LibertàEguale

Digita parola chiave

La proprietà intellettuale nei farmaci salvaguarda la ricerca, non i profitti

Umberto Minopoli giovedì 13 Maggio 2021
Condividi

di Umberto Minopoli

Sulla liberalizzazione dei brevetti dei vaccini Covid serve il pragmatismo di Fauci e della Merkel. Non l’ideologia e il solito attacco alla Big Pharma. Che, comunque, ha un merito storico: ha prodotto vaccini contro il Covid in meno di un anno. Fauci dice una cosa sensata: attenti, aprendo oggi dispute e liti sulla proprietà dei brevetti, a non allungare invece che accorciare la campagna di vaccinazioni nei paesi poveri.

La Merkel, sempre monumento di saggezza, ricorda che per i vaccini non serve la facilità di accesso alla formula, ma la qualità industriale per produrli: accesso ai componenti, impianti adeguati e competenza scientifica e tecnologica. Non prendiamo in giro, con la demagogia, i paesi poveri.

Piuttosto i grandi della Terra (Europa, Usa, Cina, Russia) si accordino su un piano straordinario per assicurare quantità adeguate di vaccini ai paesi e ai continenti (Africa, India) in sofferenza: non solo l’accesso ai brevetti, ma la loro fabbricazione con la garanzia di qualità necessaria. E Biden sia chiaro: oggi la priorità sarebbe esportare i propri vaccini.

L’Europa lo fa, gli Usa no. America first, sui vaccini, è uno slogan passato da Trump a Biden senza differenze. Per il Covid, se davvero servisse, si potrebbero anche trovare forme per accedere più facilmente ai brevetti. Ma senza buttare il bambino con l’acqua sporca. La proprietà intellettuale nei farmaci salvaguardia la ricerca, non i profitti. Il Covid è l’emergenza, ma abbiamo altre drammatiche tragedie sanitarie (pensiamo ai tumori) in cui la ricerca deve continuare e, anzi, essere potenziata. Senza proprietà brevettuale, l’intera governance della ricerca medica vacillerebbe. Stiamo attenti alla facile demagogia.

Tags:

Lascia un commento

L'indirizzo mail non verrà reso pubblico. I campi richiesti sono segnati con *

Privacy Preference Center

Preferenze

Questi cookie permettono ai nostri siti web di memorizzare informazioni che modificano il comportamento o l'aspetto dei siti stessi, come la lingua preferita o l'area geografica in cui ti trovi. Memorizzando l'area geografica, ad esempio, un sito web potrebbe essere in grado di offrirti previsioni meteo locali o notizie sul traffico locale. I cookie possono anche aiutarti a modificare le dimensioni del testo, il tipo di carattere e altre parti personalizzabili delle pagine web.

La perdita delle informazioni memorizzate in un cookie delle preferenze potrebbe rendere meno funzionale l'esperienza sul sito web ma non dovrebbe comprometterne il funzionamento.

NID

ad

Statistiche

Google Analytics è lo strumento di analisi di Google che aiuta i proprietari di siti web e app a capire come i visitatori interagiscono con i contenuti di loro proprietà. Questo servizio potrebbe utilizzare un insieme di cookie per raccogliere informazioni e generare statistiche sull'utilizzo dei siti web senza fornire informazioni personali sui singoli visitatori a Google.

__ga
__ga

other