LibertàEguale

Digita parola chiave

Il Def ‘del popolo’? Fa male ai giovani, al Sud, al lavoro

Umberto Minopoli venerdì 28 settembre 2018
Condividi

di Umberto Minopoli

 

Sul DEF minacce di giri di vite sui burocrati, pressioni, piazzate dei 5 Stelle al grido di “ indebitiamoci di più”.

Alla fine l’argine dei “tecnici” (Tria) ha ceduto. Il deficit /Pil al 2,4% è una resa alla perenne stagnazione italiana. Il debito che cresce ci frenerà per gli anni a venire e peserà sulle nuove generazioni.

La revisione della Legge Fornero è una misura dannosa, ingiusta, tecnicamente sbagliata: più pensionamenti non daranno più assunzioni. Anche questa misura è contro i giovani. C’è la “pace fiscale”, incentivo al moral hazard, ma non c’è la flat tax (sostituita da una finta).

 

E questo lo sappia Salvini, perché ha vinto Di Maio.

  1. I soldi non vanno né alla riduzione delle tasse e né agli investimenti perché vanno ai sussidi e all’assistenza.
  2. I 10 miliardi di reddito di cittadinanza (insufficienti, tra l’altro, per i presunti 6,5 milioni di cittadini sbandierati in pubblico) sono non solo una misura demagogica, improduttiva e immorale.
  3. Ma che peserà per l’avvenire: ogni anno dovremo trovare i soldi per finanziarla a danno di altre spese utili, produttive e degli investimenti.
  4. Al reddito di cittadinanza è dovuta la mancanza di investimenti strutturali nel DEF.

 

Il governo, ricattato da Di Maio, ha scelto la stagnazione alla crescita. Lo sappiano gli elettori della Lega. E lo sappiano gli elettori del Sud. Che, in nome di un sussidio infame, scompaiono dell’agenda del governo. Tria si è dimostrato un’argine poco efficace. E dovrebbe dimettersi. Mattarella deve riflettere: siamo vicini al 2011. Ora vedremo la battaglia parlamentare sul Def: peggiorerà le cifre già sballate o sarà l’occasione, per opposizioni finalmente unite, di provare a salvarci prima del tunnel? O dobbiamo sperare nell’Europa e nei mercati?

Presidente dell’Associazione Italiana Nucleare. Ha lavorato nel Gruppo Finmeccanica e in Ansaldo nucleare. Capo della Segreteria Tecnica del Ministro delle Attività Produttive tra il 1996 e il 1999. Capo della Segreteria Tecnica del Ministro dei Trasporti dal 1999 al 2001. Consigliere del Ministro dello Sviluppo Economico per le politiche industriali tra il 2006 e il 2009.

Tags:

Lascia un commento

L'indirizzo mail non verrà reso pubblico. I campi richiesti sono segnati con *