LibertàEguale

Digita parola chiave

Dopo Covid-19, il ritorno all’economia autarchica sarebbe un disastro

Pietro Ichino mercoledì 25 Marzo 2020
Condividi

di Pietro Ichino

 

Affiora diffusamente l’auspicio che dalla pandemia il mondo esca con un ritorno a una economia “a chilometro zero” o poco più: non c’è consapevolezza del disastro che conseguirebbe a un simile balzo indietro di cent’anni

 

In questi giorni, che speriamo essere i più bui della pandemia da Covid-19, affiora da diverse parti l’auspicio che tra breve il mondo ne riemerga avvertito e vaccinato contro i danni prodotti dal modello incauto di sviluppo perseguito fin qui.

Che il mondo si impegni, quindi, a perseguire un modello economico più rispettoso dell’ambiente (fin qui condivido pienamente l’auspicio) e più “a misura d’uomo”, dove la “misura d’uomo” viene intesa come una drastica riduzione del raggio degli spostamenti usuali delle persone e delle cose.

Insomma, se non proprio un’economia a “chilometro zero”, a “chilometro cinquecento”: non di più. E qui non riesco a condividere l’auspicio.

Anzi, proprio un rattrappimento permanente degli scambi internazionali è ciò che del nostro futuro prossimo mi preoccupa di più.

Quando l’emergenza sanitaria di oggi sarà stata superata, il coronavirus non sarà stato certo eradicato dal mondo: anche perché non si possono sopprimere tutti i pipistrelli, suoi probabili primi portatori.

La preoccupazione di un possibile ritorno di questa epidemia, o di un’altra analoga, rischia sì di produrre il ritorno a un’economia autarchica, per non pensare addirittura al modello dell’economia curtense medievale.

Ma sarebbe un balzo all’indietro catastrofico. Le auto, gli aerei, le navi, i treni, gli elettrodomestici, le macchine utensili, i computer, i telefonini, tutto dovrebbe tornare a essere prodotto solo con componenti reperibili “in zona”.

Anche a non voler considerare il tempo necessario per una simile ristrutturazione, l’esito di tutto questo sarebbe un drammatico impoverimento del mondo intero.

Ci costa molto meno un investimento colossale – attuabile solo su dimensioni continentali, se non planetarie – per il potenziamento delle strutture sanitarie e della ricerca sui germi patogeni, oltre che sulla difesa dell’ambiente, che dopo questa brusca interruzione consenta di puntare a una globalizzazione anche più spinta di prima, ma meno fragile e più sicura.

 

(Pubblicato su www.pietroichino.it)

Tags:

Lascia un commento

L'indirizzo mail non verrà reso pubblico. I campi richiesti sono segnati con *

Riepilogo preferenze privacy

Preferenze

Questi cookie permettono ai nostri siti web di memorizzare informazioni che modificano il comportamento o l'aspetto dei siti stessi, come la lingua preferita o l'area geografica in cui ti trovi. Memorizzando l'area geografica, ad esempio, un sito web potrebbe essere in grado di offrirti previsioni meteo locali o notizie sul traffico locale. I cookie possono anche aiutarti a modificare le dimensioni del testo, il tipo di carattere e altre parti personalizzabili delle pagine web.

La perdita delle informazioni memorizzate in un cookie delle preferenze potrebbe rendere meno funzionale l'esperienza sul sito web ma non dovrebbe comprometterne il funzionamento.

NID

ad

Statistiche

Google Analytics è lo strumento di analisi di Google che aiuta i proprietari di siti web e app a capire come i visitatori interagiscono con i contenuti di loro proprietà. Questo servizio potrebbe utilizzare un insieme di cookie per raccogliere informazioni e generare statistiche sull'utilizzo dei siti web senza fornire informazioni personali sui singoli visitatori a Google.

__ga
__ga

other