LibertàEguale

Digita parola chiave

La pandemia manda in soffitta un’epoca: apriamone un’altra

Tomaso Greco sabato 21 Marzo 2020
Condividi

di Tomaso Greco

 

Chiusi in casa ascoltiamo i bollettini dell’epidemia e attendiamo il ritorno alla normalità. È un atteggiamento naturale, e probabilmente è più che naturale la voglia di decomprimere finalmente la propria socialità, di riprendere a pieno ritmo le attività economiche e di tornare alle proprie routine.

Ma per la politica il coronavirus non può essere una sospensione, una sosta lunga e forzata tra le proprie attività ordinarie, una pace olimpica tra le amministrative in Emilia-Romagna e l’ormai prossimo voto a Milano.

In sintesi se alla fine dell’allarme la vita delle persone tornerà presumibilmente alla normalità, è auspicabile che la politica e le istituzioni non tornino affatto a gennaio 2020.

Mi spiego. Finora la globalizzazione ci aveva messo di fronte a sfide e pericoli di varia natura, anche gravi, ma contenibili e affrontabili. Così era stato l’11 settembre, la prima sars, la crisi economica del 2008. Solo per citarne alcune.

Aveva creato l’illusione di poter abbattere le frontiere per le opportunità, ma di tenerle e di addirittura di rafforzarle per le minacce, anche qualora fossero effetti collaterali della globalizzazione stessa.

In questo il Coronavirus cambia il paradigma, ci mette di fronte a un prima e a un dopo.

In primo luogo dimostra l’inefficacia della frontiera e la sua presidiabilità solo a livello retorico. In altri termini rende velleitario qualsiasi sovranismo.

In secondo luogo dimostra l’inadeguatezza strutturale dei soggetti che perseguono l’interesse pubblico: le istituzioni nazionali sono travolte e la BCE con un piano straordinario da 750 miliardi (non un organismo squisitamente politico) ha fatto di più per la costruzione dell’Europa negli ultimi giorni che trent’anni di dibattito altalenante, dove agli slanci sono sempre seguite brusche frenate quando non addirittura retromarce.

Terzo aspetto, dimostra l’inadeguatezza degli attuali partiti. Pensati come attori della politica nazionale, si trovano scavalcati da sfide globali che richiedono una governance almeno continentale. Che per restare democratica ha bisogno di un dibattito politico continentale e di conseguenza di partiti continentali.

Quando sarà finita, mi auguro si faccia tesoro di questa dolorosa esperienza, non per una ripartenza, ma per una nuova partenza.

Tags:

Lascia un commento

L'indirizzo mail non verrà reso pubblico. I campi richiesti sono segnati con *

Riepilogo preferenze privacy

Preferenze

Questi cookie permettono ai nostri siti web di memorizzare informazioni che modificano il comportamento o l'aspetto dei siti stessi, come la lingua preferita o l'area geografica in cui ti trovi. Memorizzando l'area geografica, ad esempio, un sito web potrebbe essere in grado di offrirti previsioni meteo locali o notizie sul traffico locale. I cookie possono anche aiutarti a modificare le dimensioni del testo, il tipo di carattere e altre parti personalizzabili delle pagine web.

La perdita delle informazioni memorizzate in un cookie delle preferenze potrebbe rendere meno funzionale l'esperienza sul sito web ma non dovrebbe comprometterne il funzionamento.

NID

ad

Statistiche

Google Analytics è lo strumento di analisi di Google che aiuta i proprietari di siti web e app a capire come i visitatori interagiscono con i contenuti di loro proprietà. Questo servizio potrebbe utilizzare un insieme di cookie per raccogliere informazioni e generare statistiche sull'utilizzo dei siti web senza fornire informazioni personali sui singoli visitatori a Google.

__ga
__ga

other