affermare che spettava al governo negoziare un accordo, ma riservarci il diritto di criticarlo e, nel caso in cui non si fosse rivelato un buon affare per il Paese, sostenere che la decisione finale dovesse essere presa ancora una volta dai cittadini. Avremmo potuto perdere i più ferventi sostenitori della Brexit, ma credo che, con una leadership diversa, avremmo mantenuto gran parte del nostro voto nelle aree tradizionali del Labour, beneficiando del fatto che, anche in quelle zone, la maggioranza di quelli che votano laburista erano a favore del Remain.

Invece abbiamo seguito un percorso di indecisione quasi comica, alienando entrambe le parti del dibattito, lasciando i nostri elettori senza guida o leadership. L’assenza di leadership su quella che era ovviamente la più grande domanda che il paese doveva affrontare, ha rafforzato tutti gli altri dubbi su Jeremy Corbyn.

L’importante è capire perché la sua leadership sia stata respinta in modo così deciso. Non si tratta di Jeremy Corbyn come persona. Non ho dubbi che abbia convinzioni profonde e sincere a cui è rimasto fedele anche quando queste sono state criticate duramente.

Ma politicamente, la gente lo ha visto come un politico fondamentalmente contrario a ciò che il Regno Unito e le società occidentali rappresentano. Ha personificato un’idea, un marchio di socialismo quasi rivoluzionario, mescolando la politica economica di estrema sinistra con la profonda ostilità alla politica estera occidentale, che non piace agli elettori laburisti tradizionali, che non gli piacerà mai, ha rappresentato per loro una combinazione di ideologia sbagliata e inettitudine atroce che hanno trovato offensivo.

Nessun partito sensato partecipa a un’elezione con un leader che ha un gradimento netto del – 40%. La colonizzazione del Partito laburista da parte dell’estrema sinistra lo ha trasformato in un glorificato movimento di protesta, con un contorno di culto, assolutamente incapace di essere credibile per un governo.

Il risultato ci ha fatto vergognare. Abbiamo deluso il nostro Paese. In qualsiasi momento, partecipare alle elezioni con una tale divergenza tra popolo e partito è inaccettabile. Farlo in un momento di crisi nazionale quando un’opposizione credibile era così essenziale per il nostro interesse nazionale, è imperdonabile.

L’antisemitismo è una macchia. L’incapacità di affrontarlo è stata una questione spregevole che ha lasciato in alcuni di noi il dubbio di votare laburista, per la prima volta nella nostra vita.

Va bene, prendiamoci un periodo di “riflessione”; ma ogni tentativo di mascherare questa sconfitta, fingere che sia qualcosa di diverso da quello che è, o la conseguenza di qualcosa di diverso dall’ovvio, causerà un danno irreparabile al nostro rapporto con l’elettorato.

Demoliamo questa illusione che “il programma era popolare”. Il sentimento alla base di alcune delle politiche rifletteva alcune ansie degli elettori, ma in mezzo c’era anche una “lista dei desideri” di cento pagine. Ogni pazzo può promettere tutto gratis. Ma il popolo non si è fatto ingannare. Sanno che la vita non è così. E la promessa della “banda larga gratuita” pubblica, gestita dal governo è stata la conferma definitiva della non credibilità del programma.

I signori Johnson e Cummings avevano una strategia per la vittoria e noi ne avevamo una per la sconfitta. Ho notato la sfrontatezza della visita di Johnson a Sedgefield per mettere il coltello sulla piaga! Ma vorrei vedere la loro brillantezza strategica fronteggiare una squadra diversa da una in cui l’attaccante non sapeva da che parte attaccare, il centrocampo in stato comatoso, la difesa assente sulle gradinate a chiacchierare con una piccola parte dei tifosi e il suo portiere dietro la rete a ritwittare un video della sua unica parata in un devastante 9-0.

Per il Partito Laburista le scelte sono nette, più nette di quanto si pensi. Si sta preparando a combattere un partito conservatore “ultra thatcheriano”.

Ma Boris Johnson ha anche capito che il paese non può essere unito sul tema Brexit. Quindi, la sua strategia è di realizzarla e poi trattarla come uno scomodo impiccio della vita e non un tema che definisce il Partito conservatore. Adotterà la retorica centrista su tutto, tranne che sulla Brexit e possibilmente anche su quello; aspettiamo di vedere alcuni ex ribelli tornare nell’ovile. Dopo aver trasformato la Brexit da un problema dei Tory a un problema della nazione, aspettiamoci che cambi il tenore del dibattito sulla Brexit. La sfida sarà formidabile, non ultimo per quanto riguarda il nuovo accordo commerciale e la minaccia per l’Unione, oltre al dover mantenere tutte quelle promesse fatte agli ex elettori laburisti del Nord.

Ma la maggior parte delle persone non riuscirebbe a scommettere contro 10 anni di governo Tory. La prima regola della politica, tuttavia, è che nulla è inevitabile.
Il Labour può continuare con il programma e le posizioni di Corbyn anche con un nuovo leader. In quel caso sarebbe finito. Oppure può capire che deve liberare il Partito dall’estrema sinistra, apportare cambiamenti radicali e iniziare la marcia indietro.

Ma la più grande necessità è capire che la sfida non è iniziata nel 2015. È piuttosto il culmine dei cambiamenti politici e socio-economici nell’ultimo mezzo secolo e le circostanze della nascita di Labour più di un secolo fa.

Questo è un momento in cui o usiamo le lezioni della sconfitta per costruire una coalizione politica moderna e progressista in grado di competere, vincere e mantenere il potere; o accettiamo che il Partito Laburista abbia esaurito la sua missione originale e non sia in grado di realizzare lo scopo per il quale è stato creato.

Con l’avvicinarsi della rivoluzione industriale del XIX secolo, il partito Whig divenne il partito liberale e l’alternativa efficace al partito conservatore. (…) È comparso poi un concorrente: il neo-partito laburista nato dal comitato di rappresentanza del lavoro, un’organizzazione sindacale progettata per portare veri rappresentanti della classe operaia e socialista in Parlamento. Col tempo, il partito laburista prese il posto della principale alternativa al partito conservatore e il partito liberale divenne sempre più una minoranza.

Quindi, Lloyd George, un grande riformatore liberale, e Clement Attlee, un grande riformatore laburista, finirono in partiti diversi. Ma la divisione nella politica progressista ebbe conseguenze deleterie a lungo termine. Nel secolo scorso, con la separazione del Partito laburista e dei liberali, i Tories sono stati al potere molto più a lungo dell’opposizione, vincendo 8 delle ultime 11 elezioni, mentre negli anni della competizione Tory / Partito liberale, i liberali erano in vantaggio.

Il Partito Laburista divenne dipendente dalle tradizionali forme organizzative della classe operaia e si spinse costantemente verso un socialismo che smussò in momenti cruciali il suo fascino presso l’aspirante classe lavoratrice. La sua ala liberale era rappresentata da gente come Roy Jenkins, ma era sempre vista con un certo sospetto. La sinistra e la destra tradizionali del Partito – Bevin e Bevan – erano a disagio l’uno con l’altra, ma si unirono per rendere il Labour un partito di governo, con una politica parlamentare non rivoluzionaria, a favore della Nato e dell’Alleanza transatlantica, all’interno del mainstream del socialismo europeo e della politica socialdemocratica.

Poi c’era un terzo filone di politica di sinistra che derivava dal marxismo/leninismo ed era una spina nel fianco della leadership laburista. Fin dall’inizio, la leadership ha spinto questo filone ai margini del Labour. L’assalto ai vertici del Partito di Tony Benn negli anni ’70 e ’80, è stato respinto sotto Michael Foot che ha sostenuto Denis Healey contro Benn.

Durante tutto questo periodo stava succedendo qualcos’altro. L’economia e la società stavano cambiando. La classe media è cresciuta e strumenti di potere collettivo come i sindacati hanno perso la loro base industriale.

E man mano che lo Stato cresceva, per dimensioni e autorità, divenne chiaro che sebbene fosse un mezzo di progresso sociale, poteva anche essere un interesse acquisito, e le limitazioni dello Stato in un’era di scelta individuale e aumento del reddito diventavano sempre più apparenti. Il sindacato e la base industriale sono stati svuotati. Le strutture del Partito Laburista si sono dimostrate vulnerabili alle infiltrazioni. I valori sono rimasti forti; ma l’offerta al popolo è stata debole e obsoleta.
Il New Labour fu un tentativo di riunire le tradizioni liberali e laburiste della politica progressista. Sia la sinistra tradizionale sia la destra della tradizione laburista furono espressamente incluse, simboleggiate da me e John Prescott; ma l’estrema sinistra era tornata ai margini.

Uno studio sulla storia del Labour ha mostrato che nel XX secolo ha governato solo in modo intermittente. Il periodo di potere più lungo ininterrotto fu di 6 anni. Il partito laburista non ha mai vinto due legislature consecutive complete.

Quindi, il programma del Partito è stato rimodellato attorno a un appello alle imprese e ai sindacati all’aspirazione e alla giustizia sociale; culturalmente era forte sui temi della sicurezza militare, su legge e ordine, ma anche liberale sui temi sociali. Abbiamo vinto tre legislature consecutive e governato per più del doppio di qualsiasi precedente governo laburista.

Il Partito si è esteso oltre la tribù, ma non ha trascurato i suoi elettori tradizionali.

Si è posizionato saldamente dalla parte delle vittime, non dei criminali. Dalla parte della classe operaia che crede che si debba guadagnare quello che si ottiene. Dalla parte dell’interesse dei pazienti e degli allunni, non dell’interesse del produttore. Ha sostenuto gli investimenti nei servizi pubblici, ma ha abbinato la riforma per garantire che questi soldi fossero spesi saggiamente. Ha respinto esplicitamente la visione del mondo anti-occidentale dell’estrema sinistra e stava dalla parte di chi si mostrava patriottico nei confronti del proprio paese.

Non è stato – nonostante tutta le caricature fatte da quando abbiamo lasciato l’incarico – un progetto dell’élite liberale delle città. Ha riunito una nuova coalizione di elettori tradizionali della classe operaia, elettori aspirazionali che in precedenza si erano rivolti a Margaret Thatcher e ha unito il voto progressista che era stato diviso nel secolo precedente.

La cosa straordinaria è il desiderio del Partito Laburista di riscrivere in termini negativi il suo unico periodo di maggioranza di governo in mezzo secolo.

Non abbiamo “trascurato” i tradizionali territori del Labour nel tentativo di renderci affascinanti alla classe media. In quelle comunità abbiamo fatto il più grande investimento di sempre in scuole e ospedali; abbiamo ridistribuito la ricchezza attraverso modifiche fiscali e crediti d’imposta; ridotto la povertà dei pensionati e dei bambini; preso i senzatetto dalle strade; e attraverso il Sure Start, il salario minimo e una serie di altri programmi abbiamo aiutato coloro che avevano più bisogno di aiuto. E abbiamo mantenuto il loro sostegno. Nel 2005, a Sedgefield, la mia maggioranza era di quasi 20mila persone. A Bolsover erano 18mila. In Scozia avevamo 41 seggi su 56, di cui due con maggioranze aumentate rispetto alle elezioni del 2001. Il sostegno che abbiamo perso è stato principalmente tra la classe media per le tasse universitarie e per l’Iraq.

Il punto non è di tornare alle politiche del New Labour, ma di comprendere il ruolo del New Labour nella storia del partito laburista, così possiamo capire meglio come forgiare il futuro del partito e inserirlo nella storia della politica progressista nel Regno Unito. Lì dove si trova il Labour, ma non solo occupando il posto.

Questa sconfitta è fondamentale. Non possiamo permetterci di ripetere il 1983, camminando come un granchio di fronte alla realtà. Conoscete la narrazione. Per l’estrema sinistra, “abbiamo vinto il dibattito”, e solo per qualche inspiegabile ragione il popolo britannico, anche se ha accettato che avevamo ragione, ha deciso di votare per gli altri. “Le nostre proposte erano popolari, ma erano troppe, la nostra leadership era un problema, ma ha ispirato molte persone, non eravamo troppo estremisti ma ci siamo lasciati ritrarre In questo modo, ora dobbiamo opporci con le nostre comunità all’assalto che verrà fatto su di esse dai Tories eccetera. Dobbiamo stare un po’ di più con le comunità della classe operaia contro il tipo di populismo delle élite liberali di Londra”. Se seguiremo questa linea, saranno 15 anni in più di governo Tory.

Il Paese non lo tollererà. Oggi ci sono persone senza diritto di voto nella nostra politica, arrabbiate per il modo in cui il paese è stato deluso dalla sua opposizione non conservatrice e si sentono senza speranza. E per il paese esiste una generazione di persone intelligenti, capaci e politicamente consapevoli che non saranno mai Tories ma che non hanno posto in Parlamento a causa dello stato del Partito Laburista e il cui talento quindi è escluso.

Devono succedere due cose.

In primo luogo, dovrebbe esserci un dibattito dentro e fuori il Partito laburista sul futuro della politica progressista, su come deve essere ricostruito e rimodellato in una coalizione vincente. Bisogna includere laburisti tradizionali di sinistra e destra, i liberal democratici e coloro che sono disillusi dai partiti principali e quelli che attualmente non sostengono alcun partito. Deve essere un dibattito sotto la “Grande Tenda”, aperto e franco.

In secondo luogo, abbiamo urgentemente bisogno di una nuova agenda per la politica progressista. Al centro di ciò ci sarà la comprensione e la mobilitazione della rivoluzione tecnologica, l’equivalente del 21esimo secolo di ciò che è stata la rivoluzione industriale nel 19esimo secolo. Significherà un completo riordino del modo in cui Stato e Governo sono concepiti e organizzati; grande attenzione all’istruzione e alle infrastrutture; nuovi modi di affrontare la povertà generazionale; ripensare la governance e la responsabilità delle imprese; uno stimolo a livello nazionale e internazionale della scienza e della tecnologia per il cambiamento ambientale; e misure molto specifiche per collegare le comunità e le persone lasciate alle spalle dai cambiamenti determinati dalla globalizzazione.

Abbiamo bisogno di politiche per il futuro. Radicali, ma moderne. L’agenda dell’estrema sinistra non è progressista; è una forma di regressione verso un vecchio statalismo, verso il programma tassa e spendi degli anni ’60 e ’70. Capisco che per qualcuno sia attraente, visto che affronta in modo intenso l’emarginazione e il desiderio di cambiamento radicale.

È un grido di rabbia contro “il sistema”. Ma non è un programma di governo.
Per tornare a vincere, abbiamo bisogno di autodisciplina, non di autoindulgenza; ascoltando ciò che la gente dice veramente, non ascoltando solo le parti che vogliamo ascoltare; capire che non puoi giocare solo con passione, ma che servono strategia, preparazione e professionalità; vincere la battaglia intellettuale assieme a quella politica.

Nel 1983, dopo la mia prima elezione, essendo stato in giro per diverse settimane ad ascoltare gli elettori laburisti che mi dicevano che stavano votando laburista nonostante lo stato del Partito invece che grazie ad esso, ho partecipato a una riunione nel mio collegio elettorale organizzata dalll’estrema sinistra, ancora forte dopo l’ondata pro Benn, intitolata “Imparare le lezioni della sconfitta” o qualcosa del genere.
Dennis Skinner era l’oratore principale. All’inizio, il presidente ci ha esortato a essere onesti. Ingenuamente, ho preso le istruzioni alla lettera. Ho parlato onestamente. Ho detto che eravamo troppo fuori moda nel nostro modo di pensare, eravamo troppo di estrema sinistra, sembrava che stessimo vivendo nell’era della TV in bianco e nero in un’epoca di colori e così via.

Sono stato ascoltato in silenzio. Subito dopo di me, venne Dennis, che mi strappò politicamente pezzo per pezzo. Uscii dall’incontro scioccato. Il mio saggio agente John mi disse: «Sei stato l’unico a dire cose sensate, ma in futuro impara a dirle meglio». Nel 1994, pronto alla leadership del partito, ho imparato a dirlo meglio. Ho scelto con cura il mio terreno. Non c’era bisogno di offendere inutilmente. Ma nessuno dubitava su quali fossero le mie convinzioni.

Il Labour Party è attualmente abbandonato nell’isola della Fantasia. Capisco che gli aspiranti leader vorranno andarci e parlare la lingua locale nella speranza di convincerne abbastanza a migrare verso la terraferma della Realtà.

Ma c’è il rischio che le uniche persone che parlano al Partito il linguaggio della Realtà siano quelle che non aspirano a guidarlo.

Sfortunatamente, il 2019 è molto peggio del 1983.

Quella fu la nostra seconda sconfitta; questa è la nostra quarta. Il paese è diverso. La politica è diversa. Il paese è meno stabile nella sua appartenenza politica. La politica si muove a una velocità accelerata dai social media.

Possiamo correggere le nostre debolezze storiche e quelle contemporanee; o venirne consumati.

Ma la scelta è spietata. E davanti a noi, ADESSO.

Tags:

Lascia un commento

L'indirizzo mail non verrà reso pubblico. I campi richiesti sono segnati con *