LibertàEguale

Digita parola chiave

Condividi

di Umberto Minopoli

 

Abbiamo un governo che ha invertito il ciclo economico: da positivo (quattro anni di governi Renzi) a negativo.

Abbiamo un governo che, per esclusive ragioni elettorali, ha imposto una manovra assistenziale, che sottrae risorse (col reddito di cittadinanza e pensioni) a un’economia che cala invece di fornirle.

Abbiamo un governo che consegue, automaticamente, un percorso di decrescita con il blocco delle grandi opere e dovendo finanziare (tagliando gli investimenti pubblici) spesa pubblica corrente taglia la spesa per investimenti.

Abbiamo un governo che deprime le aspettative di crescita di imprese e famiglie aumentando la tassazione invece di diminuirla. Specie sul lavoro.

Abbiamo un governo che ha cancellato le politiche attive ( job act) di inserimento dei giovani nel lavoro per sostituirle con cervellotiche, costose, inutili politiche assistenziali e promuovendo il lavoro nero.

 

E (allora) il PD?

In tutto questo il Pd fa un congresso che ha solo due propositi comprensibili, afferrabili, dichiarati:

– fare autocritica per l’azione dei governi della fase 2013/2017 (quelli degli ultimi segni più su tutti i fattori della condizione economica del paese a fronte dei segni meno del governo attuale);

– cambiare il Pd liquidando il riformismo e le politiche innovative, l’identità espansiva, ottimistica del Nuovo corso del Pd del 2013/2017.

Che manifestazione di nanismo politico e culturale! Per sostituire poi il riformismo con che cosa? Non si capisce.

Il congresso del Pd non contiene alcuna visibilità di idee e programmi, di obiettivi di riforme (come erano le primarie del passato). Le candidature alla segreteria hanno solo una caratterizzazione burocratica, interna. E in cui si dichiara un solo proposito: cancellare il riformismo e (peggio) restaurare il Pd del prima di Renzi. Un disegno deprimente e reazionario (nel senso etimologico del termine), passatista.

 

Giachetti – Ascani, un’alternativa al populismo

Mi preme dirlo: leggete, per curiosità, la mozione congressuale del duo Giachetti- Ascani.

È l’unica che, volendo motivare la continuità con il renzismo del 2013/2017, contiene dall’inizio alla fine un elenco delle riforme da riprendere e continuare, dei contenuti e dello spirito attivo e riformista dei governi Pd, contro la morta gora restauratrice, pessimista cupa e anticrescita, del governo populista.

Perché questa è la verità: di fronte alla prova di governo dei populisti, il programma del Pd degli anni di Renzi è una cosa da esaltare, riprendere e continuare. Altro che una cosa di cui scusarsi come dicono Zingaretti e Martina. Tra i quali, detto in parentesi, non si è percepita la differenza. Avendo scelto di fare un congresso di liquidazione dell’esperienza dei governi Pd e di liquidazione del riformismo e dell’innovazione del 2013, il Pd si è infilato in un tunnel di introversione e cupezza.

Senza alcun afflato programmatico e di proposta. Se non il ritorno del passato, del vecchio centrosinistra, con le sue vecchie idee e  con i suoi vecchi arroganti protagonisti: la sinistra sedicente e autoreferenziale. Questo Pd restaurato, ri-burocratizzato e deprivato dell’afflato riformista, specie se vince Zingaretti, significa un autogol clamoroso: si priva dell’eredità dei governi Pd e del riformismo della fase di Renzi, proprio nel momento in cui l’ignavia dei populisti e la natura distruttiva per l’economia e la crescita delle loro ricette fanno emergere il rimpianto e considerazione, nel confronto, di quello che il Paese ha perso, e dei rischi che corre, passando dal riformismo dei quattro anni di Renzi, alla restaurazione della fase populista. Se questo è il Pd che vince il congresso, l’alternativa al populismo si allontana.

Se passa Zingaretti sarà davvero un bel problema.

Tags:

Lascia un commento

L'indirizzo mail non verrà reso pubblico. I campi richiesti sono segnati con *

Privacy Preference Center

Preferenze

Questi cookie permettono ai nostri siti web di memorizzare informazioni che modificano il comportamento o l'aspetto dei siti stessi, come la lingua preferita o l'area geografica in cui ti trovi. Memorizzando l'area geografica, ad esempio, un sito web potrebbe essere in grado di offrirti previsioni meteo locali o notizie sul traffico locale. I cookie possono anche aiutarti a modificare le dimensioni del testo, il tipo di carattere e altre parti personalizzabili delle pagine web.

La perdita delle informazioni memorizzate in un cookie delle preferenze potrebbe rendere meno funzionale l'esperienza sul sito web ma non dovrebbe comprometterne il funzionamento.

NID

ad

Statistiche

Google Analytics è lo strumento di analisi di Google che aiuta i proprietari di siti web e app a capire come i visitatori interagiscono con i contenuti di loro proprietà. Questo servizio potrebbe utilizzare un insieme di cookie per raccogliere informazioni e generare statistiche sull'utilizzo dei siti web senza fornire informazioni personali sui singoli visitatori a Google.

__ga
__ga

other