LibertàEguale

Digita parola chiave

Premier eletto direttamente e a minoranza: un’anomalia dopo l’altra

Dario Parrini domenica 17 Dicembre 2023
Condividi

di Dario Parrini

 

E così il governo Meloni non solo vuol far eleggere direttamente il premier, cosa sconosciuta nelle altre democrazie europee e tale da stravolgere gli equilibri costituzionali, dando una forza eccessiva al capo del governo a spese del Presidente della Repubblica e del Parlamento.

Oggi, leggendo un’intervista della Ministra Casellati al “Sole 24 Ore”, scopriamo anche che il governo vuol rendere possibile un’ulteriore macroscopica anomalia italiana: l’elezione “a minoranza” del presidente del consiglio.

Mettere la soglia del 40% di cui parla la Ministra delle Riforme significa infatti esattamente questo. Significa che un candidato premier che ottiene il 40.1% dei voti, e che quindi ha contro sei cittadini su dieci, si prende d’un colpo Palazzo Chigi e il 55% dei parlamentari.

Una pericolosa assurdità: tutti i Paesi dell’Ue dove esiste l’elezione nazionale diretta di un Presidente prevedono la soglia del 50% e il ballottaggio eventuale, proprio per l’elementare principio democratico che è necessario garantire che la persona che esercita su scala nazionale un rilevantissimo potere monocratico di vertice non può mai essere un “presidente di minoranza”, deve essere legittimato da non meno della metà più uno dei cittadini.

Tags:

Lascia un commento

L'indirizzo mail non verrà reso pubblico. I campi richiesti sono segnati con *

Privacy Preference Center

Preferenze

Questi cookie permettono ai nostri siti web di memorizzare informazioni che modificano il comportamento o l'aspetto dei siti stessi, come la lingua preferita o l'area geografica in cui ti trovi. Memorizzando l'area geografica, ad esempio, un sito web potrebbe essere in grado di offrirti previsioni meteo locali o notizie sul traffico locale. I cookie possono anche aiutarti a modificare le dimensioni del testo, il tipo di carattere e altre parti personalizzabili delle pagine web.

La perdita delle informazioni memorizzate in un cookie delle preferenze potrebbe rendere meno funzionale l'esperienza sul sito web ma non dovrebbe comprometterne il funzionamento.

NID

ad

Statistiche

Google Analytics è lo strumento di analisi di Google che aiuta i proprietari di siti web e app a capire come i visitatori interagiscono con i contenuti di loro proprietà. Questo servizio potrebbe utilizzare un insieme di cookie per raccogliere informazioni e generare statistiche sull'utilizzo dei siti web senza fornire informazioni personali sui singoli visitatori a Google.

__ga
__ga

other