LibertàEguale

Digita parola chiave

Salvi per poco, ma l’Italia dovrà pagare il conto

Umberto Minopoli lunedì 24 dicembre 2018
Condividi

di Umberto Minopoli

 

Come la Grecia del 2014? In parte.

Velleitari e sbruffoni come il primo Tsipras: andarono in Europa per suonare e furono suonati. Volevano spezzare le reni alla Commissione europea. Hanno dovuto riscrivere tutti i numeri della manovra ( ma solo per il 2018) sotto dettatura della Commissione.

La Grecia di Tsipras, però, ereditò la crisi economica dai precedenti governi. Questi avevano ereditato conti in ordine e ripresa dell’economia. Ci hanno messo le mani con la loro “manovra del popolo” (reddito di cittadinanza e quota 100) e i conti sono saltati. E siamo in recessione e reinfilati nel tunnel (da cui eravamo usciti).

Peggio, dunque, perfino del primo Tsipras. A cui però, per fortuna della Grecia, l’Europa riuscì a cambiare le velleità. E la Grecia si è salvata.

Nel nostro caso no. L’Europa ci ha corretto la manovra. Ma non ha infierito. Poteva stracciare una manovra assurda. Che, pur con le correzioni europee, è un terribile intruglio di più spesa assistenziale in deficit, più tasse, più debito e recessione.

L’Europa lo sa. Poteva fermarli con la procedura di infrazione. Ma non ha avuto la forza per farlo. L’Italia non è la Grecia. Saremmo tracollati sui mercati finanziari e un tracollo in Italia si rovescia sull’intera Europa. Bisogna essere attenti anche nel punire l’Italia. Pur se è governata da un manipolo di avventurieri, incompetenti e incendiari. Guidati da una foglia di fico patetica: il premier.

Ma l’Europa si è cautelata diversamente. Invece che la procedura di infrazione ha scelto un’altra strada.

Primo, mettere sotto controllo il governo degli avventurieri piazzando una verifica a giugno (dopo le europee) per controllare che non abbiano (succederà) sforato gli impegni (di deficit e di spesa) già nei prossimi 6 mesi.

Secondo, mettere una serie di penali e fideiussioni sulla manovra del 2019 (in caso si sforamenti degli impegni) che uniti all’Iva da recuperare nel 2019 (19 miliardi) e nel 2020 (21 miliardi) ci dicono che a giugno 2019 l’Italia avrà di fronte un burrone, un baratro, una valle di lacrime e sangue di sacrifici, rincari, tasse e aumenti.

Credo sia chiaro: nemmeno gli avventurieri al governo pensano di affrontare la manovra del 2019. Lasceranno. Magari dopo le elezioni. Il problema è: esiste un’alternativa in questo Parlamento? O non rimarrà che il voto politico? Ne è consapevole l’opposizione? Certo, per le nostre tasche, non ci dovremmo augurare che questi mangino il panettone del 2019.

Presidente dell’Associazione Italiana Nucleare. Ha lavorato nel Gruppo Finmeccanica e in Ansaldo nucleare. Capo della Segreteria Tecnica del Ministro delle Attività Produttive tra il 1996 e il 1999. Capo della Segreteria Tecnica del Ministro dei Trasporti dal 1999 al 2001. Consigliere del Ministro dello Sviluppo Economico per le politiche industriali tra il 2006 e il 2009.

Tags:

Lascia un commento

L'indirizzo mail non verrà reso pubblico. I campi richiesti sono segnati con *