LibertàEguale

Digita parola chiave

Non c’è diplomazia che tenga, i russi vogliono solo la vittoria militare

Umberto Minopoli sabato 28 Maggio 2022
Condividi

di Umberto Minopoli

 

Qualcuno ha azzardato a paragonare la guerra di Putin a una lotta di classe internazionale tra ricchi e poveri.

Il sequestro del grano, bloccato dai russi nei porti ucraini, sta piegando le economie più povere dell’Africa e del mondo. Il nostro Premier ne ha fatto la prima delle priorità. La risposta di Putin a Draghi è il ricatto di un malfattore. Incurante del dramma della fame che sta creando ha irriso le richieste di Draghi subordinando l’allentamento della morsa sul grano all’eliminazione delle sanzioni.

Si è rivelata una balla la richiesta principale dei putiniani nostrani: “fate un’iniziativa diplomatica invece che inviare le armi”. All’iniziativa diplomatica Putin ha risposto: “non è il momento”. Segno che lui ha una sua agenda, che prescinde da ogni mossa diplomatica.

Il disfattismo dei putiniani d’Italia che agitano a vuoto le parole “pace e diplomazia” si dimostra anche sul cosiddetto “piano italiano” di pace presentato ai russi: irriso, perché contemplava una soluzione politica delle richieste territoriali dei russi, senza lo smembramento dell’Ucraina. Che invece è l’obiettivo di Putin.

Quindi non c’è diplomazia che tenga, i russi vogliono solo la vittoria militare, incuranti dei tempi (non è vicina) e dei mezzi (distruzioni e macerie ).

La Lega e 5 Stelle cavalcano la paura e l’egoismo di una parte di italiani che, nei sondaggi, dichiarano di preferire la sconfitta dell’Ucraina al prosieguo della guerra. Questi sondaggi sono contraddetti da quelli elettorali dove salgono il Pd e Fratelli d’Italia, i più convinti nel sostegno alla Resistenza Ucraina, mentre Salvini e Conte continuano a scendere.

E’ comunque, squalificante e immorale che il sostegno all’Ucraina venga condizionato, per alcuni partiti e per un pugno di intellettuali disfattisti, da sondaggi elettorali o di opinione che mettono ai voti la dignità di un popolo e il suo diritto a difendere l’integrità del suo territorio.

Con i putinisti italiani la frattura rischia di diventare morale e difficilmente colmabile quando arriverà la pace.

Tags:

Lascia un commento

L'indirizzo mail non verrà reso pubblico. I campi richiesti sono segnati con *

Privacy Preference Center

Preferenze

Questi cookie permettono ai nostri siti web di memorizzare informazioni che modificano il comportamento o l'aspetto dei siti stessi, come la lingua preferita o l'area geografica in cui ti trovi. Memorizzando l'area geografica, ad esempio, un sito web potrebbe essere in grado di offrirti previsioni meteo locali o notizie sul traffico locale. I cookie possono anche aiutarti a modificare le dimensioni del testo, il tipo di carattere e altre parti personalizzabili delle pagine web.

La perdita delle informazioni memorizzate in un cookie delle preferenze potrebbe rendere meno funzionale l'esperienza sul sito web ma non dovrebbe comprometterne il funzionamento.

NID

ad

Statistiche

Google Analytics è lo strumento di analisi di Google che aiuta i proprietari di siti web e app a capire come i visitatori interagiscono con i contenuti di loro proprietà. Questo servizio potrebbe utilizzare un insieme di cookie per raccogliere informazioni e generare statistiche sull'utilizzo dei siti web senza fornire informazioni personali sui singoli visitatori a Google.

__ga
__ga

other