LibertàEguale

Digita parola chiave

Il tallone d’Achille di Salvini, l’euroscettico

Pietro Ichino mercoledì 5 settembre 2018
Condividi

di Pietro Ichino

 

Sull’immigrazione, tatticamente Matteo Salvini ha visto giusto: fare la voce grossa contro i disperati che arrivano dalla Libia raccoglie un consenso vasto anche in una parte dell’elettorato che non gli è tradizionalmente vicina: italiani del centro-sud, o che in passato hanno votato a sinistra.

Ma sulla politica europea lo stesso vice-presidente del Consiglio sta rischiando – politicamente parlando – l’osso del collo: proprio la parte dell’elettorato che gli è tradizionalmente più vicina, quella padana che traina la crescita italiana e che con l’eccellenza dei propri prodotti sostiene l’export battendo la concorrenza internazionale, sta incominciando a mettere a fuoco il rischio mortale insito nella politica euroscettica del leader leghista.

Soprattutto nel nord-est, ma non solo lì, gli imprenditori piccoli e medi si oppongono apertamente ai preannunci sconsiderati di abbandono da parte dell’Italia del sentiero stretto che conduce alla riduzione graduale del debito pubblico. E guardano con grande preoccupazione alla sfiducia crescente degli operatori finanziari (anche nostrani) nei confronti della finanza pubblica italiana.

Questo è oggi il tallone d’Achille di Salvini: il protagonista più brillante della nostra politica nazionale attuale, inseguendo un consenso più ampio ma molto volatile, sta giocandosi il consenso dello zoccolo duro del proprio elettorato, consolidatosi nell’ultimo quarto di secolo.

L’opposizione – che sia quella da destra di FI o quella da sinistra del Pd – deve evidentemente, per il bene del Paese, dedicare tutto il proprio impegno ad allargare questa crepa che si sta aprendo nel partito oggi politicamente più forte della maggioranza, tra il suo leader e la sua base più antica.

La contrapposizione destra/sinistra tornerà centrale fra cinque o dieci anni; ma oggi la partita politica cruciale, in Italia come in tutti gli altri Paesi europei, è quella tra chi crede che l’integrazione nella UE costituisca l’unica soluzione possibile dei nostri problemi maggiori, e chi come Salvini è convinto che sia essa stessa, invece, la fonte maggiore dei nostri problemi.

 

Tratto da www.pietroichino.it

Senatore del Partito democratico e membro della Commissione Lavoro, fa parte della presidenza di Libertàeguale. Ordinario di Diritto del lavoro all’Università statale di Milano, già dirigente sindacale della Cgil, ha diretto la Rivista italiana di diritto del lavoro e collabora con il Corriere della Sera. Twitter: @PietroIchino

Tags:

Lascia un commento

L'indirizzo mail non verrà reso pubblico. I campi richiesti sono segnati con *

Riepilogo preferenze privacy

Preferenze

Questi cookie permettono ai nostri siti web di memorizzare informazioni che modificano il comportamento o l'aspetto dei siti stessi, come la lingua preferita o l'area geografica in cui ti trovi. Memorizzando l'area geografica, ad esempio, un sito web potrebbe essere in grado di offrirti previsioni meteo locali o notizie sul traffico locale. I cookie possono anche aiutarti a modificare le dimensioni del testo, il tipo di carattere e altre parti personalizzabili delle pagine web.

La perdita delle informazioni memorizzate in un cookie delle preferenze potrebbe rendere meno funzionale l'esperienza sul sito web ma non dovrebbe comprometterne il funzionamento.

NID

ad

Statistiche

Google Analytics è lo strumento di analisi di Google che aiuta i proprietari di siti web e app a capire come i visitatori interagiscono con i contenuti di loro proprietà. Questo servizio potrebbe utilizzare un insieme di cookie per raccogliere informazioni e generare statistiche sull'utilizzo dei siti web senza fornire informazioni personali sui singoli visitatori a Google.

__ga
__ga

other