LibertàEguale

Digita parola chiave

Condividi

di Umberto Minopoli

 

Forza Italia, con ritardo, si è convinta: fine della retorica del centrodestra unito e più nessuno sconto a Salvini. Mi pare in leggera rianimazione.

 

Un anno drammatico per l’economia

Il Pd dovrebbe approfittarne e proporre un Patto delle opposizioni. Abbandonando la nenia, ormai comica, della “manovra di destra”. Una manovra con più tasse, più assistenza, più restrizioni sui crediti bancari, più spesa per interessi e minore crescita non è di “destra”. E’ elettorale, cretina e suicida. E, semmai, populista: mette assieme il peggio del vecchio della sinistra e della destra.

Il 2019 sarà drammatico sull’economia: dopo le europee verrà al pettine il nodo (scorsoio) del Bilancio 2018: le cifre sballate della manovra, il rientro nella recessione, la montagna dell’Iva, le coperture per i due capricci del governo gialloverde (il reddito di cittadinanza e quota 100), la spesa per interessi. Tutto quello che, nel 2018, ha causato la paralisi del Parlamento e la umiliante trattativa con l’Europa, si ripeterà. Ma con cifre e numeri raddoppiati.

 

Centralità del Parlamento e Patto delle opposizioni

Sarebbe essenziale un patto delle opposizioni. Su due punti:

– il primo è la centralità del Parlamento. Nel 2019 non deve ripetersi il golpe del 2018: l’esautorazione del Parlamento dalla scrittura della manovra economica. Con atti eclatanti e clamorosi (e il preventivo appello al Capo dello Stato), l’opposizione deve impedire che si ripeta l’episodio. Non solo. L’impegno strappato dalla Commissione Europea al governo – fare a giugno il tagliando della manovra del 2018 – deve essere garanzia certa. E il tagliando va fatto a Roma, in parlamento, non solo a Bruxelles. Il tagliando è essenziale. Ci ritroveremmo, altrimenti, in autunno del prossimo anno con una montagna di tasse e tagli. Che l’austerità di Monti ci sembrerà il regno dell’oro;

– il secondo punto del patto che auspico tra Pd e Forza Italia per il 2019 è: più crescita e meno tasse. Dopo la scellerata manovra del 2018, che ha “redistribuito” le risorse finanziarie dalla produzione (investimenti, opere, spese produttive, incentivi all’occupazione, ecc.) all’assistenza, aumentando la pressione fiscale e la spesa corrente improduttiva, occorrerà una drastica correzione nel 2019. Altrimenti l’economia soffocherà. Lavoro, meno tasse e più investimenti: un patto che le opposizioni possono e devono fare.

Io lo farei tra i gruppi parlamentari di FI, Pd e altri. Evitando le fumisterie ideologiche dei partiti, i mal di pancia del loro dirigenti e le trappole mentali di quelli che nel Pd e in FI continuano a sognare l’incontro con i 5 Stelle (Pd) o il ritorno con Salvini (FI) invece di occuparsi dell’economia del Paese.

Tags:

Lascia un commento

L'indirizzo mail non verrà reso pubblico. I campi richiesti sono segnati con *

Privacy Preference Center

Preferenze

Questi cookie permettono ai nostri siti web di memorizzare informazioni che modificano il comportamento o l'aspetto dei siti stessi, come la lingua preferita o l'area geografica in cui ti trovi. Memorizzando l'area geografica, ad esempio, un sito web potrebbe essere in grado di offrirti previsioni meteo locali o notizie sul traffico locale. I cookie possono anche aiutarti a modificare le dimensioni del testo, il tipo di carattere e altre parti personalizzabili delle pagine web.

La perdita delle informazioni memorizzate in un cookie delle preferenze potrebbe rendere meno funzionale l'esperienza sul sito web ma non dovrebbe comprometterne il funzionamento.

NID

ad

Statistiche

Google Analytics è lo strumento di analisi di Google che aiuta i proprietari di siti web e app a capire come i visitatori interagiscono con i contenuti di loro proprietà. Questo servizio potrebbe utilizzare un insieme di cookie per raccogliere informazioni e generare statistiche sull'utilizzo dei siti web senza fornire informazioni personali sui singoli visitatori a Google.

__ga
__ga

other