LibertàEguale

Digita parola chiave

Condividi

di Umberto Minopoli

 

I militanti gridavano “unità, unità”. I dirigenti in piazza covavano la divisione. La loro ignavia è di aver impostato il dopo Renzi su due binari:

  • liberarsi del passato del Pd tra il 2013 e il 2018 (Zingaretti) e
  • rispondere al risultato del marzo 2018 con l’autocritica e le scuse sulla politica seguita dai governi del Pd (Martina, domenica).

Così il Pd si spacca. E non per volontà di Renzi.

Se la ‘nuova maggioranza’ (sembra) del Pd impone un congresso di vendetta e restaurazione (tornare al prima di Renzi) il Pd è, definitivamente, finito. E andrebbe abbandonato.

La piazza di domenica dovrebbe servire all’opposto:

  • a chiudere un dibattito interno introverso, ossessionato dall’assillo anti Renzi, dalla idea di un congresso di scontro e divisione;
  • a cambiare l’odg del Pd e del congresso: tornare alla politica. Che, in questa fase, è quella dell’opposizione. Dura ma efficace al governo gialloverde. E senza più distinzioni tra gialli e verdi.

La piazza di domenica dice “opporsi si può”. Il dovere del Pd sarebbe smetterla con le vendette e le conte su Renzi, liquidare un congresso ridotto a Primarie per chiudere con Renzi e passare alla politica. Ma qui emerge il nodo: il Pd più che su Renzi è diviso sulla politica. Liquidare Renzi è solo una copertura che serve solo a burocrati, mediocri e inconsistenti, per gonfiare ambizioni di leadership o a dorotei in sonno per tornare alle manovre ministeriali da Prima Repubblica.

La vera divisione è, invece, politica e strategica. E’ bene lo sappiano i militanti che invocano “unità”. E ruota su una domanda: “il Pd vuole fare opposizione effettiva a questo governo?” Se lo chiede con chiarezza un lucido e convincente editoriale di Angelo Panebianco.

Opposizione effettiva significherebbe:

1. smetterla con ogni illusione di dialogo con il M5S. E non per la loro subalternità a Salvini (come ha detto noiosamente il Pd sino ad ora), ma perché sono loro – e la loro piattaforma assistenzialistica e distruttiva dell’economia – il vero motore del disastro populista;

2. fare appello ad allargare l’opposizione, ben oltre i confini del Pd;

3. cominciare a delineare un’alternativa al governo, con nuove alleanze.

C’è un centrodestra (dentro e fuori Forza Italia) che non vuole finire in braccio a Salvini. E’ fatto non solo di politici forzisti ma di imprenditori, artigiani, professionisti, cittadini ed elettori (specie al Nord) delusi del governo e impauriti dal cedimento di Salvini all’assistenzialismo e all’avventurismo dei 5 Stelle.

E’ qui che va allargato il Pd: ad una nuova coalizione, rivolta a tutta l’opposizione possibile. Altro che riunire il piccolo e confuso centrosinistra. Dove dominano, su tutto, l’ubriacatura ideologica per il movimentismo dei Cinquestelle e la retorica contro la destra: anche quella liberale e di opposizione.

E’ ad un altro mondo che occorre fare appello. Non a LeU e ai fuoriusciti. Ai militanti va detta la verità: se volete un partito unito dovete liberarlo da questa mostruosità politica, dal fantasma del dialogo con i Cinquestelle e dalla resa ai confini ristretti e perdenti del centrosinistra. Confrontiamoci sulla politica non sui nomi per il segretario.

Tags:

Lascia un commento

L'indirizzo mail non verrà reso pubblico. I campi richiesti sono segnati con *

Privacy Preference Center

Preferenze

Questi cookie permettono ai nostri siti web di memorizzare informazioni che modificano il comportamento o l'aspetto dei siti stessi, come la lingua preferita o l'area geografica in cui ti trovi. Memorizzando l'area geografica, ad esempio, un sito web potrebbe essere in grado di offrirti previsioni meteo locali o notizie sul traffico locale. I cookie possono anche aiutarti a modificare le dimensioni del testo, il tipo di carattere e altre parti personalizzabili delle pagine web.

La perdita delle informazioni memorizzate in un cookie delle preferenze potrebbe rendere meno funzionale l'esperienza sul sito web ma non dovrebbe comprometterne il funzionamento.

NID

ad

Statistiche

Google Analytics è lo strumento di analisi di Google che aiuta i proprietari di siti web e app a capire come i visitatori interagiscono con i contenuti di loro proprietà. Questo servizio potrebbe utilizzare un insieme di cookie per raccogliere informazioni e generare statistiche sull'utilizzo dei siti web senza fornire informazioni personali sui singoli visitatori a Google.

__ga
__ga

other