LibertàEguale

Digita parola chiave

Predappio e l’illusione della sinistra

Umberto Minopoli martedì 1 Novembre 2022
Condividi

di Umberto Minopoli

 

Predappio. La sinistra dovrebbe liberarsi dall’illusione e dalla falsa aspettativa che la Meloni si faccia incastrare sul tema del fascismo. Sarebbe un’attesa vana, inutile e frustrante. Ancor più se si istituiscono paragoni impossibili e autolesionisti tra manifestazioni, illegali e pericolose (e gravide di reati), come un rave party e la marcia dei nostalgici di Predappio.

Molti, a sinistra, ritengono che la legge italiana consideri reato “l’apologia di fascismo”, inteso, anche, come propaganda ed esibizione di simboli e manifestazioni esteriori. Purtroppo, non è così.

Le sentenze su questo tema sono molto controverse. In generale si tende, da parte dei tribunali, ad affermare una distinzione: il reato di apologia viene ristretto alla fattispecie “organizzativa” , della dichiarata e manifesta “ricostituzione del disciolto partito fascista”. Quindi, non alla propaganda ed esibizione dei suoi simboli o aspetti esteriori.

E ciò per evitare una possibile contraddizione tra il principio sacrosanto del divieto di ogni ritorno del “partito fascista” e quello, altrettanto costituzionale, della “libertà di opinione”. Il reato di apologia è stato così ristretto, nelle sentenze, a quello “organizzativo”: è fuorilegge la “ricostituzione del disciolto partito fascista”. Per questo le consuete Predappio non sono state perseguite da alcun governo in questi anni.

Non è una linea chiara. La propaganda razzista e fascista ha assunto, più volte, forme organizzate di “partito”. Ci sono organizzazioni neo-fasciste violente e razziste che evitando, nel nome, il riferimento al disciolto PNF, non vengono sciolte. Neanche dopo l’assalto alla Cgil.

Il senatore Fiano del Pd ha tentato, invano, di promuovere una legge che estendesse l’apologia anche alla propaganda “organizzata” ed eliminasse le ambiguità sul nominalismo (il disciolto PNF). Non ci è riuscito.

Ma il suo tentativo dimostra che la legge italiana distingue, sul reato di “apologia”, tra le manifestazioni tipo Predappio e il reato di ricostituzione del PNF. Magari, in forme nuove e originali (per esempio ponendo al centro la “violenza e il razzismo”) quella di Fiano potrebbe, un giorno, diventare una decisione bipartisan.

Tags:

Lascia un commento

L'indirizzo mail non verrà reso pubblico. I campi richiesti sono segnati con *

Privacy Preference Center

Preferenze

Questi cookie permettono ai nostri siti web di memorizzare informazioni che modificano il comportamento o l'aspetto dei siti stessi, come la lingua preferita o l'area geografica in cui ti trovi. Memorizzando l'area geografica, ad esempio, un sito web potrebbe essere in grado di offrirti previsioni meteo locali o notizie sul traffico locale. I cookie possono anche aiutarti a modificare le dimensioni del testo, il tipo di carattere e altre parti personalizzabili delle pagine web.

La perdita delle informazioni memorizzate in un cookie delle preferenze potrebbe rendere meno funzionale l'esperienza sul sito web ma non dovrebbe comprometterne il funzionamento.

NID

ad

Statistiche

Google Analytics è lo strumento di analisi di Google che aiuta i proprietari di siti web e app a capire come i visitatori interagiscono con i contenuti di loro proprietà. Questo servizio potrebbe utilizzare un insieme di cookie per raccogliere informazioni e generare statistiche sull'utilizzo dei siti web senza fornire informazioni personali sui singoli visitatori a Google.

__ga
__ga

other