LibertàEguale

Digita parola chiave

Ma la pace non può significare la rimozione e la resa dell’Ucraina

Umberto Minopoli giovedì 5 Maggio 2022
Condividi

di Umberto Minopoli

 

Lega e M5S, ormai, si saldano in un fronte comune. Si opera una finta contrapposizione, tra invio delle armi e diplomazia. Per operare una presunta opposizione tra presunti falchi e presunte colombe e smarcarsi, così, dalla politica del governo e, personalmente di Draghi.

E’ una posizione pericolosissima che coincide con la linea di Putin. Che rovescia il problema: la responsabilità della guerra è dell’Ucraina che resiste, dell’Occidente che l’appoggia e dei leader europei che inviano armi, appiattendosi sugli Usa.

Questa posizione sconta una conseguenza politica che sarebbe, per l’Italia, disastrosa e immorale: la rottura con l’Ucraina e il suo governo aggredito. Che, alla fine, Salvini e Conte, al pari di Lavrov, vedono come ostacolo alla pace e che, se costretto alla resa, faciliterebbe un negoziato.

E’ questa la conseguenza poco nobile, insopportabile e, anche, falsa e controproducente.

Si dimentica che la guerra è contro l’Ucraina. E che la pace va fatta con l’Ucraina al tavolo. Che può trattare se sta in piedi, se non perde sul campo.

Questa condizione vale per tutti gli aspiranti negoziatori. Compreso, se consentite il Papa. Nessuno dovrebbe parlare di pace rimuovendo il protagonista in essa: il legittimo governo ucraino, gli aggrediti.

Invece c’è chi li rimuove, li mette sullo sfondo, li vede come intralcio al negoziato. Per finire, implicitamente, ad auspicare la resa di Zelensky e l’esautoramento dal tavolo del negoziato come il fattore della pace.

Cos’è questo se non parteggiare per Putin? Con il risultato, però, che su queste premesse la solidarietà occidentale andrebbe in frantumi, gli ucraini resisterebbero sostenuti da Usa e Gran Bretagna e altri europei, l’Italia perderebbe la faccia.

Tags:

Lascia un commento

L'indirizzo mail non verrà reso pubblico. I campi richiesti sono segnati con *

Privacy Preference Center

Preferenze

Questi cookie permettono ai nostri siti web di memorizzare informazioni che modificano il comportamento o l'aspetto dei siti stessi, come la lingua preferita o l'area geografica in cui ti trovi. Memorizzando l'area geografica, ad esempio, un sito web potrebbe essere in grado di offrirti previsioni meteo locali o notizie sul traffico locale. I cookie possono anche aiutarti a modificare le dimensioni del testo, il tipo di carattere e altre parti personalizzabili delle pagine web.

La perdita delle informazioni memorizzate in un cookie delle preferenze potrebbe rendere meno funzionale l'esperienza sul sito web ma non dovrebbe comprometterne il funzionamento.

NID

ad

Statistiche

Google Analytics è lo strumento di analisi di Google che aiuta i proprietari di siti web e app a capire come i visitatori interagiscono con i contenuti di loro proprietà. Questo servizio potrebbe utilizzare un insieme di cookie per raccogliere informazioni e generare statistiche sull'utilizzo dei siti web senza fornire informazioni personali sui singoli visitatori a Google.

__ga
__ga

other