LibertàEguale

Digita parola chiave

Condividi

di Umberto Minopoli

 

Una truffa: il reddito di cittadinanza. Abolizione della povertà, seconda la ciancia dei demagoghi a 5 Stelle.

Devono dividere 6 miliardi (spesa prevista per il reddito e le pensioni di cittadinanza) per 1,8 milioni di famiglie, quelle calcolate povere assolute (9 mila euro di reddito). Fanno 330 euro mensili per ogni povero. Dove stanno i 780 euro promessi in campagna elettorale? Sono più che dimezzati.

Non solo. Per la stessa platea il governo Gentiloni aveva già stabilito il REI (reddito di inclusione): dava 303 euro mensili per ogni avente diritto. Praticamente lo stesso.

Non solo. I 330 euro di Di Maio sono al netto di ogni altro sostegno (statale, regionale, comunale) di cui gli aventi diritto dovessero già godere.

Non solo. I 6 miliardi sono al lordo delle spese per i centri per l’impiego, quelli che in 18 mesi di reddito dovrebbero proporre ben tre lavori almeno ad ogni disoccupato (una burla).

Non solo. I 6 miliardi del reddito sono coperti: nel 2018 con il furto ai pensionati dell’adeguamento delle pensioni e con il taglio degli investimenti; nel 2019 con l’aumento dell’Iva, cioè con tasse per tutti, poveri compresi.

E per questa truffa che durerà solo tra marzo (data prevista per il reddito) e maggio (data delle elezioni europee) per poi esplodere, stanno decidendo (col bavaglio al Parlamento) una manovra che ci riporterà, nel 2019, dalla ripresa (gli anni dei governi Renzi) alla recessione: decrescita e disoccupazione (e in più carovita con l’aumento dell’Iva). Che le 1,8 famiglie di poveri pagheranno per prime.

Abolizione della povertà? Certo, nel senso dei vecchi regimi comunisti: si abolisce la povertà perché tutti saranno più poveri.

 

Presidente dell’Associazione Italiana Nucleare. Ha lavorato nel Gruppo Finmeccanica e in Ansaldo nucleare. Capo della Segreteria Tecnica del Ministro delle Attività Produttive tra il 1996 e il 1999. Capo della Segreteria Tecnica del Ministro dei Trasporti dal 1999 al 2001. Consigliere del Ministro dello Sviluppo Economico per le politiche industriali tra il 2006 e il 2009.

Tags:

Lascia un commento

L'indirizzo mail non verrà reso pubblico. I campi richiesti sono segnati con *

Riepilogo preferenze privacy

Preferenze

Questi cookie permettono ai nostri siti web di memorizzare informazioni che modificano il comportamento o l'aspetto dei siti stessi, come la lingua preferita o l'area geografica in cui ti trovi. Memorizzando l'area geografica, ad esempio, un sito web potrebbe essere in grado di offrirti previsioni meteo locali o notizie sul traffico locale. I cookie possono anche aiutarti a modificare le dimensioni del testo, il tipo di carattere e altre parti personalizzabili delle pagine web.

La perdita delle informazioni memorizzate in un cookie delle preferenze potrebbe rendere meno funzionale l'esperienza sul sito web ma non dovrebbe comprometterne il funzionamento.

NID

ad

Statistiche

Google Analytics è lo strumento di analisi di Google che aiuta i proprietari di siti web e app a capire come i visitatori interagiscono con i contenuti di loro proprietà. Questo servizio potrebbe utilizzare un insieme di cookie per raccogliere informazioni e generare statistiche sull'utilizzo dei siti web senza fornire informazioni personali sui singoli visitatori a Google.

__ga
__ga

other