LibertàEguale

Digita parola chiave

Iran, il quieto vivere non basterà all’Europa

Umberto Minopoli domenica 5 Gennaio 2020
Condividi

di Umberto Minopoli

 

Se l’Europa parla come deve fare un Papa è solo un nano politico, ininfluente ed inutile. Il massimo che riesce a dire sulla operazione di Trump è l’invito alla “cautela e responsabilità delle parti”. Una banalità ecumenica, priva di senso, di efficacia e di conseguenze. Per i governanti europei, Trump è stato “incauto”. Una critica non-critica. Adatta alla metafora calcistica. Non ad uno scenario di geopolitica. “Incauto ” è come dire: “i motivi per eliminare Solemaini c’erano tutti ma Trump ha sollecitato la rabbia degli ayatollah”.

Insomma, banale retorica del “quieto vivere” quella europea. Ma la politica e la strategia dove sono? Il “quieto vivere”, bandiera europea, è pura illusione e ipocrisia. Solemaini non era solo un provocatore militare, che aveva già messo in atto e stava preparando atti terribili contro la presenza Usa in Medio Oriente. Cosa che l’Europa riconosce. Il generale terrorista era la pedina chiave di un disegno egemonico dell’Iran, l’architetto del vero nuovo “Stato Islamico” globale, dalla Siria allo Yemen, di una potenza regionale (magari dotata, anche, dell’atomica), internazionalmente protetta da Russia e Cina.

Israele, la vera vittima designata, e gli Stati arabi sunniti sanno che questo è il disegno. L’Europa, ridotta alla diplomazia imbelle del quieto vivere si è tolta dalla scena geopolitica. E lo stesso Trump, sino alla uccisione di Solemaini, è stato più un facilitatore che un vero oppositore della strategia dell’Iran. Con una politica contraddittoria: da un lato, ha denunciato, giustamente, i trucchi degli ayatollah sulla questione dell’atomica (mentre l’Europa li taceva); dall’altro, Trump ha teorizzato l’abbandono della presenza Usa in Medio Oriente, rovesciando la politica di Bush e di Clinton e continuando quella di Obama del “disimpegno”, un corollario essenziale della linea dell’America First, isolazionista, protezionista e incurante degli obblighi internazionalisti della grande potenza liberale e democratica. Trump è stato costretto, dalla protervia degli ayatollah e di Solemaini, a rinnegare la sua strategia di “disimpegno”.

L’Europa, invece, stanca e timorosa, si rifugia nella retorica buonista, fa appelli vuoti, come si addice solo al Papa, alla responsabilità mentre l’Iran prepara incendi.

Tags:

Lascia un commento

L'indirizzo mail non verrà reso pubblico. I campi richiesti sono segnati con *

Privacy Preference Center

Preferenze

Questi cookie permettono ai nostri siti web di memorizzare informazioni che modificano il comportamento o l'aspetto dei siti stessi, come la lingua preferita o l'area geografica in cui ti trovi. Memorizzando l'area geografica, ad esempio, un sito web potrebbe essere in grado di offrirti previsioni meteo locali o notizie sul traffico locale. I cookie possono anche aiutarti a modificare le dimensioni del testo, il tipo di carattere e altre parti personalizzabili delle pagine web.

La perdita delle informazioni memorizzate in un cookie delle preferenze potrebbe rendere meno funzionale l'esperienza sul sito web ma non dovrebbe comprometterne il funzionamento.

NID

ad

Statistiche

Google Analytics è lo strumento di analisi di Google che aiuta i proprietari di siti web e app a capire come i visitatori interagiscono con i contenuti di loro proprietà. Questo servizio potrebbe utilizzare un insieme di cookie per raccogliere informazioni e generare statistiche sull'utilizzo dei siti web senza fornire informazioni personali sui singoli visitatori a Google.

__ga
__ga

other